.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

a

sabato 30 aprile 2011

Buona domenica


Sabato

Ore 18.30 Palazzetto dello sport
N.P. CEGLIE - MESAGNE
Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B


Ore 18.30 Palestra Scuola Media Leonardo da Vinci
N.P. CEGLIE - BRINDISI
Pallavolo Serie D Maschile - PlayOff Gir. A


Ore 21.00 Teatro comunale
TEATRI DEL PRESENTE II° Edizione
-- Teatro dell'Est --
   IL ROMANZO DI FLAMENCA

-- Raffaella Giancipoli --
   RITA

Ore 22.00 MAC 9cento
 
Jam Session                       
trio “Govinda-Zizzi-Pace” 
A seguire il palco sarà libero per tutti i musicisti che vorranno partecipare alla jam session 

Domenica


Ore 10.00 - 12.30 Galleria d'Arte Moderna Emilio Notte
Info qui.

Ore 13.00 Pranzo
Info qui.

Ore 15.00 Passeggiata nel centro storico


Ore 21.00 Cena 
Info qui.


Farmacia di turno
Farmacia Conte
Via Martina Franca
Telefono: 0831-377084

------------------------------------------------------------------------


ore 10.30
manifestazione di solidarietà per i 7 lavoratori dipendenti del Comune  da domani senza lavoro.

I filmati della manifestazione su Tribuna Libera.

TEATRI DEL PRESENTE

TEATRI DEL PRESENTE II° Edizione
29 Aprile/13 Maggio 2011
Teatro Comunale di Ceglie Messapica 


SABATO 30 Aprile 2011 – h 21
 Teatro dell'Est
 IL ROMANZO DI FLAMENCA
 voce narrante Nicola Zucchi

 disegni Francesca Delle Grottaglie
 musica in scena Ferdinando Filomeno

E' una improvvisazione per violoncellista, disegnatrice e voce narrante. In un’epoca sommersa di parole inutili si racconta una storia d’amore lenta, precisa, ironica, astuta, dove ogni singola parola è necessaria e detta rischiando la vita. Ma non dovrebbe essere così per ogni cosa d’amore?
 a seguire

Raffaella Giancipoli
 RITA
 di e con: Raffaella T. Giancipoli

 assistente alla regia: Bruno Soriato
 disegno luci: Tea Primiterra
 con il sostegno di:
 Associazione Tra il Dire e il Fare e Compagnia La Luna nel Letto


Ci sono storie che è meglio scordare, fatti che non bisogna mai pronunciare. Poi un giorno il passato bussa alla porta e senza aspettare d'essere invitato invade il presente. Allora Rita chiude gli occhi e si abbandona ai ricordi rimasti impigliati in un capello bianco, tra i solchi delle mani rugose, in una piega dell'abito buono. Fino a cadere più giù della Rita che ha sempre conosciuto, davanti alla porta dei suoi incubi. Aprire gli occhi diventa necessario, necessario e doloroso. E in alcuni momenti quel dolore è ancora così vivo, che Rita non ha altro modo di dirlo se non nella lingua madre del suo corpo. A tratti le mani, la bocca, i piedi, tutto parla in dialetto. La lingua della terra che l'ha generata. E allora finalmente può aprire gli occhi e guardare in faccia il passato, quello vero. Occhi negli occhi.
 

venerdì 29 aprile 2011

Buon Compleanno Italia

“Buon Compleanno Italia”
Manifestazione Celebrativa dei 150 anni dell’Unità d’Italia
Mercoledì 27 aprile 2011
ore 19.30 – Teatro Comunale di Ceglie Messapica

• 1° CLASSIFICATI

CONCORSO DI POESIA:

SEZIONE ADULTI:
CINZIA CASTELLANA- “PATRIA MIA” - (MARTINA F.)
SEZIONE GIOVANI:
DAVIDE DALOISIO – “COME IL CIELO AMA LA TERRA” - (MESAGNE)
SEZIONE RAGAZZI:
CLASSE 3^B, SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO “G.PASCOLI”-
“L'ITALIA UNITA”-(CEGLIE M.)

CONCORSO DI PITTURA
• MARIA GIULIA BAGNUOLO

CONCORSO DI FOTOGRAFIA
• ANNA RITA LODEDO

CONCORSO ARTI FIGURATIVE
CLASSE 2^A e CLASSE 2^C SCUOLA ELEMENTARE “E. DE AMICIS” - CEGLIE M.

CONCORSO DI DISEGNO
GABRIELE ALFIERO - “DISEGNO CON GESSETTI” (MESAGNE)

• 2° CLASSIFICATI

CONCORSO DI POESIA

SEZIONE ADULTI:
NORMA FUMAROLA- UNITA' E LIBERTA' (MARTINA F.)
SEZIONE GIOVANI:
MARIAGRAZIA CONTE- LA NOSTRA ITALIA (CEGLIE M.)
SEZIONE RAGAZZI:
MARTINO SCARCIA- SE LA LIBERTA' FOSSE..(2^A PASCOLI-CEGLIE M)

CONCORSO DI PITTURA
• DANIELA MARZIO (OSTUNI)

CONCORSO DI FOTOGRAFIA
• FABIO TARI' (CEGLIE M.)

