.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

a

martedì 31 marzo 2009

U cuccu di sant’Antonio

"U cuccu di santI fatti e gli avvenimenti che ho deciso di narrare, pur nella loro gran singolarità, invero un po' difficile a credersi, sono stati realmente vissuti da un giovane mio concittadino che conosco molto bene: si potrà ritenerli figli di circostanze puramente casuali e contingenti, ma, sul serio, sono andati proprio nella maniera che narrerò, anche se a molti può sembrare una storia dal sapore fiabesco ed il frutto di una pura invenzione.

Ad ogni modo questo racconto vuole colpire giusto un po' la sensibilità delle persone che lo leggeranno, lasciando comunque alle stesse la possibilità di una liberissima e personalissima interpretazione delle vicende descritte. Soprattutto vuole rendere onore ad un Santo Grandissimo e Potentissimo, amato e venerato immensamente in tutto il mondo: il Glorioso Sant'Antonio di Padova."

Dall’introduzione di “U cuccu di sant’Antonio” di Domenico Barletta.

Per sapere che cosa sia il “cuccu di sant’Antonio”, per chi non lo conoscesse, e quali siano i fatti e gli avvenimenti narrati nel libro, bisogna leggere il libro. Esso è un viaggio che tocca il dolore, i ricordi dell’infanzia, la figura di un santo legato alla storia e alle tradizioni cegliesi e la natura con un insetto, che è stato per me una piacevole scoperta.    

lunedì 30 marzo 2009

Sport




































Dalla redazione sportiva





Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G
A.D. BASKET CEGLIE - PESCARA
67-79

Parziali: 25-17 / 18-18 / 11-27 / 13-17


Una delusione, una pessima partita.
L'attesa per il ritorno sul parquet del palazzetto cegliese di Gaston Rossi Pose, giocatore amato dalla tifoseria locale durante gli scorsi campionati svolti con la casacca giallo-blu, ha avuto un risvolto amaro.
I primi due quarti scorrono tranquillamente con il vantaggio dei padroni di casa e con una superba prestazione di Abet, play che ha sostituito Rossi Pose nell'attuale roster.
E' il terzo quarto quello decisivo per le sorti della partita. In poco tempo il Pescara colma il distacco pareggiando sul 43 a 43 e dopo una serie di capovolgimenti prende definitivamente il comando della gara. Questa volta la capacità di reagire è mancata. Troppa sufficienza nei confronti dell'avversario, che sembrava domato, ma che in realtà non lo era. Il Martina raggiunge il Ceglie in classifica e si riprende il secondo posto per la differenza canestri. Restano due partite prima dei play-off.
Forza Ceglie.



Classifica: Bisceglie 52, Ceglie 42, Martina 42, M.S. Campobasso 40, Monopoli 34, Airola 28, Termoli 28, Taranto 26, Francavilla 26, Lucera 22, Lanciano 22, Salerno 20, Pescara 20, Napoli 20, O. Campobasso 16, Benevento 10.


Pallacanestro Serie C Regionale
N.P. CEGLIE - A.B. BRINDISI
73-67



Classifica: Monteroni 48, Lecce 42, Juve Trani 44, Mola 36, Barletta 28, Castellana 28, Trinitapoli 24, N.P Ceglie 26, Bari 22, Poseidone Brindisi 22, FBK Trani 20, Mesagne 18, Invicta Brindisi 14,Nardò 14, Trevi Brindisi 6.




Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
MASSAFRA - OSAM VOLLEY CEGLIE
1 - 3



Classifica: San Pietro 58, Oria 56, Noci 55, Ceglie 44, Ugento 43, Puglia Eco 29, Corsano 26, Brindisi 25, Galatina 23, Nardò 23, Massafra 22, Trepuzzi 21, Fit Center 13, Talsano 3.


Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B
E.P. MASSAFRA - N.P. CEGLIE
3 - 0

Parziali: 25-16 / 25-17 / 25-20



Classifica: Torricella 49, SV Campi Sal. 49, Ricciato 37, Pal."S.Mariano 37, Lecce 32, Talsano 31, S. Elia Brindisi 29, ASDP 80 Brindisi 25, Massafra 22, NP Ceglie 16, ASDT Volley Brindisi 8, Autoargentiero 4.

domenica 29 marzo 2009

Buona domenica










Ore 10:00 Passeggiata nella campagna cegliese

Ore 13:00 Pranzo

Ore 15:00 Passeggiata nel centro storico:
Palazzi e stemmi araldici.
Guida uno studioso locale.

Ore 18:00
Palazzetto dello sport
CEGLIE - PESCARA
Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G

Ore 18:00 Teatro comunale
La compagnia de
"I senza vergogna"
presenta il musical
Per una strana combinazione
liberamente ispirato da un racconto di Mark Twain
.



L'orchidea cegliese.
In sostituzione della passeggiata in campagna ed in preparazione per le prossime, consiglio la lettura di "L'orchidea cegliese, Trattatello seminaturalistico dell'Orchidea cegliese e del suo habitat: i prati delle Murge Sudorientali" di Domenico Barletta nostro concittadino.
L'Ophrys oxyrrhynchos subsp. celiensis, altrimenti detta "Orchidea cegliese" è una piccola orchidea rarissima, che cresce solo ed unicamente nella penisola salentina, in particolare nelle province di Brindisi e Taranto. La fioritura delle piantine di Orchidea Cegliese avviene di solito in aprile e maggio. Altre informazioni e un apparato grafico/fotografico nel libro.
In settimana un post dedicato all'ultima pubblicazione dello stesso autore.


Palazzo Allegretti.
Il palazzo, risalente al ‘700, il cui prospetto è stato rifatto, in stile neoclassico, nel 1870, con conci in pietra gentile locale, possiede due ampi portali sovrastati dagli stemmi araldici degli Allegretti e dei Cenci.
Vasto ed arioso, l’edificio, nell’ala prospiciente la Piazza Vecchia, annovera un salone al cui controsoffitto ligneo è applicata una enorme tela raffigurante l’Angelo del Giudizio, risalente alla fine del XVIII secolo, così come le sopraporte ed i dipinti delle altre sale tra le quali è compresa la cappella privata della famiglia con un altare lapideo e policromato: su di esso è collocata una tela che rappresenta un austero Cristo Crocifisso, di autore ignoto, operante in ambito salentino-pugliese.


