.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

a

giovedì 30 aprile 2009

Play off



Dalla redazione sportiva

Play off Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G
TERMOLI - A.D. BASKET CEGLIE
78-79

Parziali: 16-24 / 19-12 / 18-22 / 25-21



Abbiamo avuto ragione noi a partire, nonostante i gufi e gli sfiduciati. Chi ha lasciato le mura messapiche per giungere in quel di Termoli ha assistito alla partita che rimette in corsa il Ceglie per la promozione nella serie superiore. Partita difficile e a tratti rude, condotta in prevalenza dal Ceglie con un distacco che ha raggiunto due volte i nove punti di vantaggio. Gli ultimi 73 secondi della partita sono stati quelli decisivi. In particolare a pochi secondi dalla fine si è aperta la possibilità di disputare l' over time , ma il giocatore del Termoli ha sbagliato uno dei due tiri liberi a disposizione.
Si gioca domenica 3 maggio la partita decisiva per il passaggio al turno successivo.
Forza Ceglie, ad maiora.


PALL. CITTA' DI AIROLA - AMBROSIA BISCEGLIE 76 - 63
FORTITUDO MONOPOLI - MENS SANA CAMPOBASSO 55 - 56
L. BASKET TARANTO - DUE ESSE MARTINA FRANCA 67 - 61

Play off Pallacanestro Serie C Regionale
N.P. CEGLIE - JUVE TRANI
71-62


ALIDAUNIA TRINITAPOLI - QUARTA CAFFE' MONTERONI 62 - 85
ATHLETIC CASTELLANA - WURSTEL SCARLINO LECCE 90 - 78
PATALINI BARLETTA - DAF CHEMI MOLA 74 - 65

La Nuova Pallacanestro Ceglie perde anche gara 2, pertanto eliminata dai play off.

martedì 28 aprile 2009

Braccianti



Teatro Comunale di Ceglie Messapica.
giovedì 30 aprile ore 21.00
Braccianti,la memoria che resta
di e con
Enrico Messina, Micaela Sapienza


liberamente ispirato a
La memoria che resta. Vita quotidiana, mito e storia dei braccianti nel Tavoliere di Puglia di Giovanni Rinaldi e Paola Sobrero.


Braccianti viaggia nel passato, nella fatica di quando si lavorava “da sole a sole”… fino a squarci odierni, a quei nuovi braccianti “a colori”, venuti dalla miseria di altre parti del mondo.
Nello spazio vuoto del palcoscenico poche sedie e, sul fondo, un grande velo bianco dove sono proiettate immagini che prendono vita dai gesti degli interpreti: volti, mani, stalle, strade, campi, vigne, povere stanze dove il ritratto di Giuseppe Di Vittorio, l’uomo che fece della lotta contadina il proprio credo, affianca una grande icona di Cristo. E la terra, quella terra che inghiotte e prosciuga le forze, torna nelle voci, nei racconti, nelle parole dei testimoni di allora.
Un paesaggio umano dal quale emergono gli attori, che da narratori si trasformano in dettagli, in elementi che evocano l’emozione di un mondo, ad aprire la porta della riflessione su quello che siamo, sul passato che ci portiamo denso o negato dentro.
“…Era la stagione delle lotte contadine, dell’occupazione delle terre, della Riforma Agraria. L’entusiasmo e il dolore dello scontro. E subito dopo il sapore amaro di una sconfitta inattesa, perché la riforma era stentata, parziale, stravolta. E la terra ottenuta, tre ettari di pietraie quasi sempre, non bastava; e bisognava partire, andare via. I cortei di contadini a cavallo, fanfare in testa e bandiere in mano, lasciavano un po’ alla volta il posto alle lunghe file di emigranti nelle stazioni. I treni per le fabbriche: Torino, Milano, la Svizzera, la Germania… il paradiso”.
Il teatro, così effimero, si fa carico, di costruire memoria: lo sfruttamento passato che, in altre forme, si ripropone oggi; echi della storia tra paure e ribellioni, durezze, sogni e solidarietà.
Fonte  http://www.armamaxa.it/