CONCORSO ARTI FIGURATIVE
EX-AEQUO
• EPIFANI MARIA-FEBBRARO ADRASTEA-GALLONE FEDERICA-VENERITO MERY (CLASSE 1^B SC. MEDIA G. PASCOLI – CEGLIE M.)
• ILARIA MARIA VILLANI – CESTINO DI ROSE IN CARTAPESTA “ROSE ITALIANE” (OSTUNI)
• ASSOCIAZIONE “L'8 VOLANTE” (CEGLIE M.)

• 3° CLASSIFICATI

CONCORSO DI POESIA

SEZIONE RAGAZZI – SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE
GIOIA LUDOVICA – LA NOSTRA BANDIERA (CEGLIE M.)
SEZIONE ADULTI:
NORMA FUMAROLA- UNITA' E LIBERTA' (MARTINA F.)
SEZIONE GIOVANI:
MARIAGRAZIA CONTE- LA NOSTRA ITALIA (CEGLIE M.)
SEZIONE RAGAZZI:
MARTINO SCARCIA- SE LA LIBERTA' FOSSE..(2^A PASCOLI-CEGLIE M) 

CONCORSO DI PITTURA
EX-AEQUO
• GRAZIA MARIA LONOCE (MARTINA F.)
• BRIGIDA SFORZA (MARTINA F.)
• ENZA ZIZZI (MARTINA F.)
• GIULIO FAGGIANO (CEGLIE M.)

• MENZIONI D’ONORE
CONCORSO DI POESIA

1. GRUPPO UNITALSI CEGLIE M. – “ITALIA UNITA”
2. RICCARDO PERCUOCO - “ITALIA MIA” (SAN MICHELE S.)
3. VITO ARGENTIERI – “PIU’ AL SUD DEL SUD” (CEGLIE M.)

CONCORSO DISEGNO
1. MONACO FEDELE – SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS
2. ANNESE FEDERICA –SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS
3. ALTAVILLA ROBERTA – SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS
4. LIGORIO COSIMO – 1^B SCUOLA MEDIA PASCOLI
5. BALSAMO GIUSEPPE – 1^B SCUOLA MEDIA PASCOLI

PREMIO “CITTA' IN TRICOLORE” (VETRINA TRICOLORE)
ASSEGNATO A : ALCHEMILLA, PIAZZA PLEBISCITO - CEGLIE M.

A. LAVENEZIANA e A. CURRI FRANCESCO SILVESTRO
CLASSE 3^B, “G.PASCOLI” - (CEGLIE M.) PROF. SCATIGNA MINGHETTI DAVIDE DALOISIO - (MESAGNE)
DAMIANO LEO  
CINZIA CASTELLANA - (MARTINA F.) PROF.SSA GENTILE D. URSO, M. BELLANOVA, M. LAVENEZIANA, D. PALMISANO
DAMIANO FAGGIANO, Campione Basket COSIMO DE GIOVANNI, Ricercatore Uni. CA
LEONARDO ZELLINO, Giornalista RAI GRUPPO UNITALSI CEGLIE M.
Padre RENATO D'ANDREA, Docente Pontificia Università Teologica “San Tommaso D'Aquino”- Roma YASSINE LAFRAM, Italiano di Nuova Generazione, Ass.“Giovani Musulmani d'Italia” - Bologna

giovedì 28 aprile 2011

ArtCafè


Non siamo entrati ancora in clima estivo ma l’ArtCafè di Ceglie Messapica inaugura in grande stile la stagione 2011, venerdì 29 aprile, start ore 20.30, alla presenza di due attrici e showgirl più ammirate del panorama televisivo italiano: Natalie Caldonazzo e Francesca Rettondini.
La nuova gestione, affidata al giovane imprenditore messapico, Francesco Antelmi, presenterà ai suoi ospiti un ambiente caldo rustico, rivisitato in chiave moderna, con l’intento di coniugare tradizione e buongusto assieme a qualche accenno di contemporaneità, mantenendo però intatto il valore aggiunto conferito dal paesaggio e dall’architettura del posto.
In questo suggestivo contesto, amabile e rilassante, lo staff qualificato dell’ArtCafè, tornerà con la sua carrellata di frizzanti appuntamenti e serate condite da live music, Dj set e collaborazioni a tema.
Sotto il profilo food&beverage, l’ArtCafè proporrà un menù rinnovato ricco di portate miste, sia calde che fredde e sfiziosi stuzzichini. Sospesi in un quadro unico, breakfast, aperitivo, happy hour ed after dinner si fonderanno ogni giorno in un appuntamento informale, che vuole rendere la gente protagonista dello scenario mozzafiato di una Ceglie storica e della vista unica, ovvero la zona Belvedere.
Bella gente, ottima musica ed una fantastica atmosfera vi aspettano venerdì 29 aprile, H 20.30, in via Muri, 36, a Ceglie Messapica, per dare il via alla nuova stagione del lounge bar più cool della provincia messapica.
Comunicato stampa.