Foto:
Ophrys oxyrrhynchos subsp. celiensis
Palazzo Lupoli
Palazzo Allegretti

venerdì 27 marzo 2009

I rifiuti domestici in ordine Alfabetico

Guida alla Raccolta Differenziata_ATO-BR2Una nuova guida alla Raccolta Differenziata elenca i rifiuti domestici in ordine alfabetico, come in qualsiasi vocabolario, e la loro relativa destinazione.
Clicca sull'immagine.
"Buste e contenitori devono essere posizionati nei pressi della propria abitazione, su suolo pubblico, dalla sera prima del giorno di raccolta dalle 22:00 alle 6:00. Gli operatori ecologici inizieranno il ritiro dalle ore 6:00 in poi. Per la buona riuscita del Servizio è indispensabile effettuare una corretta differenziazione dei rifiuti in casa, con particolare attenzione per la FRAZIONE UMIDA.La presenza di materiali estranei come vetro, plastica, metalli, pile, ecc. nel contenitore marrone IMPEDISCE il recupero di scarti organici ed alimentari comportando un aumento dei costi e danni all’Ambiente. Nel dubbio conferiamo i rifiuti nel contenitore grigio della FRAZIONE NON RICICLABILE."

giovedì 26 marzo 2009

PUG

Sede Municipale
Sabato ore 10:30
Conferenza stampa sul PUG



Angelo Palma, gestore del sito La voce di Angelo Palma, ci segnala che: " La giunta ha avviato l'adozione commissariale del Pug, dichiarando la propria incompatibilità."


Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267
"Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"


2. Gli amministratori di cui all'articolo 77, comma 2, devono astenersi dal prendere parte alla discussione ed alla votazione di delibere riguardanti interessi propri o di loro parenti o affini sino al quarto grado. L'obbligo di astensione non si applica ai provvedimenti normativi o di carattere generale, quali i piani urbanistici, se non nei casi in cui sussista una correlazione immediata e diretta fra il contenuto della deliberazione e specifici interessi dell'amministratore o di parenti o affini fino al quarto grado.


Legge Regionale 27 luglio 2001, N. 20
"Norme generali di governo e uso del territorio"

Art. 11 (Formazione del PUG)
4. La Giunta comunale, sulla base del DPP di cui al comma 1 e delle eventuali osservazioni, propone al Consiglio comunale l'adozione del PUG. Il Consiglio comunale adotta il PUG e lo stesso è depositato presso la segreteria comunale; dell'avvenuto deposito è data notizia mediante pubblicazione di avviso su tre quotidiani a diffusione provinciale nonché mediante manifesti affissi nei luoghi pubblici.


Sacchetti in plastica

In Italia sono circa 200 000 le tonnellate di shopper in polietilene prodotti ogni anno, di cui quasi la metà circa destinate all'esportazione. Sono 8000 circa, invece, le tonnellate di bioplastiche utilizzate per produrre sacchetti per la spesa, realizzate in Mater-Bi, una famiglia di bioplastiche nate dalla ricerca italiana di Novamont e costituite da materie prime rinnovabili di origine agricola (amidi e olii vegetali - non ogm). Il sacchetto in bioplastiche è una alternativa indispensabile nella raccolta della frazione organica dei rifiuti, lì dove il sacchetto compostabile e degradabile diviene parte del concime, senza inquinare le caratteristiche organolettiche del compost.
Dal primo gennaio 2010 entra in vigore il divieto di produzione e commercializzazione di sacchetti in plastica non biodegradabili come previsto dalla Finanziaria 2007. Il problema è che i decreti attuativi non sono mai stati emanati né sono previste sanzioni per i trasgressori.
Scommettiamo che ci sarà un rinvio?
Le crisi economiche non si combattono anche con la ricerca e con la trasformazione dei sistemi produttivi?
Naturalmente per la spesa l’ideale sarebbe quello di riutilizzare sempre le stesse borse, superando così il concetto di usa e getta, che ha già prodotto molti danni all'ambiente.

Legge 27 dicembre 2006, n. 296
"Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007)"

1129. Ai fini della riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, del rafforzamento della protezione ambientale e del sostegno alle filiere agro-industriali nel campo dei biomateriali, e' avviato, a partire dall'anno 2007, un programma sperimentale a livello nazionale per la progressiva riduzione della commercializzazione di sacchi per l'asporto delle merci che, secondo i criteri fissati dalla normativa comunitaria e dalle nonne tecniche approvate a livello comunitario, non risultino biodegradabili.
1130. Il programma di cui al comma 1129, definito con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e con il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, da adottare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, e' finalizzato ad individuare le misure da introdurre progressivamente nell'ordinamento interno al fine di giungere al definitivo divieto, a decorrere dal l gennaio 2010, della commercializzazione di sacchi non biodegradabili per 1'asporto delle merci che non rispondano entro tale data, ai criteri fissati dalla normativa comunitaria e dalle norme tecniche approvate a livello comunitario.

lunedì 23 marzo 2009

Sport




































Dalla redazione sportiva





Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G
AIROLA - A.D. BASKET CEGLIE
80-87

Parziali: 21-27 / 28-12 / 12-17 / 19-31



Classifica: Bisceglie 50, Ceglie 42, Martina 40, M.S. Campobasso 38, Monopoli 34, Airola 28, Termoli 28, Taranto 24, Francavilla 24, Lucera 22, Lanciano 22, Salerno 18, Pescara 18, Napoli 18, O. Campobasso 16, Benevento 10.


Pallacanestro Serie C Regionale
N.P. CEGLIE - NARDÒ
74-60



Classifica: Monteroni 48, Lecce 42, Juve Trani 42, Mola 34, Barletta 28, Castellana 28, Trinitapoli 24, N.P Ceglie 24, Bari 20, Pos. Brindisi 22, FBK Trani 18, Mesagne 16, Invicta Brindisi 14,Nardò 12, Trevi Brindisi 6.




Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
OSAM VOLLEY CEGLIE - VOLLEY NOCI
0 - 3
Parziali: 17-25 / 18-25 / 21-25



Classifica: San Pietro 55, Oria 55, Noci 53, Ceglie 41, Ugento 40, Puglia Eco 28, Galatina 23, Massafra 22, Brindisi 25, Corsano 24, Trepuzzi 21, Nardò 20, Fit Center 10, Talsano 3.


Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B
NP VOLLEY CEGLIE - TALSANO
0 - 3

Parziali: 22-25 / 19-25 / 24-26



Classifica: Torricella 48, SV Campi Sal. 47, Ricciato 37, Pal."S.Mariano 34, Lecce 32, Talsano 31, S. Elia Brindisi 26, ASDP 80 Brindisi 22, Massafra 19, NP Ceglie 16, ASDT Volley Brindisi 8, Autoargentiero 4.

sabato 21 marzo 2009

Buona domenica

Previsioni su Puglia e Basilicata:
VENERDI' 20 - SABATO 21 - DOMENICA 22:
CIELO: molto nuvoloso con precipitazioni che oltre i 500 metri potranno assumere carattere nevoso
VENTO: moderati, localmenti forti da quadranti settentrionali
TEMPERATURA: deciso calo termico
MARE: in burrasca Basso Adriatico e Canale d'Otranto, molto
mossi o agitati gli altri bacini


Sabato

Ore 19:00 Piazza Plebiscito, ufficio del turismo
Musica di Valentina Jacovelli
"Artists against war", collettiva di artisti
.
Ore 19:30
Palazzetto dello sport

OSAM VOLLEY CEGLIE - VOLLEY NOCI
Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
Ore 22:00 Jazz Club Petra
Italian Swingers Band

Domenica

Ore 10:00 Passeggiata nella campagna cegliese
Ore 13:00 Pranzo
Ore 15:00 Passeggiata nel centro storico:
Iscrizioni latine e motivi apotropaici.
Guida uno studioso locale.
Ore 18:00
Palazzetto dello sport
NP CEGLIE 2001 - NUOVA PALL NARDÒ
Pallacanestro Serie C Regionale
Ore 18:00 Palestra scuola media G. Pascoli
NUOVA PALLAVOLO CEGLIE - TALSANO
Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B

Ore 19:30 Teatro comunale
JAZZ MOMENTS ...
In a classic mood

Brani della musica leggera italiana dagli anni ’40 ad oggi, del musical, delle colonne sonore.
Ore 20:00 Piazza Plebiscito, ufficio del turismo
"Non ci dimenticate!"
presentazione del libro del prof. Paolo Farina
e performance di Marilina Razzi e Giuseppe Ciciriello

Lunedì

Ore 18:30 Seduta del Consiglio Comunale
Per conoscere gli argomenti in dicussione: clicca qui



Ceglie Plurale, Anno II - n. 14 - dicembre 2002

Elementi di cultura latina in alcune iscrizioni del centro storico

Cosimo Francesco Palmisano

Un testo di recente rinvenimento.
L'ultima iscrizione latina del centro storico è venuta alla luce l'estate scorsa, durante i lavori di restauro esterno di Palazzo Greco, nel vico retrostante l'abside della Chiesa Collegiata.
La scrittura, ben visibile, é collocata su una porta murata.Il testo emerso, inciso in caratteri prevalentemente corsivi nel primo rigo, in caratteri cubitali nel secondo, presenta qualche lieve abrasione e quattro abbreviature, alcune delle quali potrebbero far pensare anche a sviste di un lapicida non troppo aduso alla scrittura.

Ad un primo impatto il testo si presenta così:

EX quo omIA PER quem onA In quo omnIA
IPSI GLORIA IN SECU.. AMEn
A
1717 D
 
Nella sua resa lessicale completa, esso va letto così:
EX QUO OMNIA PER QUEM OMNIA IN QUO OMNIA
IPSI GLORIA IN S(A) ECU (LA) AMEN A (nno) D (omini)
1717.

Da lui (cioè da Dio), per lui, in lui (sono) tutte le cose a lui gloria nei secoli. Amen. Anno del Signore 1717.
Il testo dell'epigrafe nel I° rigo è una libera contaminazione di alcuni loci delle Epistole di San Paolo, nella resa latina della Vulgata di Gerolamo. In particolare mi sembra che il suo autore abbia contaminato almeno due passi. In Romani XI, 36a leggiamo: Ex ipso et per ipsum et in ipso sunt omnia"; in I^ Corinzi, VIII, 6 si dice: " Nobis tamen unus est Deus, Pater, ex quo omnia et nos in illum, et unus Dominus Iesus Christus, per quem omnia, et nos per
ipsum" che significa: " Noi abbiamo un solo Dio, il Padre, da cui tutte le cose e noi per lui, e un solo Signore Gesù Cristo, per cui tutte le cose e noi per mezzo di lui". Almeno altri sette passi di Epistole paoline presentano affinità lessicali col primo riga di questa scrittura.

Il secondo rigo "ipsi gloria in saecula. Amen. " è la puntuale ritrascrizione di Romani, XI, 36 b, ovvero della chiusa dell'intero undicesimo capitolo della Lettera. L’autore della scritta ha volutamente contaminato un concetto topico delle Epistole paoline per creare, nel primo rigo della stessa, effetti retorici vistosi. La triplice anfora di Omnia e la collocazione in poliptoto del pronome relativo (ex quo, per quem, in quo), disposto altresì in una climax, conferiscono al testo medesimo ricercatezza stilistica.



venerdì 20 marzo 2009

Artists against war

"Artists against war" è una collettiva di artisti, che con le loro opere, riflettono sugli orrori delle guerre. La mostra è stata aperta venerdì 13 marzo e proseguirà sino al 1 aprile a Ceglie Messapica, piazza Plebiscito 9 (ufficio del turismo) con l'esposizione di tele, sculture, installazioni, performance teatrali e musicali. Questo importante evento é stato organizzato dall' associazione "Orto delle Arti " e curato da Irina Hale e Paolo Del Gaudio.

All'interno della mostra prosegue la raccolta di fondi per i bambini palestinesi vittime della guerra, fondi diretti in Palestina attraverso la Ong Palestinese associazione Apple Tree.

giovedì 19 marzo 2009

JAZZ MOMENTS ...


L'Italia dell'immediato secondo dopoguerra ha goduto dei vantaggi, anche in ambito musicale, dell'aggiornamento culturale seguito all'avanzata delle truppe degli Alleati sul territorio. Si diffusero rapidamente tutte le mode musicali di origine straniera, che erano state ostacolate negli anni precedenti dal regime fascista: le canzoni americane di Cole Porter e Frank Sinatra, il jazz di Louis Armstrong e Benny Goodman, le colonne sonore dei film di Hollywood, i ritmi sudamericani della samba e della rumba. Il jazz, la forma sonora afroamericana più nota e diffusa nel nostro paese negli anni del dopoguerra, ha riscontrato una forte ripresa di interessi e di conoscenze. Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana». Esso era stato reso celebre negli anni della guerra e ancor prima, principalmente da autori quali Carlo Alberto Rossi (Nun è peccato , o Mister Jazz ), Giovanni D'anzi (Ma le gambe, o Quando canta Rabagliati), e Gorni Kramer (Pippo non lo sa cantata dal Trio Lescano, o Ho un sassolino nella scarpa, resa celebre da Natalino Otto).