lunedì 27 aprile 2009

Dal castello al territorio

Tra i moventi fondamentali dell'azione umana, è sempre stato in primissimo piano quello della difesa: contro le insidie della natura e contro quelle, ben più pericolose, di altri uomini. Una difesa per mezzo di individuali corazze ed anni, ma anche grazie a stabili costruzioni quali fossati, palizzate, recinti, mura, fortificazioni, torri: costruzioni erette a difesa di luoghi abitati, di aggregati umani legati dal comune interesse alla sopravvi­venza. Tra queste protesi difensive, nel Medioevo ha occupato un posto d'onore, nella realtà e nell'immaginario collettivo, il castello. Ai limiti di un centro urbano o di un borgo, a qualche distanza da esso, o in spazi aperti, il castello ha presto arricchito la sua funzione difensiva per divenire sede sicura per il potere politico, strumento di controllo dei territorio, presenza intimida­toria per sudditi e potenziali nemici.
Si sono andati moltiplicando, negli ultimi decenni, studi e ricer­che sui castelli medievali. Non che questi siano oggetto di un interesse storiografico recente: tutt'altro. Nel Settecento illuminista furono visti come metafora di un potere dispotico, emblemi di secoli bui ma non privi di un fascino che ne mutò via via la carica simbolica e che approdò, alle soglie del nuovo secolo, al castello ammirato come romantico simbolo di un Medioevo di sogno, età “organica” e felice, col suo culto mai del tutto tramontato, tra nostalgie e vagheggiamenti. Si è passati dunque, per gradi, dall’erudizione muratoriana alla visione di un Medioevo artefatto e fittizio.Nel tardo Ottocento il positivismo ha guardato ai castelli con altro animo. che dì essi ha preso in esame gli aspetti “ogget­tivi” e misurabili. Ma è nel nostro secolo che i castelli sono stati indagati più scientificamente come testimoni della storia del popo­lamento e dell'organizzazione del territorio in relazione alle forme di dominio, insomma come proiezione di una società.
E accanto a lavori di sintesi che hanno tentato di presentarne la storia per lunghi periodi ed ampie aree geografiche. sono stati condotti negli ultimi tempi più attenti scavi nelle fonti, per rico­struire la nascita e l'evoluzione dei castelli in aree più limitale e periodi più omogenei o meglio definiti. È l'itinerario percorso da Raffaele Licinio in questo volume, che fa la storia del fenomeno dell'incastellamento in Puglia e Basilicata dal dominio bizantino a quello normanno e svevo, sino a quello angioino di Carlo I, con particolare attenzione alle strutture castellari, alla loro gestione politica, militare, amministrativa, finanziaria.
Presentazione di Giosuè Musca a
RAFFAELE LICINIO,CASTELLI MEDIEVALI
PUGLIA E BASILICATA: DAI NORMANNI A FEDERICO II E CARLO I D'ANGIO', EDIZIONI DEDALO


Martedì 28 aprile ore 8.30
Ceglie Messapica Teatro Comunale
Dal castello al territorio
Seconda giornata di studi sul castello ducale

Relazioni:


- prof. Cosimo Damiano Fonseca (Accademico dei Lincei – Vice Presidente Centro di Studi Normanno Svevi di Bari),
Presidenza dei lavori e discorso di apertura.
- prof. Raffaele Licinio (Università di Bari - Direttore del Centro di Studi Normanno-Svevi di Bari)
Il castello ducale di Ceglie nel sistema castellare pugliese.
- prof. Francesco Porsia (Università di Bari),
Il territorio tra allevamento e pastorizia tra XII e XIV secolo.
- dott. Victor Rivera Magos (Università di Siena),
Dinamiche istituzionali, territorio e uomini a Ceglie de Gualdo tra XII e XIV secolo.
- prof. Pasquale Cordasco, (Università di Bari),
Documenti bassomedievali di Ceglie e del suo territorio: spunti di riflessione.
- prof. Isidoro Conte (Ispettore onorario della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Puglia),
Ambienti e stato attuale della struttura castellare di Ceglie Messapica
- prof. Francesco Magistrale (Università di Bari),
Chiusura dei lavori.

Sport




































Dalla redazione sportiva





Play off Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G
A.D. BASKET CEGLIE - TERMOLI
65-77

Parziali: 22-21 / 22-20 / 7-12 / 14-24



AMBROSIA BISCEGLIE - PALL. CITTA' DI AIROLA 100 - 74
MENS SANA CAMPOBASSO - FORTITUDO MONOPOLI 60 - 76
DUE ESSE MARTINA FRANCA - L. BASKET TARANTO 88 - 84


Play off Pallacanestro Serie C Regionale
JUVE TRANI - N.P. CEGLIE
87-49



QUARTA CAFFE' MONTERONI - ALIDAUNIA TRINITAPOLI 75 - 63
WURSTEL SCARLINO LECCE - ATHLETIC CASTELLANA 82 - 58
DAF CHEMI MOLA - PATALINI BARLETTA 90 - 71




Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
OSAM VOLLEY CEGLIE - SKYLO SAN PIETRO
1 - 3
Parziali: 25-21 / 18-25 / 21-25 / 17-25



Classifica: San Pietro 67, Oria 65, Noci 61, Ugento 49, Ceglie 47,, Puglia Eco 35, Brindisi 30, Corsano 29, Massafra 26, Galatina 25, Trepuzzi 24, Nardò 24, Fit Center 16, Talsano 3.


Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B
N.P. CEGLIE - ASD BRINDISI
3 - 0

Parziali: 25-10 / 25-19 / 25-16



Classifica: SV Campi Sal. 58, Torricella 55,  Ricciato 46, Pal."S.Mariano 43, Lecce 40, S. Elia Brindisi 37, Talsano 36, ASDP 80 Brindisi 25, Massafra 22, NP Ceglie 19, ASDT Volley Brindisi 8, Autoargentiero 4.
Promozioni
Solazzo Volley Campi Salentina
Retrocessioni
Asd Team Volley Brindisi, Autoargentiero Cisternino.

sabato 25 aprile 2009

Buona domenica

Previsioni su Puglia e Basilicata:
SABATO 25 - DOMENICA 26:
CIELO: nuvolosità irregolare con residue precipitazioni solo sulla parte estrema della Puglia e solo per la mattinata di sabato
VENTO: debole settentrionale tendente a disporsi da domenica da quadranti sciroccali
TEMPERATURA: nella media del periodo
MARE: mosso


Sabato

Ore 19:30 Palazzetto dello sport
OSAM VOLLEY CEGLIE - SKYLO SAN PIETRO
Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B


Ore 22:00
Jazz Club Petra
Gigi Cifarelli Trio

Domenica

Ore 9:30 Orchidee a Monte Marcuccio
Itinerario naturalistico alla scoperta delle orchidee e delle altre 1400 specie spontanee.
Provinciale Ceglie-Cisternino


Ore 18:00 Palazzetto dello sport
CEGLIE - TERMOLI
Play off Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G


Ore 18:00 Palestra scuola media G. Pascoli
N.P. CEGLIE - ASD BRINDISI
Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B


Ore 20:15 Teatro comunale
XV STAGIONE CONCERTISTICA CAELIUM
"ARIE E SONATE DEL '700 PUGLIESE "
Giulia Calfapietro, Mezzosoprano
Margherita Porfido,
Clavicembalo
Programma


Aggiornamento


CEGLIE - TERMOLI
65-77

25 aprile


La Resistenza, ha sottolineato Napolitano, fu un fenomeno che abbracciò tutta la nazione. Ci fu quella dei partigiani, quella dei militari e quella del popolo. Quindi è "importante che quest'anno il 25 aprile sia celebrato in qualsiasi modo e in qualsiasi luogo" ricordando "l'una o l'altra delle componenti della Resistenza. L'importante è che ci unisca la consapevolezza e lo stesso impegno per conservare i valori della Resistenza che si sono tradotti nella Costituzione repubblicana" e che fu ''una straordinaria prova di riscatto civile e patriottico del popolo italiano e perciò non può appartenere a una sola parte della nazione''.

venerdì 24 aprile 2009

Dialetto


Venerdì 24 aprile ore 19.00
Ceglie Messapica Biblioteca Comunale
Origine e trasformazione del dialetto cegliese
Intervengono: Domenico Epicoco, Vito Antonio Leuzzi
Lions Club di Ceglie Messapica, Alto salento
Patrocinio del Comune di Ceglie Messapica


Quanne u suspiru mije t'à cchiamate,
stasere, i o varcunciedde t'à ffacciate,
cudu rise de uecchje come a stelle,
o scure t'à llusciute, amoru bbelle.
Na strende m'agghje 'ndise atturne o core
de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more.
PIETRO GATTI





Aggiornamento:
Convegno molto interessante e piacevole, che si svolto a tratti con il dialogo tra il prof. Epicoco e il pubblico. La sintesi nel reportage di Angelo Palma. Clicca qui.

giovedì 23 aprile 2009

XV STAGIONE CONCERTISTICA CAELIUM

Porfido-Calfapietro Domenica 26 aprile ore 20.15
Ceglie Messapica Teatro Comunale
XV STAGIONE CONCERTISTICA CAELIUM
"ARIE E SONATE DEL '700 PUGLIESE "
Mezzosoprano Giulia Calfapietro
Clavicembalo Margherita Porfido


PROGRAMMA
- Nicola Fago
Toccata per cembalo (Largo, Allegro, Largo, Allegro)
- Tommaso Traetta
da Antigone 'Ombra cara, amorosa'
da Didone abbandonata 'Ah, non lasciarmi, no' 
- Leonardo Leo
Toccata in Do minore
Toccata in Sol minore (per cembalo)
- Giovanni Paisiello   
da La bella Molinara 'Nel cor più non mi sento'
da Nina, ovvero La pazza per amore 'Il mio ben quando verrà' 
Sonata in Sol Maggiore 'Richiamo di Caccia' (per cembalo)
Sonata in Fa maggiore 'Tema popolare' (per cembalo)
- Niccolò Piccinni
da Le faux Lord 'Notte dea del mister'
Sonata in Fa maggiore (Andante, Allegro, Allegro assai)
Toccata per il cembalo
- Traetta/Rota
Bell'armonia
- Riccardo Broschi  
(Aria di Farinelli, ovvero Carlo Broschi)
da Idaspe 'Ombra fedele anch'io'


Giulia CALFAPIETRO, parallelamente agli studi umanistici, si e diplomata in Canto presso il Conservatorio "Niccolò Piccinni" di Bari, sotto la guida del soprano Margareth Hayward. Ha proseguito gli studi con Gino Lo Russo Torna, Maria Coronada Herrera e Fedora Barbieri. Intensa la sua attività concertistica in Italia e all'estero con svariate formazioni cameristiche ed orchestre sinfoniche, quali: Orchestra dell'Amministrazione Provinciale di Bari, Filarmonica Mediterranea, Orchestra dell'Università del Saarland, Eurorchestra. Continua qui.