Ferito l'imprenditore Rocco Cavallo


Agguato nel Brindisino, imprenditore edile ferito al volto
Non sarebbe in pericolo di vita, rintracciato presunto sparatore

(ANSA) - CEGLIE MESSAPICA (BRINDISI), 27 APR - Un imprenditore edile, Rocco Cavallo, e' stato ferito in modo grave al volto con un colpo di fucile caricato a pallini all'uscita dal suo ufficio, a Ceglie Messapica. L'imprenditore, ricoverato nell'ospedale di Brindisi, non sarebbe in pericolo di vita. Un uomo disoccupato, sospettato di essere l'autore del ferimento, e' stato rintracciato dalle forze dell'ordine e viene ora interrogato dai carabinieri. Il presunto aggressore avrebbe agito per contrasti su interessi collegati all'attivita' dell'imprenditore. (ANSA).


Il 56enne Antonio Idrontino ha inseguito la vittima, Rocco Cavallo, che lo aveva visto scendere dall'auto armato di fucile, poi gli ha esploso una fucilata al volto
Furibondo per il licenziamento del figlio, ha sparato in faccia all’imprenditore
di Sonia Gioia

martedì 26 aprile 2011

L'ultima polemica nella blogosfera cegliese

Risurrezione 
Angelo Ciciriello

La Chiesa cerca di condurci alla sua comprensione, traducendo questo avvenimento misterioso nel linguaggio dei simboli, nei quali possiamo contemplare questo evento sconvolgente.
La Risurrezione è un emozione di luce, è trasparenza visiva ed emozionale.
L'impronta dissennata dell'uomo sulla carne del Figlio di Dio, si liquefa in questa luce,l'assorbe, la lascia sospesa nell'aria preda di eventi naturali nello sconforto dei vinti.

Dalla morte oscura si passa alla luce della Risurrezione, tutto diventa più chiaro e trasparente, in un lasso di tempo, un vuoto sepolcrale, dove si arresta la pura ragione per entrare nella dimensione del soprannaturale, del divino.
Il black-out annunciato, cioè la morte prematura per mano degli uomini e la successiva Risurrezione, lascia libera la mente e l'anima; rendendole entrambe materia trasparente e ricettiva,e che, via via assumeranno dentro di se, definendoli, i contorni del nuovo corpo di Cristo che si fa Figlio di Dio. Un vuoto trasparente che si riempie di fede: croce e Risurrezione diventano così inseparabili.
Questa trasparenza che assume dentro di se ogni cosa, contiene in verità i tre simboli pasquali: la luce, l'acqua e il canto-l'alleluia, In questa superficie possiamo specchiarci dentro, naufragare nel mare invisibile,possiamo perfino attraversalo con lo sguardo e vedere oltre. Nell'invisibile troviamo il messaggio d'amore, il dono della Risurrezione, la speranza che l'uomo si ritrovi in Dio.

l'autore

L'antefatto
Dal blog de "Il Diavoletto"

cari blogghettari  o blogghettisti,
 (non so come vi sentite più in agio), mi conoscete, ci conosciamo. Premetto che è solo per la mia innata curiosità che mi affaccio al vostro mondo di paparazzi(moderno,premoderno,a volte decisamente poco interessante),per capire le ragioni di un comportamento che sa di ostracismo(non so quanto voluto e consapevole), che pur con tutta la mia buona volontà, non riesco in questa occasione a comprendere.
 Non pretendo che di arte ne mastichiate qualcosa, ma la notizia la volete almeno dare?Quotidiano e la Gazzetta hanno pubblicato ma perchè uno che fosse uno di voi , come fate di solito leggendo i giornali, non si è mosso a curiosità per far vedere anche agli altri cosa era stato prodotto in quella Chiesa?
 E che la cosa fosse importante non è perchè l'autore fosse Angelo Ciciriello, quanto semplicemente il fatto che la Chiesa di S.Rocco, nella splendida persona del parrocoDon Angelo Principalli e della comunità che lo circonda, ha ritenuto offrire uno spazio per ospitare un'opera d'arte moderna che con i venti positivi di un ritorno alla tradizione (niente più ye-ye e altre cose moderniste post-conciliari) avevavo poco a che fare, soprattutto in occasione di un grande evento come la Pasqua.
 Un mio piccolo contributo, particolare, di cuore.
 Ora l'opera potrà non piacere, ma perchè avete occultato la notizia? Voi che una pisciata di cane sul lampione pubblico la trasformate in notizia, che poi tale non è, replicandola all'infinito e rimbalzandola tra voi fino a quando qualcuno si scandalizzi?
Cronache e cronachette è andato sul dotto con Caravaggio, Tribuna libera si è accontentato di una stampa presa da internet,, tu Diavoletto sempre a caccia di barzellette(anche sulla Pasqua?!) con toni sempre e solo anticattolici e antiberlusconiani,Ahiceglie con un disegno del mio caro amico antonio, il maestro delle Mieradici una stampa e una poesia...va tutto bene, ma perchè da sensibili blogger quali siete, non avete voluto riportare come avete sempre fatto tutte le altre volte con simili eventi e anche con altre amenità?
 O meglio, come fate sempre quando prendete le notizie dai giornali, commentandole.
 Ma non per me, tranquilli, avrò altre occasioni anche fuori da questo paese, ma solo per tenere una linea di condotta univoca e sempre a scanso di dubbi sui modi di fare notizia.
 Qualcuno grida al regime sempre e comunque, ma non è che sotto sotto, vi piace spadroneggiare scegliendo notizie e altre no perchè così conviene?
 Una cosa abbastanza strana non trovate?
 E' un silenzio imperdonabile che posso giustificare a chi campa d'invidia e di ignoranza non chi ha scelto anche di fare della notizia o un suo divertissement o un lavoro serio. Qualcuno la chiama pomposamente deontologia professionale.
 Con tutta la mia stima e con la disistima che potete immaginare.
angelo ciciriello
-----------------------------------------