Domenica 22 marzo Ceglie Messapica (BR)
Teatro comunale ore 19.30
JAZZ MOMENTS ...
In a classic mood
Brani della musica leggera italiana dagli anni ’40 ad oggi, del musical, delle colonne sonore.

Mino Lacirignola - tromba e cornetta
Pino Pichierri - clarinetto e sax soprano
Guido Di Leone - chitarra e banjo
Giuseppe Bassi - contrabbasso
Fabio Delle Foglie - batteria
Patty Lomuscio - vocalist

mercoledì 18 marzo 2009

Turismo

L’ A.P.T. Azienda di Promozione Turistica brindisina sarà presente dal 26/3 al 29/3 alla fiera londinese “La dolce vita”, manifestazione dedicata interamente all’Italia e all’Italian Lifestyle. L’obiettivo della Dolce Vita è di ricrecare nel cuore di Londra le caratteristiche principali dell’Italia: arte, passione, cultura, ospitalità e gusto. Per questo motivo, una serie di aree saranno allestite con tematiche precise e grande attenzione sarà data alle differenti realtà regionali. Negli anni passati la manifestazione ha avuto un grande successo lasciando soddisfatti sia gli operatori che il pubblico. I vantaggi della partecipazione ad un evento simile sono ovviamente dati dalla possibilità di entrare in contatto con una moltitudine (circa ventimila) di consumatori di fascia alta disposti a spendere per la qualità, la grande visibilità mediatica e di marketing e la possibilità di sfruttare l'evento per raccogliere dati ed informazioni di mercato.

In questo appuntamento fieristico saranno distribuite le sette pubblicazioni tematiche riguardanti la provincia di Brindisi :“Il mare”, “La collina”, “Storia, arte e cultura”, “In vacanza tutto l’anno: enogastronomia e benessere”, “Castelli, masserie e centri storici”, “Ospitalità: elenco e descrizione delle strutture turistiche del territorio” e “Itinerari di cicloturismo”.

Le aziende turistiche cegliesi sono state invitate a partecipare fornendo materiale pubblicitario in lingua inglese.

martedì 17 marzo 2009

Ambiente


Questa sera alle ore 18.00 si svolgerà presso la sede comunale di Ceglie Messapica, in via E. De Nicola n. 2, la premiazione del concorso “Il Buon Palato e il Bel Paesaggio” e l’inaugurazione della mostra fotografica, che resterà aperta fino al 17 aprile 2009. Si tratta di un’iniziativa, promossa dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’Associazione “Ceglie è…” nell’ambito del Piano di Sviluppo Locale ALTO SALENTO, mis.1.4.5., Piano di Iniziativa Comunitaria L.E.A.D.E.R.+.
L’obiettivo del premio è quello di diffondere la cultura della conservazione e della tutela del paesaggio, attraverso un concorso bandito tra le aziende agricole operanti nel territorio di Ceglie Messapica che, nella loro attività di trasformazione e produzione, preservano il paesaggio agrario e naturale.



Pubblicato nei giorni scorsi il bando di gara, disponibile sul sito del Comune, per l’affidamento del servizio di gestione del Centro di Educazione Ambientale.
Clicca qui.

II Centro di Educazione Ambientale ha l'obiettivo dl far conoscere il valore storico ed ambientale del territorio. La struttura fungerà come centro di documentazione e formazione, luogo per la diffusione della cultura del rispetto e della tutela dell'ambiente, promozione dei servizi del territorio, valorizzazione delle risorse locali.

Alcuni dei servizi e delle attività che il CEA dovrà svolgere, nell’ambito delle tematiche sopra elencate, sono:
Percorsi didattici per le scuole con attività in aula, laboratorio, sul campo;
Incontri divulgativi nel quartieri e nei luoghi dl aggregazione locali;
Corsi dl formazione ed aggiornamento, stages;
Attività di studio e documentazione sul territorio;
Campi studio, campi estivi e dl volontariato ambientale;
Attività di manutenzione ambientale del territorio;
Attività di animazione del territorio;
Escursioni naturalistiche guidate, …;
Attività promozionali, mostre, esposizioni, incontri....

sabato 14 marzo 2009

Buona domenica

Previsioni meteo su Puglia e Basilicata:
VENERDI' 13 - SABATO 14 .- DOMENICA 15:
CIELO: poco nuvoloso
VENTO: moderato da maestrale tendente ad attenuarsi dalla
serta di venerdì e ruotare a libeccio da domenica
TEMPERATURA: nella media del periodo ed in rialzo da domenica
MARE: molto mosso, con moto ondoso in diminuzione


Domenica
Ore 11:00 Passeggiata a Ceglie

Ore 13:00 Pranzo

Ore 15:00 Passeggiata nella campagna cegliese
Le Masserie: Architetture residenziali e produttive
Prima che scompaiano .... grazie all'opera degli spellatori e ai riduttori di lotto minimo.

Ore 18:00
Palazzetto dello sport
A.D. BASKET CEGLIE - OLIMPIA CAMPOBASSO
Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G

Ore 19:30 Centro Anziani
Compagnia teatrale "Nunzia Stoppa":
Tutto il mondo è pais
commedia dialettale tarantina
adattamento in dialetto cegliese

regia Mino Gervasi


Le ultime notizie sulla Raccolta differenziata su Tribuna Libera



E' bello sapere che lo sport a Ceglie piano piano si stia riprendendo il proprio spazio,altrettanto bello è vedere i giovani che lo seguono,si appassionano e facciano il tifo.Ma ho ancora una grossa spina nel cuore...Dopo tanti anni non si è ancora riusciti a creare una squadra di Basket femminile. Continuerò a sperare con la certezza che qualcuno un giorno si ricordi che anche nella femminile, questo sport in Ceglie ci ha regalato belle emozioni.
Un commento anonimo in Ceglie Messapica - Cegliesi nel mondo

Sarebbe bello avere notizie dall'A.D. Basket Ceglie e dalla N. Pallacanestro Ceglie 2001.