Margherita PORFIDO, nasce ad Altamura nel 1956. Intraprende giovanissima gli studi musicali con suo padre Carlo, organista autodidatta, per continuarli successivamente al Conservatorio "Niccolò Piccinni" di Bari. Si diploma in Pianoforte e Clavicembalo. Inizia la sua carriera concertistica dapprima come pianista, dedicandosi poi dal 1983 completamente al clavicembalo. Si dedica alla musica Rinascimentale-Barocca (in special modo al repertorio italiano) e alla musica contemporanea. Continua qui.

mercoledì 22 aprile 2009

Musica, PUG e spazzatura.

I concerti dell


In una cornice degna di questo paesino si è svolto ieri sera il sesto concerto della II Stagione musicale dell'Accademia dei Cameristi di Bari. Concerto appassionante per le musiche eseguite e per gli esecutori,qualità testimoniata dal brillante curriculum, che hanno trasmesso al pubblico il pathos dell'esecuzione nelle sue più svariate sfumature.

Pubblicate sul sito del comune le tavole del Pug. Forse una qualità migliore delle immagini poteva aiutare i non esperti nella lettura.
Clicca qui.









Mi ami, non mi ami, ma quanto mi costi?
Vodafone, no grazie.

Antenne selvagge: i vigili urbani sono dovuti nuovamente intervenire per bloccare gli installatori in via Perotti
AL LAVORO NEL CANTIERE SOTTO SEQUESTRO
Articolo de "Il Quotidiano" oggi in edicola. Leggi l'articolo qui.



Pubblicati i risultati dei primi tre mesi di raccolta differenziata. La percencentuale dei rifiuti differenziati è del 22.43% con una riduzione dei rifiuti in discarica dell'83,08%, percentuali rispetto al mese di dicembre 2008.
Clicca qui.

Chi ha un giardino o vive in campagna può effettuare il compostaggio domestico dei rifiuti organici richiedendo la compostiera. Come si monta, come si usa e perchè si usa è spiegato in questa guida, clicca qui.

martedì 21 aprile 2009

Accademia dei Cameristi



Martedì 21 aprile presso il Teatro Comunale di Ceglie Messapica, ci sarà il sesto concerto della II Stagione musicale dell'Accademia dei Cameristi di Bari, realizzata con il sostegno della Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo, e della Provincia di Brindisi, Assessorato alla Cultura.
La stagione musicale si è svolta nei comuni di Torre Santa Susanna, Brindisi, Ostuni, Latiano, Mesagne. I prossimi appuntamenti saranno nei teatri di Ceglie Messapica, San Vito dei Normanni, Fasano e Francavilla Fontana.


Martedì 21 aprile ore 20.00
Ceglie Messapica Teatro Comunale
I concerti dell'accademia
Accademia Dei Cameristi


BEETHOVEN: Sonata op. 102 n.1
SCHUMANN: Fünf Stücke im Volkston
DEBUSSY: Sonata in re minore
BEETHOVEN: Sonata op. 102 n.2

Nicola Fiorino, violoncello
Elisabetta Mangiullo, pianoforte


Ingresso gratuito


domenica 19 aprile 2009

Buona domenica

Previsioni su Puglia e Basilicata:
CIELO: nuvolosità estesa con possibilità di precipitazioni
VENTO: moderato da scirocco con locali rinforzi
TEMPERATURA: al di sopra dei valori medi stagionali
MARE: mosso, molto mossi Tirreno ed Alto Ionio


Domenica

Ore 11:30 Ciclopasseggiata
A ruota libera scoprendo tesori messapici
Raduno presso l'ex macello sulla via per Francavilla


Ore 17:00 Teatro comunale
Residenza teatrale
Peter Pan
Regia:Fabrizio Visconti
con Davide Visconti, Giorgio Galimberti,Rossella Rapisarda


Ore 18:00 Palazzetto dello sport
CEGLIE - LUCERA
Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G


Dopo le passeggiate suggerite da questo blog negli scorsi fine settimana, oggi una ciclopasseggiata organizzata.
Buon divertimento ai partecipanti. 




CRIPTA BASILIANA S. MICHELE 





Nella grotta carsica di San Michele vi è forse il dipinto in grotta più antico della provincia, quello dedicato alla “Madonna Orante” databile all’VIII secolo. Sulle pareti della grotta altri due dipinti risalenti al XII e XIII secolo, raffiguranti il Cristo Pantocrate e San Michele Arcangelo.