L'Italia bombarderà la Libia. Forse ci voleva un verbo più comprensibile di "ripudia". [batduccio] 
Celebrazioni del 25 aprile, La Russa fischiato all'Altare della patria. Per simulazione. [sisivabbe] 
Il Pdl: “La giustizia non può trattare allo stesso modo gli incensurati e i delinquenti abituali”. E quelli che sono entrambi?
[mestmuttèe]

sabato 23 aprile 2011

Lavoratooooriiiii... prrr...


Vertenza Precari al Comune: la CGIL non ci sta



Dopo due incontri tenuti tra OO.SS. e Amministrazione, la risposta data, al momento, dal Comune di Ceglie rispetto al licenziamento dei 7 (sette) Lavoratori precari con contratto di lavoro a tempo determinato, che decorrerà dal 1 maggio p.v., non può assolutamente essere condivisa dalla CGIL.
Di fronte alle diverse difficoltà tecnico – amministrative che il Sindaco aveva espresso al tavolo in merito alla salvaguardia dei livelli occupazionali , la CGIL aveva chiesto che venissero affrontate e risolte tali problematiche con i tempi necessari per l’Ente, ma, nel frattempo, occorre garantire continuità al rapporto di lavoro, ricorrendo al previsto strumento legislativo della “proroga dei contratti a termine con deroga assistita” da sottoscrivere presso la Direzione Provinciale del Lavoro.
Continua qui.

Tessile, cancelli chiusi alla Itn di Martina. Pasqua di lotta per gli operai 

Amarissima sorpresa nell’uovo di Pasqua per i 190 operai della Itn, Industriale Tessile Nardelli, di Martina Franca, almeno 60 dei quali originari di Ceglie Messapica. Questa mattina alle 7, ora di apertura della fabbrica, i lavoratori hanno raggiunto lo stabilimento per prendere regolarmente servizio, e invece hanno trovato i cancelli presidiati dai sindacati ai quali era stato comunicato nella tarda serata di ieri che l’azienda avrebbe chiuso la produzione, per decisione unilaterale e irreversibile dell’amministrazione. “Colpa della crisi”, ha detto il titolare Angelo Nardelli, che ha affidato l’epitaffio dell’impresa, ultimo presidio dell’industria tessile in tutta la Valle d’Itria, ad un testo laconico tanto quanto lapidario indirizzato via fax alle organizzazioni sindacali.

Continua qui.



venerdì 22 aprile 2011

TEATRI DEL PRESENTE

TEATRI DEL PRESENTE II° Edizione
29 Aprile/13 Maggio 2011
Teatro Comunale di Ceglie Messapica

ingresso 8 euro – ridotto 4 per ragazzi da 14 a 19 anni
abbonamento a tutte le serate 15 euro
spettacoli consigliati per il pubblico adulto


Venerdì 29 Aprile 2011 - h 21
Roberto Anglisani
GIUNGLA
di R. Anglisani e M. Maglietta
con Roberto Anglisani

regia Maria Maglietta
musiche Mirto Baliani
(durata 70 min.)


E’ una sera d’autunno, piove, la stazione centrale di Milano è piena di pendolari che tornano a casa dal lavoro. In mezzo alla folla, come se fossero invisibili si muovono otto… dieci ragazzini stranieri di età diverse. Sono guidati da un uomo con un lungo cappotto, una finta pelliccia di tigre, è Sherekhan il trafficante di bambini. Mentre il gruppo si dirige verso l’uscita uno dei ragazzi scappa nei sotterranei della stazione, si chiama Muli e non vuole più essere costretto sotto la minaccia delle botte a rubare e a mendicare per Sherekhan.
 


SABATO 30 Aprile 2011 – h 21
Teatro dell'Est
IL ROMANZO DI FLAMENCA
voce narrante Nicola Zucchi

disegni Francesca Delle Grottaglie
musica in scena Ferdinando Filomeno
(durata 30 min.)

E' una improvvisazione per violoncellista, disegnatrice e voce narrante. In un’epoca sommersa di parole inutili si racconta una storia d’amore lenta, precisa, ironica, astuta, dove ogni singola parola è necessaria e detta rischiando la vita. Ma non dovrebbe essere così per ogni cosa d’amore?

a seguire

Raffaella Giancipoli
RITA
di e con: Raffaella T. Giancipoli

assistente alla regia: Bruno Soriato
disegno luci: Tea Primiterra
con il sostegno di:
Associazione Tra il Dire e il Fare e Compagnia La Luna nel Letto
(durata 40 min.)