Riondino accompagna Vergassola...

Teatro Comunale di Ceglie Messapica.
Lunedì 16 marzo, ore 21
Riondino accompagna Vergassola ad incontrare Madame Bovary
con David Riondino e Dario Vergassola


Dopo aver riletto alla loro maniera uno dei più famosi e importanti capolavori della letteratura mondiale, il Don Chisciotte di Miguel de Cervantes, Riondino e Vergassola propongono, senza timore e senza vergogna, un inedito e quanto mai improbabile incontro con il Gustave Flaubert di Madame Bovary. La cultura di Riondino si intreccia con il cabaret piccante di Vergassola creando un gradevole mix che promette una serata culturale dedicata alla scoperta di un capolavoro letterario dell’Ottocento europeo: se fossero stati due professori universitari, avrebbero magari scritto un trattato, ma essendo il loro mestiere quello dei ‘cantattori’ stralunati e comici, ne hanno ricavato uno spettacolo colto e divertente. I due immaginano, in questo nuovo lavoro teatrale, che il Ministero della Cultura lanci un’insolita campagna nei teatri, affidata ad attivisti organizzati nelle minacciose Brigate Culturali, con l’obbiettivo di alzare il livello medio degli attori di cabaret. Un comico scelto a caso tra i più ignoranti in letterature classiche verrà pubblicamente torturato in scena sotto forma di interrogatorio-lezione su un classico fondamentale dell’800: Madame Bovary di Gustave Flaubert. Viene estratto un nome che si è particolarmente distinto, tra molti, per il livello da bar della propria estetica: Dario Vergassola. Trascinato a forza sul palcoscenico, viene sottoposto da Riondino ad un interrogatorio su Flaubert e l’Ottocento. Constatata la sua ignoranza in materia, Vergassola è sottoposto alla pena di ascoltare la storia di Emma Bovary, che Riondino legge ed illustra, ed è costretto a commentare i passaggi della storia. Lo farà a suo modo, individuando nella Bovary di Flaubert quei passaggi e quei momenti che ancora ci parlano, tratteggiando la psicologia di una giovane donna di provincia in relazione alle occasioni che la vita le offre. A fronte della corrosiva vena satirica di Vergassola, il romanzo – questa è la scommessa – si rivela ancora vivo, provocatorio, sconcertante. La messa in scena, semplicissima, si basa sugli elementi primari della comicità: l’argomento e la parola, il tema e il ritmo. C’è qualcuno che legge e racconta un tema “alto”, e qualcun altro che lo riduce a comunissimi denominatori. Chi legge e racconta ha luci colorate e musiche, che ricordano l’enfasi della parola resa sacra dal tempo. Chi commenta è irrimediabilmente privo di colori, attaccato alla sua seggiola da bar. Chiosa Riondino: “Alla fine della seduta, nel migliore dei casi, si conseguiranno tre risultati apprezzabili. Il primo, aver alzato il livello medio di conoscenza del comico Vergassola; il secondo, quello di aver raccontato a chi non lo conosceva e ricordato a chi lo conoscesse il capolavoro di Flaubert. Il terzo, nel caso migliore, aver esposto in maniera chiara, senza altro strumento che non la voce e le parole, le tecniche, i ritmi, lo humour e la relazione tra attori che sono la sostanza del lavoro del comico”.

venerdì 13 marzo 2009

Conferenza stampa

Fuori tema con il post (precedente, n.d.r.), vorrei commentare alcune dichiarazioni dei consiglieri PdL, rese questa sera (ieri, n.d.r.) a TRCB, in vista della replica di domani (oggi, n.d.r.). Indicherò le loro affermazioni con la lettera A e i miei commenti con la C.


Rifiuti
A1 Il capitolato prevede 5 prelievi settimanali dell'umido invece dei quattro attuali
C1 Vero. L'ATO ha chiesto a Monteco di adeguarsi. Non ci ripetiamo !
A2 C’è il rischio di pagare l’ecotassa se non si raggiungono i livelli stabiliti di differenziata.
C2 Vero, ma pensiamo al passato e al presente; il futuro c’è tempo per giudicarlo.
A3 Il progetto della differenziata non rispetta le abitudini del paese.
C3 Assurdo. La differenziata rappresenta di per sé una discontinuità e richiede perciò un tempo di adeguamento. Non può essere in linea con le abitudini.
A4 I kit non tengono conto delle diverse superfici delle case.
C4 Non è vero. Sono stati distribuiti kit piccoli e grandi.
A5 Le informazioni sono state date dal 20 gennaio.
C5 Non è vero. La campagna informativa è iniziata in ritardo, ma comunque dai primi di gennaio.
A6 Pagheremo dal 15 al 20 % in più per la spazzatura.
C6 Non è vero. E’ stato già detto che la tassa aumenterà meno del 10 %.


Scuola di Gastronomia, alberghiero e istituti scolastici
A7 Conveniva sviluppare l’alberghiero. Più è grande e più studenti si iscrivono.
C7 Ma questo gran numero di studenti poi troverebbe un’occupazione ?
A8 Non ci saranno quest’anno i corsi alla scuola di gastronomia.
C8 Vero. In futuro, se il centrodestra vincesse, si avrebbe allora intenzione di chiuderla ?
A9 Blocco per diversi anni dei lavori per l’alberghiero.
C9 C’era un problema di fondazioni perché l’appalto era stato preparato male, senza un’adeguata indagine geognostica. Chi amministrava all’epoca ? Adesso i fondi per l’ampliamento ci sono e i lavori sono ripresi.
A10 Le scuole superiori sono le più vetuste.
C10 Se mancano i fondi, come si può fare manutenzione ? Il governo quest’anno non li ha ulteriormente tagliati ? Eppure un ministro ha detto, inascoltato, che conviene investire nelle manutenzioni !
A11 L’Istituto Musicale come voragine di soldi pubblici. Andava statalizzato. Forse chiude con la scusa della manutenzione.
C11 Chi aprì a Ceglie l’Istituto Musicale si pose il problema della insostenibilità per le casse comunali. Il comune di Ceglie aveva la competenza per deciderne la statalizzazione ? Direi proprio di no ! E’ compito del governo. Se chiudesse ( e non è vero) non risolverebbe il problema prospettato dei costi esorbitanti per il comune ?