sabato 18 aprile 2009

Antenne 2


NON SONO E NON SARO'
CLIENTE VODAFONE


Articolo del Quotidiano ieri in edicola sull'installazione di una nuova antenna di telefonia mobile nelle immediate vicinanze di una scuola elementare di Ceglie Messapica.
"Ha destato preoccupazione la comparsa di un’antenna per telefonia mobile, la cui installazione era in corso da un paio di giorni in via Perotti a Ceglie, a pochi passi dalla scuola elementare “De Amicis”.
In seguito a numerose segnalazioni la Polizia municipale ha compiuto una prima ispezione nella giornata di mercoledì al fine di compiere alcune verifiche sullo stato dei luoghi. Ieri mattina, durante un secondo controllo, il comndante Lorenzo Gianfreda ha disposto il blocco dei lavori e il sequestro del cantiere sul tetto di un’abitazione privata. I proprietari dichiarano di avere tutte le carte in regola per poter proseguire, visto che a loro dire l’antenna in questione non sarebbe tanto potente da richiedere particolari autorizzazioni. Ma è pur vero che prima dovrebbero fare i conti con il vicinato e oltre, tutti contrari all’invasione di onde elettromagnetiche e le pericolose conseguenze che la presenza delle stesse potrebbe generare."
Continua qui.

giovedì 16 aprile 2009

Antenne

Antenna Via Machiavelli 02Nelle ultime ore un gruppo di cittadini ha segnalato all'Amministrazione Comunale di Ceglie l'installazione di un'antenna telefonica a ridosso della scuola elementare Edmondo De Amicis (via Machiavelli).
Già da ieri gli uffici municipali preposti al controllo avevano effettuato un sopralluogo, per la verifica dello stato dei luoghi. Stamattina, in seguito ad un secondo sopralluogo, è stato sequestrato il cantiere.
Nei giorni scorsi si è tenuto tra l’altro l’incontro tra l’Assessore all’Ambiente Rocco Argentiero ed i bloggers che avevano sottoscritto l’appello comune con la richiesta di una approvazione al più presto possibile un piano di localizzazione degli impianti, come base per un Regolamento consiliare in materia di inquinamento elettromagnetico per ottimizzare le installazioni di apparati di trasmissione esistenti e programmare le future installazioni.
Antenna Via Machiavelli 01L’incontro ha prodotto alcuni risultati:
1) C’è stato l’impegno dell’Amministrazione a reiterare, attraverso l’ufficio tecnico, la richiesta già fatta all’Arpa di verifica delle emissioni elettromagnetiche sul territorio della nostra città, in particolar modo con riferimento a due siti (Contrada Montevicoli e Contrada Pisciacalze)
2) Sarà predisposta una nuova verifica e controllo delle autorizzazioni edilizie di tutte le antenne già installate negli anni scorsi
3) E' emerso l’impegno ad attivare, pur nelle ristrettezze economiche di bilancio, le procedure per affidare un incarico di predisposizione di un piano di localizzazione di antenne e ripetitori ai sensi dell’attuale normativa statale e regionale.
Come sottoscrittori dell’appello, continueremo a seguire ed informare tempestivamente i lettori dell’evolversi della situazione non esitando a mobilitarci affinchè si dia finalmente un quadro normativo stabile al problema e si applichi il principio di precauzione, previsto dalla legge, per garantire la qualità dell’ambiente e soprattutto la salute di noi cittadini.


I bloggers:


Mimmo Barletta (AhiCeglie)
Francesco Monaco (Tribuna Libera)
Pino Santoro (Le mie radici)
Teodoro Santoro, Antonio Urso, Pamela Barba, Daniela Epicoco, Pippo Palmisano, Paolo Santoro, Domenico Urso (Ceglie Messapica con Beppe Grillo)
Romina Albano (Alyssa77)
Angelo Palma (La voce)
Rocco Suma (IlSaxDanzante)
Franca Bassi (ceglieterrestre)
Vito Nisi (johnnysi)



Visualizzazione ingrandita della mappa

Luca Carboni



Luca Carboni in concerto
1 agosto a Ceglie Messapica 
Palasport Via Martiri delle Foibe
http://www.lucacarboni.it/index.php


Luca Carboni (Bologna, 12 ottobre 1962) è un cantautore italiano, originario di Bologna. Ha debuttato sulla scena musicale nel 1981 come chitarrista e compositore del gruppo Teobaldi Rock, arrivando al suo primo album da solista nel 1983. Si è sempre distinto per il carattere intimista e riflessivo dei suoi testi. Continua qui.

mercoledì 15 aprile 2009

Terremoto e Processo

«La libertà di espressione ha un limite solo, quella della menzogna. Se si contesta che siano state dette falsità, c'è la magistratura; se si contesta lo sciacallaggio sulle emozioni, mi sembra un tema decisamente vago». Emma Bonino
Tra l'evacuare un comune capoluogo e non fare nulla. Tra l'evacuare un comune capoluogo e il non fare nemmeno un'esercitazione. Tra l'evacuare un comune capoluogo e il non predisporre almeno un piano di evacuazione alla mala parata, come si dice. Tra il non fare nulla e il mettere all'erta le popolazioni per spiegargli che se dovesse succedere l'irreparabile devono intanto radunare quelle poche cose di pregio che hanno in casa, per essere pronti a portarsele via, per dirgli dove andare, cosa fare o cose di questo genere... ce ne passa! Marco Travaglio