Ci sono storie che è meglio scordare, fatti che non bisogna mai pronunciare. Poi un giorno il passato bussa alla porta e senza aspettare d'essere invitato invade il presente. Allora Rita chiude gli occhi e si abbandona ai ricordi rimasti impigliati in un capello bianco, tra i solchi delle mani rugose, in una piega dell'abito buono. Fino a cadere più giù della Rita che ha sempre conosciuto, davanti alla porta dei suoi incubi. Aprire gli occhi diventa necessario, necessario e doloroso. E in alcuni momenti quel dolore è ancora così vivo, che Rita non ha altro modo di dirlo se non nella lingua madre del suo corpo. A tratti le mani, la bocca, i piedi, tutto parla in dialetto. La lingua della terra che l'ha generata. E allora finalmente può aprire gli occhi e guardare in faccia il passato, quello vero. Occhi negli occhi.

VENERDI' 13 Maggio 2011 – h 21
Babelia&C
REPORTAGE CHERNOBYL
L’atomo e la vanga. La scienza e la terra.
con Roberta Biagiarelli
e con la partecipazione straordinaria in video di Roberto Herlizka
di Roberta Biagiarelli e Simona Gonella

regia Simona Gonella
regia video e realizzazione Giacomo Verde
disegno luci Virginia Manoni, Giovanni Garbo

 
testimonianze tratte da “Preghiera per Chernobyl” di Svetlana Aleksievic edizioni e/o.
Chernobyl è una storia dimenticata. Del destino delle persone che hanno vissuto e subito le conseguenze dell’incidente si sa molto poco. Eppure Chernobyl è una perfetta metafora del mondo che ci circonda, del rapporto spesso perverso che abbiamo con la tecnologia, della disinformazione di cui siamo vittime rispetto ai grandi disastri ambientali, del rapporto bulimico che stringe le società occidentali con l’energia. Ne consumiamo sempre di più, per il soddisfacimento di quelli che riteniamo essere i nostri bisogni inalienabili, trascurando spesso l’impatto che questi hanno sullo stato di salute del pianeta. Ma Chernobyl è soprattutto la lucida realtà del rapporto antico tra l’uomo e la scienza o, per dirla con le parole di uno dei testimoni della tragedia: tra l’atomo e la vanga.

a seguire

incontro con il Comitato referendario "Vota Si per fermare il nucleare"


mercoledì 20 aprile 2011

Sim Sala Bim!

Sim Sala Bim e il referendum non ci sarà più! 


In realtà non si rinuncia al nucleare ma si ferma solo il programma di installazione delle centrali nucleari.
«Il Parlamento però - ha precisato - non deve giocare a rimpiattino, né deve farlo il governo. Perché nella proposta odierna, quando si va a inserire questo emendamento, non dice che viene abrogata l'impostazione nucleare dell'acquisizione di energia, ma viene semplicemente posticipata la localizzazione degli impianti. La produzione di energia nucleare resta. Non giochiamo a fare i furbi. State vedendo che la partita è persa e volete fermare la partita».  Clicca qui. 

martedì 19 aprile 2011

Quisquilie e pinzillacchere

Martedì 19 aprile 
Teatro Comunale ore 20.00
LA PASSIONE DI CRISTO
Compagnia Teatrale “Nunzia Stoppa”

---------------------------------------------------

All'Agostinelli si parla di integrazione dei diversamenti abili

Mercoledì 19 Aprile l’Istituto “Cataldo Agostinelli” di Ceglie Messapica dedicherà l’Assemblea d’Istituto al tema dell’integrazione dei diversamente abili e della solidarietà.
L’iniziativa si terrà alle ore 10,00 presso il Palazzetto dello Sport di Ceglie Messapica.
Introdurrà la giornata l’assistente educatore Alessandro Tamburrino con la collaborazione degli altri educatori ed insegnanti di sostegno.
All’incontro parteciperanno alcuni diversamente abili che daranno la loro testimonianza di vita: Vincenzo Attore, Leonardo Fortunato, Giovanni Caliandro e Vincenzo Cassese.

Energie rinnovabili 
Il solare sui tetti vale tre centrali nucleari

Un piccolo pannello da 3 kWp produce mediamente 4.000 kWh all’anno. Se cinque milioni di famiglie italiane (su un totale di 22 milioni) installassero sul tetto di casa un pannello, si potrebbero produrre 20 miliardi di kWh per una potenza installata di 20.000 MW: il 30% circa del fabbisogno energetico complessivo delle famiglie (stimato intorno ai 67 miliardi di kWh) e il 6% del fabbisogno nazionale (pari a 317,6 miliardi di kWh). “Se pensiamo che le grandi centrali a gas hanno una potenza di 800 MW e i reattori nucleari di circa 1.600 MW, possiamo dire che sui tetti delle famiglie italiane c’è il potenziale equivalente di numerose centrali tradizionali o nucleari e di almeno tre reattori nucleari in termini di energia prodotta”, continua Lancellotti. “Nelle nostre case si può veramente compiere la terza rivoluzione industriale, con la trasformazione delle famiglie da centri di consumo a centri di produzione, eliminando le perdite di rete e dando stimolo all’occupazione locale con manodopera specializzata. Ci auguriamo che per questa rivoluzione il governo non voglia attendere oltre”.
(dati elaborati da ENER20)
Intanto: "Le modifiche alla disciplina degli incentivi sollevano serie preoccupazioni". Lo scrive il commissario europeo all'Energia Oettinger al ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani. Nella lettera Oettinger ricorda poi che l'Italia dovrebbe coprire con le rinnovabili un nono dei consumi di energia entro il 2020 : per questo, aggiunge, le modifiche che alterano il ritorno finanziario dei progetti esistenti rischiano di compromettere la stabilità degli investimenti.
------------------------------------------------------ 