Varie
A12 Celebrazioni sul futurismo assenti a Ceglie. Brindisi ha fatto la mostra. Abbiamo Emilio Notte.
C12 Ci saranno delle manifestazioni. L’anno è appena all’inizio. Però osserviamo che soltanto una parte della produzione di Notte è nel filone futurista e in ogni caso ne è un pittore minore. Brindisi ha fatto una mostra sul futurismo, ma non ha chiesto i quadri a Ceglie. Perché ?
A13 La piazza si è svuotata da quando si è fatta l’isola pedonale.
C13 Non è vero. La piazza è vuota da decenni. Quest’anno si è riempita di più degli altri anni nel periodo estivo. Ma adesso che l’isola pedonale non c’è perché è vuota ?
A14 Mancano i parcheggi.
C14 Vero, ma si provvederà !
A15 Non viene consentita la ripresa dei consigli comunali.
C15 Forse non si vuole dare l’amplificatore all’opposizione ? Non è competenza del presidente del Consiglio Comunale ? Chi ha sollevato il problema firmò l’appello dei Grillini ?
A16 La maggioranza perde pezzi e arraffa.
C16 Speculazione politica. Conte è stato delegato al congresso provinciale di RC. Gioia ha avuto seri e noti problemi di famiglia. Palmisano, è vero, ha parlato di “arraffare”, ma poi si è corretto.
A17 L’opposizione si trova in una situazione impensabile nel passato.
C17 Ma allora si riconosce che nel passato si è comportata male quando era maggioranza ? E il passato fa storia !
A18 Pubblicità per i blog.
C18 Aveva uno scopo ed è stata presentata, senza che lo richiedesse una domanda e fingendo di parlare di informazione. Ma ognuno può dire quello che vuole !
 










Blogger: Montalto Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. Blocca questo utente Montalto

mercoledì 11 marzo 2009

Kohlhaas

Teatro Comunale di Ceglie Messapica.
Mercoledì 11 marzo, ore 21
Kohlhaas
di Remo Rostagno e Marco Baliani
tratto da “Michael Kohlhaas” di Hinrich von Kleist
con Marco Baliani


Scritto a quattro mani con Remo Rostagno nel 1990, il monologo e' tratto dal Michael Kohlhaas di Heinrich von Kleist. In esso Baliani è insieme l’interprete e lo spettacolo, il narratore e il racconto, l’autore e tutti i suoi personaggi, ma anche il paesaggio, le percezioni, i sentimenti, la musica della terribile favola di Kleist.
Baliani, solo sulla scena, seduto in una sedia, vestito di nero, per circa 90 minuti, incanta un pubblico di ogni età, narrando la storia realmente accaduta, nella Germania del 1500, di un mercante di cavalli, vittima della corruzione dominante della giustizia statale. La spirale di violenza generata dal sopruso subito dal protagonista offre lo spunto per una riflessione sulla questione della giustizia e sulle conseguenze morali che la reazione dell'individuo all'ingiustizia può comportare. Baliani, attraverso la sua mimica, la sua gestualità, riesce a coinvolgere anche lo spettatore più distratto, facendogli immaginare i cavalli del protagonista, le sue paure, la sua sete, la sua vana attesa di giustizia e la decisione finale di scegliere il cappio di una forca.
Perfetto come "raccontatore di storie", supportato dalla sua mimica ed espressività, frutto di uno studio attento, Marco Baliani da un saggio di teatro di narrazione, trasformando lo spettatore in ascoltatore e con allusioni, mette a confronto la vicenda di Kohlhaas con i temi sanguinosi più recenti. "Kohlhaas" è ormai uno spettacolo "cult", con centinaia di rappresentazioni, amato da pubblico e critica.



Ceglie Messapica
Auditorium della Parrocchia di San Lorenzo (ex Chiesa)
Mercoledì 11 marzo, ore 18
"Demenza senile e Morbo di Alzheimer"
Relatore medico: Dott. Antonio Frascaro,
Psichiatra dell’Asl di Brindisi
Incontro-Dibattito organizzato dall'associazione 
“IL MUGHETTO”

martedì 10 marzo 2009

Indefinito … infinito

La poesia, come la musica, non può appartenere al singolo poeta o musicista,
ma al pubblico che fa dell’emozione il suo giudizio...
in quello che si rappresenta, com'è l'arte.
Antonio Conserva



“Indefinito … infinito” è la nuova raccolta di poesie di Antonio Conserva pubblicata da pochi giorni con la presentazione di Adriana Notte.

"Una forte capacità di collegare la bellezza e il sogno...
La robustezza della costruzione e l'architettura della parola...
Sicchè tutto ciò che si deve manifestare si presenta come un blocco luminoso nel quale gentilissime ali si presentano a condurre preziose soluzioni di forte musicalità... ove l'energia sembra essere al sommo di una conclusione, mentre la luce impreziosita dalla sostanza dell'amore offre la preziosità della delicatezza e il mistero del sogno.
Cosi Antonio Conserva entra nel mistero della parola... in questa gioia inattesa che lascia segni di potenza e piace a volte sognare l'incredibile."
Adriana Notte

A. ConservaCANNE AL VENTO
Nell'ira dl venti avversi
odo la cicala irosa...
mentre il fanciullo
sollazza fra canneti, giocondo...
si trastulla il sole
riluce riflesso ocre
in abbrunita terra...
sazia la veglia dei padri
dove partorisce la madre in echi di addii.

Antonio CONSERVA, nasce il 29 aprile 1964 a Ceglie Messapica in provincia di Brindisi ove risiede e opera. Autodidatta, pittore e scultore, si avvicina all'arte d'adolescente nella naturale semanticità, musica e poesia. Pubblica nel '99 una raccolta dal titolo "Semplice Pathos" (Edizioni Pugliesi), nell'anno 2003 "Turibolo" (Memorandum), nell'anno 2004 "Dialogo con il silenzio" (Auditorium) e nell'anno 2006 "Fino all'anima..." (Movimento Interculturale Cegliese "La casa dell'artista").
Le sue opere si trovano in collezioni private in Italia e all'Estero, innumerevoli sono le sue mostre.


sabato 7 marzo 2009

Buona domenica



Sabato
Ore 19:30 Palazzetto dello sport
OSAM VOLLEY CEGLIE - ASSI BRINDISI
Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B


Ore 22:00 Petra
Organ trio special guest Max Ionata
Max Ionata-sax
Vito Di Modugno-organo hammond
Francesco Lomagistro-drums