LAlcune cose discutibili nel programma di Santoro ci sono state, però alcuni dubbi sulla vicenda hanno avuto spazio solo in questa trasmissione. Perché non si è fatto niente per preparare la gente prima di quella notte disgraziata? Perché il fondo per la protezione civile continua a subire riduzioni? Perché il centro di coordinamento di L'Aquila a cinque giorni dal terremoto non aveva ancora un coordinatore responsabile? Perché nel testo dato alle regioni una settimana prima del terremoto, c'era scritto: “Semplificazioni in materia antisismica”? Perché l’applicazione della nuova legge sulle costruzioni viene continuamente rinviata?
Sullo sciacallaggio delle emozioni tutti abbiamo visto l’assalto che hanno subito i terremotati da parte dei media e sentito le domande imbecilli fatte dalle decine di cronisti presenti sul luogo. C’è solo l’imbarazzo della scelta.
Gli italiani sono costretti a vivere i terremoti come situazioni kafkiane angoscianti nelle quali sia impossibile qualunque reazione sia sul piano pratico che su quello psicologico. In realtà sappiamo che non è così, perché molto si può fare, come insegna l’esperienza giapponese  e californiana.


 




 


 Mercoledì 15 aprile Ceglie Messapica (BR)
Teatro comunale ore 21
Compagnia Principio Attivo Teatro
IL PROCESSO
Spettacolo teatrale liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Franz Kafka
Silvia Lodi, Cristina Mileti, Dario Cadei, Otto Marco Mercante, Giuseppe Semeraro


Il Processo è un romanzo che costringe il lettore a divenire spettatore di una rappresentazione densa di segni e di simboli visivi. L’intento è stato quello di misurarsi con Kafka ed il suo testo, con la volontà di essere fedeli alle intenzioni dell’autore. Kafka del resto prendeva  tutte le precauzioni contro ogni possibile interpretazione dei propri testi.


La ricostruzione di un ambiente quotidiano, una stanza da letto - stanza simbolica di uno spazio interiore - dove gli attori fanno passare attraverso il proprio corpo e i propri gesti il  linguaggio “mimico” del testo kafkiano, un codice che sembra avere tutte le caratteristiche del sogno e dell’enigma. Sul fondo della scena due armadi rendono evidente il labile confine che separa Joseph dai suoi phantasmata. La “stanza” rimanda costantemente a questa vita sotterranea. E’ infatti il tribunale che incombe sulla vita  normale e non la vita normale che accoglie in sé il tribunale.

giovedì 9 aprile 2009

Napolitano sui luoghi del terremoto

"Bisogna vedere - ha aggiunto Napolitano - come sia potuto accadere che non siano state attivate indispensabili norme, che erano state tradotte in legge e chiedersi anche come non siano scattati i necessari controlli. Nessuno in questi casi nessuno dovrebbe chiudere gli occhi. Né chi vende, né chi acquista un immobile. Ma al di là delle responsabilità, bisogna decidere - ha sottolineato il presidente della Repubblica - cosa è possibile fare, affinché tutto ciò non accada mai più. E questo si può fare non con profezie o impossibili previsioni dei terremoti, ma rendendo sicuri gli edifici, anche quelli più antichi". Napolitano ha aggiunto che la prevenzione dei crolli legati ai terremoti si fa "non con fantasiose profezie, ma apprestando i mezzi indispensabili affinché gli edifici resistano".


Intanto bisognerebbe non rinviare più l'applicazione di leggi esistenti, poi non farne altre in cui non sia previsto un controllo anche a campione, perchè quando ci sono i morti serve a poco cercare le responsabilità.

martedì 7 aprile 2009

Non dimentichiamo in fretta


"Questo Paese si ricorda di essere a rischio terremoto solo quando si trova sotto le macerie. E allora sull’onda delle emozioni si cerca di intervenire in qualche modo. Ma è troppo tardi. Passato qualche mese, poi, ci si dimentica, fino alla tragedia successiva."
Gian Michele Calvi


FOTO OSPEDALE INAGIBILE
(ASCA) - Roma, 6 apr - L'ospedale San Salvatore de L'Aquila ''e' inagibile al 90%. Stiamo lavorando con una sola sala operatoria su tre e abbiamo quasi tutte le attrezzature danneggiate''

XV stagione concertistica “Caelium”

Caelium 05-04-09Si è svolto domenica 5 aprile il quinto concerto della XV stagione concertistica “Caelium” con il pianista Cosimo Gigliola, che ha eseguito un programma dedicato al compositore, pianista e direttore d'orchestra ungherese Franz Liszt (1811-1886). Il programma comprendeva: Funerailles, dalle Armonie poetiche e religiose, parafrasi sul Rigoletto di G. Verdi e dagli Anni di pellegrinaggio la Seconda annata, dedicata all’Italia, frutto del soggiorno italiano del compositore.

Un pubblico attento ha tributato con un applauso caloroso, alla fine del concerto, il giusto riconoscimento alle capacità tecniche ed interpretative di Cosimo Gigliola. Da segnalare che il pianista ha chiesto che non ci fossero applausi tra i brani della seconda parte del concerto.

Le «regole» del silenzio durante le esecuzioni sono al centro di una polemica internazionale tra favorevoli e contrari (clicca qui).