"Ad Arcore Berlusconi ci faceva baciare la statua di Priapo".
Poi dicono che questo governo non fa nulla per la cultura.
[mau.dech]
 

lunedì 18 aprile 2011

Sport


Dalla redazione sportiva

ahiceglie

Pallacanestro Serie B Dilettanti Maschile - Gir.D
 CEGLIE  - BENEVENTO
 82-68
Parziali: 25-14, 19-16, 21-18, 17-20
Classifica: Reggio C. 40, Orlandina Basket 40, Martina F. 34, Francavilla 34, Asd Nuovo Basket Cb 30, Corato 30, M.S. Campobasso 30, Catanzaro 26, Ceglie 26, Melfi 20, Bernalda 16, Bari 16, Ragusa 14, Benevento 8.
Questi gli accoppiamenti nei play off:
ORLANDINA BASKETBASKET CEGLIE          
MARTINAFRANCA - MENS SANA CB.          
VIOLA REGGIO C. - NUOVO BASKET CB          
  BK FRANCAVILLA - BASKET CORATO
Pallacanestro Serie C Regionale
 N.P. CEGLIE - MESAGNE
 72-67
Parziali: 15-12, 26-9, 21-17, 11-29
N.P. CEGLIE: Piergianni 4, Argentiero 4, Curri 2, Travaglini 22, Zaccaria n.e., Lescot 18, Lupo 3, Brunetti, Masciulli 17, Carrieri 2. Allenatore: G. Amatori
MENS SANA MESAGNE: Gualano, Santoro 5, Rubino 11, Calò, Risolo 8, Calcagni n.e., Dipietrangelo 7, Falcone n.e., Della Corte 20, Ventruto 16. Allenatore: A. Scoditti.
Classifica: Dld Basket Taranto 56, Libertas Taranto 50, Castellana 44, Santeramo 40, Np Nardò 38, Barletta 36, Mesagne 30, Libertas Trani 30, Invicta Brindisi 30,  Eagles Ruvo 24, Assi Brindisi 22, Quelli Che … Brindisi 22, Ceglie 22, S. Vito 20, Eagles Brindisi 12,  Bari 4. 


Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
 N.P. CEGLIE - MAGIC VOLLEY 
 0 - 3
Parziali: 22-25 / 18-25 / 17-25
Classifica: Ugento 53, Maglie 51, Mesagne 43, Magic Volley 44, Aquarica 39, Collepasso 32, L.Tempesta 27, Ceglie 21, Volleyball 20, Techni Plant 16, ASD Olimpius 11, Assi Brindisi 9.
Pallavolo Serie D Maschile - PlayOff Gir. A
 ECANA - CEGLIE 
 0 - 3
Parziali: 16-25 / 15-25 / 18-25
Classifica: Trelicium 24, Brindisi 14, Grumo 15, Ceglie 12, Nardò 4, Ecana 3.

sabato 16 aprile 2011

Buona domenica


Sabato


Ore 18.30 Palazzetto dello sport
N.P. CEGLIE - 
MESAGNE
Pallacanestro Serie C Regionale

Ore 21.00 Palazzetto dello sport
N.P. CEGLIE - MAGIC VOLLEY
Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B

Ore 22.00 PetraLiveMusic
Kekko Fornarelli-Kube
Kekko Fornarelli - piano/synth; Luca Alemannoi – doublebass; Gianlivio Liberti - drums/percussions

Domenica


Ore 10.00 - 13.00 / 17.00 - 21.00 Piazza Sant’Antonio
Raccolta indumenti usati da destinare al campo profughi di Manduria
A cura di Sinistra ecologia e libertà

Ore 10.00 - 12.30 Galleria d'Arte Moderna Emilio Notte
Info qui.

Ore 13.00 Pranzo
Info qui.

Ore 15.00 Passeggiata nel centro storico

Ore 18.00 Palazzetto dello sport
CEGLIE - 
BENEVENTO
Pallacanestro Serie B Dilettanti Maschile - Gir.D

Ore 20.00 Teatro comunale
Giuseppe Carabellese (violoncello) - Vito Reibaldi (pianoforte) 
XVII Stagione Concertistica "Caelium"


Ore 21.00 Cena 
Info qui.



Farmacia di turno
Farmacia Ricci 
Corso Garibaldi, 18
Telefono: 0831-377118

venerdì 15 aprile 2011

Protesta


ore 21.30 I lavoratori hanno tolto gli striscioni.
Probabile una soluzione del problema. 
A domani per le notizie ufficiali.