Domenica
Ore 18:00 Palazzetto dello sport
NP CEGLIE - JUVE TRANI
Pallacanestro Serie C Regionale

Ore 18:00 Palestra scuola media G. Pascoli
N. P. CEGLIE - RICAMIFICIO RICCIATO
Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B


Ore 19:15
Teatro comunale
DONNE IN MUSICA
Musiche e testi di compositrici, poetesse e brani dedicati alla donna.
Raffaella Liccardi - soprano
Carlo Scorrano - pianoforte

Iniziativa regionale “Bollenti Spiriti”

Serendipity


Progetto “Serendipity a Ceglie e Cisternino”
Pubblicato nei giorni scorsi il bando di gara, disponibile sul sito del Comune, per l’affidamento del servizio di gestione dei laboratori urbani. Clicca qui.
Nel comune di Ceglie Messapica il progetto prevede la realizzazione, nella vecchia struttura del macello, di un centro polivalente destinato ad ospitare:
- Sala prove per gruppi musicali per rispondere alle esigenze didattiche ma anche alle esigenze espresse dai numerosissimi gruppi che necessitano di uno spazio attrezzato a prezzi accessibili. Il mercato privato offre affitto di sale prove a costi proibitivi e con rigide limitazioni orarie, inoltre l'attrezzatura e la cura dei servizi di supporto sono spesso scadenti. Le sale prova possono inoltre favorire i contatti tra musicisti che spesso sfociano in interessanti progetti artistici. E' noto, infatti, il forte legame che si forma tra gli artisti, le band e i luoghi dove si crea, si prova e si sperimenta;
- Sala produzione e montaggio audiovisivi per consentire a gruppi musicali, cantautori e cantanti il perfezionamento delle tecniche esecutive e lo sviluppo del proprio materiale ottimizzando il livello delle proprie proposte nonché per incentivare lo sviluppo di cortometraggi, piccole produzioni cinematografiche e documentari;
- Sala polivalente – contenitore culturale dove verranno realizzati eventi culturali e socio-ricreativi quali videoproiezioni ma anche percorsi di apprendimento sulle tematiche ambientali, della sicurezza e della qualità della vita al fine di stimolare la partecipazione attiva delle fasce giovanili e dei comuni all’iniziativa politica del territorio. Utilizzata per ospitare conferenze ed esposizioni e luogo di incontro, tra i soggetti operanti sul territorio nell’ambito delle tematiche previste dal progetto, utile per trasferire conoscenze e buone prassi;
- Caffetteria ex legge 287/91, destinata ad operare all’interno del centro, sarà il luogo di incontro giovanile e favorirà lo “stare insieme” informale, senza alcuna costretta partecipazione alle attività ma con la possibilità di osservare ed apprezzare ciò che viene svolto all’interno. Un biglietto da visita da cui far scaturire un proficuo rapporto e grazie al quale ci sarà un ritorno economico di sostegno all’iniziativa. La stessa caffetteria sarà molto di supporto durante le manifestazioni poiché rappresenterà un punto di ristoro per la gente che andrà ad assistere agli eventi. I prodotti del bar saranno venduti a prezzi di mercato.

venerdì 6 marzo 2009

SONATE BACH II

Hanno visto lo spettacolo ieri:


 - Spettacolo di altissimo livello, danzatori dotati di tecnica raffinata. Movimenti potenti.
Non senplice, una danza se vogliamo inconsueta (non parliamo di amici di maria de filippi), una danza politica, temi sociali fortissimi, rappresentati con tutta la loro verità, scomoda! talmente fredda che crea un impatto forte, che gela il pubblico, lo schiaffeggia.
Interessante la scelta degli spettacoli quest'anno. Tutti legati a temi sociali forti, artisti che dimostrano sensibilità, antidivi, antitelevisivi, persone normali.
Bene così.
lud


 - Concordo, un pubblico non all'altezza, che va ancora depurato dalle scorie commerciali... un teatro che non deve appiattarsi su schemi televisivi.


INTERVISTA A VIRGILIO SIENI


Apre la neonata rassegna D.a.N.z.A. un grande protagonista della scena contemporanea italiana, Virgilio Sieni. Il coreografo e architetto toscano porta al Testoni Sonate Bach-di fronte al dolore degli altri, produzione che dal 2007 ha sempre riscosso alti favori da critica e pubblico, complici gli straordinari danzatori Ramona Caia, Simona Bertozzi, Massimiliano Baracchini e Pierangelo Preziosa, confermando il suo prestigio dentro e oltre i confini italiani. Intorno agli undici brani che compongono le tre Sonate di J.S. Bach si raccolgono undici coreografie, undici danze che evocano altrettanti eventi tragici dei nostrigiorni, dalla strage al mercato di Sarajevo del 1994 sino all’invasione della striscia di Gaza, il 6 luglio 2006.
Virgilio, lei ci ha abituati a spazi generalmente connotati da una forte costruzionea rchitettonica e scenografica, mentre in Sonate Bach siamo di fronte a una scena vuota, un quadrato incui si svolgono le azioni dei danzatori, undici episodi di sofferenza. Perché questa scelta?
Gli undici brani coreografici sono come delle stanze in cui si elabora la memoria di un gesto che è passato, ma che vive nel ricordo e quindi nel tempo. Non mettiamo in scena delle tragedie, ma cerchiamo di incarnare tutto quello che è stato unlavoro legato alla documentazione fotografica, riassorbendo quei momentiattraverso un atto di incorporazione quasi pittorica, dentro al fotogramma. Perquesto ho voluto lavorare in un quadrato di sette metri per sette, uno spazio nero che diventa luogo nel luogo, una cornice dove prendono vita undicicerimonie, undici requiem, undici tragedie.
Molti critici hanno parlato di Sonate Bach come di un suo ritorno alla danza, non le sembra un’espressione infelice?
Sicuramente lo è: io non ho mai abbandonato la danza. È chiaro che nel portare in scena nient’altro che i corpi stessi allontanandosi da qualsiasi forma legata alla simbologia oggettistica, come avviene in Sonate Bach, si va a evidenziare un continuum fisico, gestuale, articolare, figurale. Utilizzare il linguaggio della danza significa esplorare una dimensione interstiziale, quella del tempo della dinamica, dove è la danza stessa a incarnarne il senso.
Come il gesto si fa racconto, memoria, tempo, senza cadere nell’espressionismo?
In Sonate Bach la danza afferma lo sforzo di evocare dalle macerie di esistenza una bellezza impossibile e paradossale attraverso il gesto. Il corpo si fa memoria e quindi tempo. Nella danza si sviluppa un patrimonio significante in quanto narrazione del e nel tempo. Un tempo azione in cui non c’è cronologia. Cos’è il gesto? Negli intertizi, nelle articolazioni, nelle bolle d’aria che si creano nei corpi, il gesto è un hic et nunc in cui la dinamica acquisisce un senso non detto. Non mi riferisco a un gesto codificato e allusivo: parlo di un gesto che non allude a nient’altro al di fuori del tempo.
Ripercorrendo i suoi lavoro, appare evidente un costante lavoro di citazione. Con Sonate Bach affronta il saggio di Susan Sontag  Di fronte al dolore degli altri, mentre la pittura trecentesca è il principale filtro iconografico. Come prende vita la citazione?
Esiste un pensiero pittorico attraverso cui il corpo prende le dimensioni di una esattezza che si definisce nello spazio: il rapporto con le immagini si instaura attraverso il gesto. In Sonate Bach la pittura sopraggiungere nel momento in cui la dinamica figurale dei corpi dilaniati va a relazionarsi con itanti esempi di pittura trecentesca e quattrocentesca. A volte parto proprio da una figura, da un quadro, o da una fotografia, riprendendo degli elementi che vanno a confluire nella danza.
Come si sviluppa il rapporto con i danzatori nel momento della scrittura coreografica?
La collaborazione è totale. Certamente ogni danzatore ha una sua specificità, un suo modo di rapportarsi allo spazio e a me, proprio per questo è evidentemente necessaria una continua conversazione. 
La scelta delle Sonate di Bach?
Le Sonate presentano una grande planimetria, di per sé stesse vanno a creare uno spazio fisico di organizzazione corporea e a visualizzare una precisa architettura, dando il giusto senso alla costruzione spaziale.
Paola Stella Minni