Il prossimo concerto si terrà domenica 26 aprile con la clavicembalista Margherita Porfido, che eseguirà musiche di clavicembalisti pugliesi dal XVI al XVIII sec.

  

Cosimo GIGLIOLA nato a Ceglie Messapica (BR), si è dìplomato in Pianoforte con il massimo dei voti e la lode presso l'Istituto Musicale Pareggiato ai Conservatori di Musica di Stato della sua città, oggi sezione staccata del Conservatorio di musica di Stato "T. Schipa" di Lecce, sotto la guida della prof.ssa Mariagrazia De Leo. Si è, inoltre, laureato in Lettere presso l'Università degli Studi di Bari con centodieci e lode.

E' risultato vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali e ha partecipato a Corsi di Perfezionamento e Master Class con S. Libardo, H. Pell, C. Burato, R. De Leonardis.

Ha tenuto e tuttora tiene concerti in varie città italiane, riscuotendo ovunque lusinghieri successi di critica e di pubblico.

Frequenta il Biennio accademico di 2° livello in Pianoforte presso il Conservatorio di Musica "N. Rota" di Monopoli (BA) sotto la guida del M° Roberto Bollea. Già docente di Pianoforte presso l'Istituto Musicale Pareggiato ai Conservatori di Musica di Stato di Ceglie Messapica, attualmente è docente di Pianoforte presso la Scuola Secondaria di I° grado ad indirizzo musicale "A. Manzoni" di Cisternino (BR).

lunedì 6 aprile 2009

Sport




































Dalla redazione sportiva





Pallacanestro Serie C Dilettanti Maschile - Gir. G
TERMOLI - A.D. BASKET CEGLIE
74-64

Parziali: 25-13 / 13-21 / 20-15 / 16-15



Classifica: Bisceglie 54, Martina 44, Ceglie 42, M.S. Campobasso 40, Monopoli 34, Airola 30, Termoli 30, Taranto 28, Francavilla 26, Lucera 22, Lanciano 22, Pescara 22, Napoli 22, Salerno 20, O. Campobasso 18, Benevento 10.


Pallacanestro Serie C Regionale
TREVI BRINDISI - N.P. CEGLIE
70-66



Classifica: Monteroni 50, Juve Trani 46, Lecce 42, Mola 38, Barletta 28, Castellana 28, N.P Ceglie 26, Trinitapoli 24, Bari 24, Poseidone Brindisi 24, FBK Trani 20, Mesagne 20, Invicta Brindisi 14,Nardò 14, Trevi Brindisi 8.




Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
OSAM VOLLEY CEGLIE - MASSAFRA
3 - 0
Parziali: 25-19 / 25-21 / 27-25



Classifica: San Pietro 61, Oria 59, Noci 56, Ceglie 47, Ugento 46, Puglia Eco 32, Brindisi 27, Corsano 26, Galatina 23, Nardò 23, Massafra 25, Trepuzzi 21, Fit Center 13, Talsano 3.


Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B
N.P. CEGLIE - TORRICELLA
1 - 3

Parziali: 18-25 / 25-21 / 16-25 / 22-25



Classifica: Torricella 51, SV Campi Sal. 50, Ricciato 40, Pal."S.Mariano 40, Lecce 35, Talsano 34, S. Elia Brindisi 32 , ASDP 80 Brindisi 25, Massafra 22, NP Ceglie 16, ASDT Volley Brindisi 8, Autoargentiero 4.


 




 


 Aggiornamento Appello Blogger Cegliesi
La Gazzetta del Mezzogiorno oggi ha pubblicato un articolo di Pierpaolo Faggiano, che riprende l’appello lanciato nei giorni scorsi da questo blog insieme a Tribuna Libera, Le mie radici e Ceglie Messapica con Beppe Grillo. 
Hanno aderito:
Angelo Palma (La voce di Angelo Palma)
Eligio Allegretti (Per Ceglie)
Ceglie TVB
Alyssa77
NostalgicoDC

sabato 4 aprile 2009

Appello

C’è una questione essenziale e ineludibile per la nostra comunità. Una questione che riguarda direttamente la nostra salute e la nostra vita e che, misteriosamente, sembra sia stata archiviata dalla classe politica locale che negli ultimi anni è stata chiamata ad amministrare la nostra città. È il problema dell’inquinamento elettromagnetico.

All’incirca due anni fa fu presentato alla III Commissione Consiliare del nostro comune uno studio preliminare che avrebbe dovuto portare alla redazione di un piano di localizzazione degli impianti di telecomunicazione e radiotelevisivi: in altre parole i ripetitori radiotelevisivi e le antenne di telefonia mobile. Lo studio prevedeva l’analisi delle emissioni elettromagnetiche degli impianti presenti sul territorio. In sintesi i risultati di tale studio hanno messo in evidenza in alcuni casi dati preoccupanti. In un caso in particolare le misurazioni avevano rilevato un valore di intensità del campo elettrico (V/m) pari a quasi il doppio dei valori massimi previsti dalla normativa nazionale e regionale. 