P.S. Alla processione dell'Addolorata assente il sindaco e... la fascia tricolore.
Sarà rimasta a Bari?

--------------------------------------------


I sette lavoratori co.co.co del Comune hanno iniziato una protesta per rivendicare la stabilizzazione del posto di lavoro come è stato fatto in altri comuni. Il loro contratto scade a maggio. Gli incontri con l'amministrazione non hanno portato ad una soluzione del problema. Da maggio, quindi, dopo 16 anni di collaborazione con le precedenti amministrazioni, si prospetta un futuro nero per questi lavoratori.  
Sono sul terrazzo dell'edificio comunale e minacciano di buttarsi giù.

Comunicato stampa dell'opposizione in Consiglio Comunale.

Comunicato stampa dell'Amministrazione comunale .

Articolo di BrindisiReport.


L'Italia è una Repubblica fondata sulla cultura!


RESIDENZA TEATRALE DI CEGLIE MESSAPICA
Armamaxa teatro – Luna nel Pozzo – Teatro dell'Est

formazione

"PAROLE PERDUTE"
Seminario con Roberto Anglisani

27-29 Aprile 2011 Teatro Comunale di Ceglie Messapica

"Così come l'espressione della canzone è il canto, quella della fiaba è la narrazione. La fiaba non è stata creata per essere letta, ma per essere narrata, quindi ascoltata." ( V. Propp)
Questa frase, scritta da un grande studioso della fiaba, suona come rivincita dell'oralità, dell'esecuzione, della" recita", delle circostanze irripetibili della comunicazione, e suona quasi come un ammonimento e un appello: agli studiosi perché non dimentichino che cosa dà vita alle astratte strutture narrative, e a tutti noi che, per mancanza di tempo o per apatia, deleghiamo ormai allo schermo televisivo uno dei momenti magici più delicati che possiamo dedicare ai nostri figli o nipoti: il racconto di una storia. Da questa riflessione nasce l'idea di creare uno stage per tutti coloro che vogliono riappropiarsi di una abitudine antica, ma piena di fascino: raccontare storie.

Mercoledì 27 Aprile dalle 19 alle 23
Giovedì 28 Aprile dalle 19 alle 23
Venerdì 29 Aprile dalle 16,30 alle 19,30

Costo del Laboratorio: 50 €
Posti limitati, è necessaria la pre-iscrizione

Info e iscrizioni: inforesidenza@armamaxa.it
cell. 3498074342

Prossimi appuntamenti della Residenza di Ceglie:
TEATRI DEL PRESENTE – 29 Aprile/13 Maggio 2011
L'Italia è una Repubblica fondata sulla cultura!

Ven. 29/04 h 21 Roberto Anglisani GIUNGLA
Sab. 29/04 h 21 Teatro dell'Est IL ROMANZO DI FLAMENCA
a seguire Raffaella Giancipoli RITA
Ven. 13/05 h 21 Roberta Biagiarelli REPORTAGE CHERNOBYL
a seguire incontro con il Comitato Referendario
"Vota SI per fermare il nucleare!"

Tutte le sere h 20: "Aperitivo solidale" per 'Ndem (Senegal) con Ass. Teatro dell'Altopiano e la musica di Kuacezz

Ingresso: 8 € - ridotto ragazzi 14/19 anni 4 €
Abbonamento a tutte le serate 15 €

mercoledì 13 aprile 2011

XVII Stagione Concertistica "Caelium"


 Prosegue la XVII Stagione Concertistica Caelium con il sesto concerto in cartellone, dove vede la partecipazione del duo Giuseppe Carabellese (violoncello) - Vito Reibaldi (pianoforte).
In programma - domenica 17 aprile 2011, ore 20.30 - ci sono la Sonata per Violoncello e Pianoforte Op. 102 n° 1, appartenente all’ultimo periodo creativo di Beethoven; questa sonata è considerata tra le più “astratte” e oggettivate in tutta l’opera beethoveniana, con una preponderanza di scrittura contrappuntistica, nonché una cura particolare nel trattamento del suono.
Seguirà la Sonata n° 2 op 99 di Brahms composta nel 1886; in essa, malgrado Brahms avesse dichiarato che alcune “inconsuete” scelte tonali erano di ascendenza haydniana, già si avvertono suggestioni di carattere moderno.
La novità più interessante di questo appuntamento è la prima esecuzione assoluta (mondiale) della sonata n°1 Op. 63 (composta nel 1991) del compositore russo Nikolaj Kapustin. Nato a Gorlovka in Ucraina nel 1937, Kapustin, pur indirizzato ad una formazione di stampo classico-tradizionale con una predilezione per il repertorio virtuosistico russo, sin dall’età di 10 anni è notevolmente influenzato dal Jazz, tanto che verso la fine degli anni ’50 si immerge nella realtà musicale jazzistica russa.
Dagli anni ‘70 comincia a concentrare la sua ricerca compositiva al pianoforte su un tipo di “performance” per ‘piano solo’ basata sull’abbinamento delle forme classiche ad un “idioma” jazz. La fusione dei due stili musicali non è improvvisata ma è riportata fedelmente sulla carta con dovizia di particolari tale che, durante l’ascolto, si ha l’impressione che sia effettivamente improvvisata. In un recente intervista il compositore russo ebbe a dire: ”Capii che dovevo fondere la musica accademica col jazz”.
Continua qui.

martedì 12 aprile 2011

Clero liberale e Clero reazionario


Tokio - (Adnkronos/Dpa) - Il governo giapponese ha innalzato questa mattina l'allarme nucleare dopo che l'Agenzia per la Sicurezza Industriale e Nucleare ha determinato che dal reattore due della centrale Daiichi di Fukushima stanno fuoriuscendo quantità di materiale radioativo tali da ipotizzare che in futuro saranno superiori a quelle emesse dalla centrale ucraina.