mercoledì 4 marzo 2009

SONATE BACH


Teatro Comunale di Ceglie Messapica.
Giovedì 5 marzo, ore 21
SONATE BACH
di fronte al dolore degli altri
coreografia, regia, scene Virgilio Sieni
interpretazione Simona Bertozzi, Ramona Caia, Massimiliano Barachini, Pierangelo Preziosa
musica J. S. Bach: Sonate BWV 1027, 1028, 1029
luci Corrado Mura e Virgilio Sieni


Il coreografo Virgilio Sieni mette la sua lunga esperienza di ricerca sul movimento e sulla composizione scenica al servizio di un tema delicato come il dolore della guerra rivissuto attraverso undici avvenimenti tragici che hanno segnato la nostra storia recente. Undici sono anche le coreografie, quanti sono i tempi delle tre Sonate di Bach per viola da gamba e clavicembalo.
Nella dominante penombra, sullo sfondo nero si stagliano le scritte, come fossero dediche ad memoriam: Jenin, 3-11 aprile 2002; Sarajevo, 5 febbraio 1994; Kabul, 5 marzo 2007; Tel Aviv, 1 giugno 2001; Srebrenica, 11 luglio 1995; Istanbul, 15 novembre 2003; Gaza, 6 luglio 2006; Beslan 1-3 settembre 2004; Baghdad, 20 marzo 2003; Benthala, 23 settembre 1997; Kigali, 7 aprile 1994. Le immagini di storia contemporanea scorrono nella mente, evocate dalla bellezza e dall'eticità di gesti asciutti e rigorosi, essenziali. Si richiama l'attenzione su quelle date, su quegli accadimenti, con la concretezza, la leggerezza e al tempo stesso la drammaticità di una danza che descrive perfettamente macerie di uomini e case, anche per merito degli interpreti: Simona Bertozzi, Ramona Caia, Massimiliano Barachini, Pierangelo Preziosa.
Virgilio Sieni, coreografo e danzatore, è divenuto uno dei protagonisti della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni ’80. La sua Compagnia, nata nel 1992, lavora regolarmente in Italia e in Europa; ha presentato spettacoli a New York e compiuto tournée in America Latina ed Estremo Oriente. Ha ricevuto per due volte il premio Ubu (il più importante premio italiano per le arti sceniche): nel 2000 per la sperimentazione sulla fiaba e nel 2003 per lo spettacolo Empty Space Requiem. Oltre al lavoro con la Compagnia, Sieni è stato coreografo ospite per il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro Comunale di Firenze, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro Massimo di Palermo.


 

martedì 3 marzo 2009

Donare il sangue e le bufale informatiche

GIRALO X FAVORE
BIMBO 17 MESI NECESSITA SANGUE GRUPPO B POSITIVO X LEUCEMIA
FULMINANTE TEL 328-2694447 RICCARDO CAPRICCIOLI, FAI GIRARE LA MAIL
è URGENTE E' IMPORTANTE.

E’ una bufala! Non diffondete questo appello.
Non sopporto le catene, i test, gli inviti a un “firmiamo” etc… ma le bufale ripetute che si ripresentano periodicamente sono quelle più odiose, perché sono indice del fatto che internet viene usato male. Verificate le notizie prima di diffonderle, evitando così di diventare dei semplici ripetitori. Oggi è accaduto per una donazione di sangue, domani per altro.
Verificate, verificate.




Perchè donare.

 
- Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa.
- Il sangue non è riproducibile in laboratorio ma è indispensabile alla vita Indispensabile nei servizi di primo soccorso, in chirurgia nella cura di alcune malattie tra le quali quelle oncologiche e nei trapianti.
- Tutti domani potremmo avere bisogno di sangue per qualche motivo. Anche tu. La disponibilità di sangue è un patrimonio collettivo di solidarietà da cui ognuno può attingere nei momenti di necessità.
- Le donazioni di donatori periodici, volontari, anonimi, non retribuiti e consapevoli... rappresentano una garanzia per la salute di chi riceve e di chi dona.
 
Chi intende diventare donatore di sangue può recarsi presso una sede o un centro di raccolta Avis o un Servizio trasfusionale dell'ospedale più vicino (Francavilla Fontana).

Sede Avis di Ceglie Messapica
Presidente: Quirico Pepe
Indirizzo: Via F. Argentieri, 41 72013 Ceglie Messapica - BR
Tel.0831/979302
E-mail: quiricopepe@libero.it
cegliemessapico.comunale@avis.it

.