È proprio la legge nazionale a prevedere che “I comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.”. Questo regolamento, non si sa per quale ragione, da due anni è rimasto alla fase preliminare di conoscenza dello status quo. La fase successiva avrebbe dovuto prevedere un Piano di Localizzazione Comunale (PLC) come richiesto dalla legge nazionale e regionale.

L’obiettivo è quello di ridurre l'esposizione della popolazione residente ai campi elettromagnetici e assicurare la tutela della salute, dell'ambiente e del territorio. Alla luce di tutto questo chiediamo, nel silenzio assordante della politica sull’argomento, che vengano attuati i passi successivi previsti dalla legge ai fini dell’adozione del Piano di Localizzazione Comunale.

 

In particolare nei prossimi giorni chiederemo ufficialmente un incontro con l’Amministrazione per presentare questa nostra richiesta di intervento a brevissimo termine su questa vicenda che mette al centro la tutela dell’ambiente e della salute di tutta la nostra comunità.

 

A tal fine invitiamo tutta la blogosfera (gestori e lettori) a sottoscrivere questo appello alle istituzioni ripubblicandolo e firmandolo sul proprio blog o lasciando il proprio commento.

 

I Blogger

 

Mimmo Barletta (AhiCeglie)

Francesco Monaco (Tribuna Libera
Pino Santoro (Le mie radici






ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO
L'ISPESL e l'ISS nel documento congiunto sulla problematica della protezione dei lavoratori e della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici e magnetici e a campi elettromagnetici a frequenze comprese tra 0 Hz e 300 GHz hanno indicato sulla base della letteratura scientifica esaminata come valore di cautela 3 V/m campo elettrico nei luoghi residenziali invece dei 6 V/m previsti dall'attuale normativa. Clicca qui.


REGOLAMENTO REGIONALE 14 Settembre 2006, n. 14
Pianificazione comunale
I Comuni possono dotarsi di piani annuali di localizzazione per disciplinare l’insediamento degli impianti al fine di minimizzarne l’impatto estetico e territoriale nonché di minimizzare e rendere uniforme l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. I piani perseguono la realizzazione del principio di precauzione contemplato dall’art.174 del Trattato UE e dei relativi corollari A.L.A.R.A. ed A.L.A.T.A. intervenendo sulle scelte tecnologiche e su quelle localizzative al fine di assicurare il minor grado possibile di impatto degli impianti, senza pregiudizio per le esigenze del servizio e fermo restando il rispetto degli obiettivi di qualità, e perseguendo lo scopo di minimizzare e rendere omogenea ed uniforme l’esposizione dei cittadini. Le scelte dei piani vengono operate su base non interferenziale con impianti di altri soggetti concessionari o autorizzati legittimamente operanti. ...... I piani, di norma ed ove possibile, danno priorità all’insediamento degli impianti su aree ed immobili ricadenti nel demanio o nel patrimonio comunale, anche al fine di consentire agli Enti territoriali l’acquisizione di risorse finanziarie da reimpiegare prioritariamente in iniziative di controllo, monitoraggio, studi, ricerca ed informazione in materia ambientale, anche alla luce del principio di politica ambientale “chi inquina paga” di cui all’art. 174 del Trattato UE.
I piani individuano inoltre le strutture oggetto di divieto ai sensi dell’art. 10, comma 1, l.r. 5/2002 e perimetrano le aree sensibili da preservare dall’insediamento delle impianti al fine di includervi le pertinenze e, in genere, le aree, gli spazi e gli edifici effettivamente destinati alla permanenza dei recettori sensibili, individuando e proponendo alternative localizzative tecnicamente idonee.








BUONA DOMENICA....................................................


Previsioni su Puglia e Basilicata:
SABATO 4 - DOMENICA 5 :
CIELO: poco nuvoloso con locali addensamenti possibilità di foschie dense e locali banchi di nebbia nottetempo e primo mattino
VENTO: debole di direzione variabile con componente settentrionale
TEMPERATURA: nella media del periodo

Sabato
Ore 17:00 Teatro comunale
Residenza teatrale - Il posto delle favole
La Bella Addormentata
Compagnia "La Luna nel Letto
"
Ore 19:30
Palazzetto dello sport
OSAM VOLLEY CEGLIE - VOLLEY NARDO'
Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
Ore 22:00 Jazz Club Petra
Motown Project
Domenica
Ore 10:00 Passeggiata nella campagna cegliese
Ore 13:00 Pranzo
Ore 15:00 Passeggiata nel centro storico:
Le chiese.
Guida uno studioso locale.
Ore 18:00 Palestra scuola media G. Pascoli
N. PALLAVOLO CEGLIE - TORRICELLA
Pallavolo Serie D Maschile - Gir. B

Ore 20:15 Teatro comunale
COSIMO GIGLIOLA
Pagine per pianoforte di Franz Liszt.
Lunedì
Ore 19:30 Teatro comunale
La Passione
Ragazzi del catechismo II media della Parrocchia Maria Immacolata
info in parrocchia: don Antonello Prisciano

.