-------------------------------------------------
Capitolo quarto

Clero liberale e Clero reazionario

«Quando il Giannone, ponendo in risalto i nessi necessariamente intercorrenti tra la "storia civile" e la "storia ecclesiastica", affermava che la prima non poteva in nessun modo andar disgiunta dalla seconda... coglieva risolutamente un aspetto essenziale della storia del Mezzogiorno d'Italia...
«Sulla funzione della Chiesa nella storia del Mezzogiorno d'Italia si sa già molto, e non mancano le ragioni per coinvolgerla nelle responsabilità dei mali che hanno afflitto ed affliggono queste regioni; ma, al di là di qualsiasi valutazione sulle caratteristiche generali derivanti dalla presenza di una forte organizzazione ecclesiastica, converrà anche indagare sulla vita interna delle comunità periferiche meridionali, per tentar di conoscere il valore effettivo di certi condizionamenti, che restano ancora da essere illustrati in tutte le loro pieghe.

«... la società religiosa si presentava come una società omogenea ed in certo modo autonoma, legata alla base ad ampi strati della popolazione e fornita al vertice, attraverso una gerarchia sempre più salda, di un prestigio e di una capacità effettiva di potere, che ben potevano aspirare a misurarsi con quelli di cui erano dotati gli alti gradi dell'ordinamento civile, centrale o periferico.
«... il clero venne a stabilire una serie di rapporti con il mondo laico, ed anzi confermò la sua stessa azione in vista di un reale inserimento all'interno della popolazione e dei gruppi dirigenti.
«Tale sua azione ebbe una vastissima portata, ed interessò in maniera determinante lo stesso assetto sociale» delle regioni meridionali sino a condizionarne l'organizzazione e lo sviluppo.

Anche il clero del Circondario di Brindisi, che era numeroso e, per quanto riguardava molti suoi elementi, colto, era perfettamente inserito nella realtà locale e, perciò stesso, nel suo ambito furono avvertite da una parte le istanze del pensiero liberale che propugnava instancabilmente la libertà, l'indipendenza e l'unificazione della Penisola, nel mentre dall'altra si postulava la necessità come inderogabile impegno morale - di ribadire la propria fedeltà, solennemente proclamata con giuramento prestato nelle mani dell'ordinario diocesano, alla Dinastia regnante ed al Governo che ne impersonava la politica, ottemperando ai dettami del Concordato sottoscritto tra le due Potestà - la Santa Sede ed il Regno delle Due Sicilie - il 16 febbraio del 1818.
Ne derivarono aspri contrasti che raggiunsero il parossismo soprattutto in quei Comuni del Circondario di Brindisi che, secondo la giurisdizione ecclesiastica del tempo, in vigore da molti secoli, erano compresi nella Diocesi di Oria - una delle più estese e popolate di Terra d'Otranto - sulla cui cattedra sali, succedendo a monsignor Giandomenico Guida (1833-1848), dei Padri de11a Missione, il francavillese Luigi Margarita (1851-1888) appartenente allo stesso ordine del predecessore.
Continua qui.

GAETANO di THIÈNE SCATIGNA MINGHETTI, Risorgimento in Terra di Brindisi. Liberali e Reazionari, Kailinon, Ceglie Messapica, 1984. 

lunedì 11 aprile 2011

Sport


Dalla redazione sportiva

ahiceglie

Pallacanestro Serie B Dilettanti Maschile - Gir.D
 BERNALDA - CEGLIE 
  65-67  
Parziali: 20-22, 13-13, 18-25, 14-7
Classifica: Reggio C. 38, Orlandina Basket 38, Martina F. 34, Francavilla 32, Asd Nuovo Basket Cb 30, Corato 30, M.S. Campobasso 28, Catanzaro 24, Ceglie 24, Melfi 20, Bernalda 16, Ragusa 14, Bari 14, Benevento 8.
Pallacanestro Serie C Regionale
 ASSI BRINDISI - N.P. CEGLIE 
  53-50  
Classifica: Dld Basket Taranto 54, Libertas Taranto 48, Castellana 42, Santeramo 38, Np Nardò 38, Barletta 34, Mesagne 30, Libertas Trani 30, Invicta Brindisi 30,  Eagles Ruvo 22, Assi Brindisi 22, S. Vito 20, Quelli Che … Brindisi 20, Ceglie 20, Eagles Brindisi 12,  Bari 4. 

Pallavolo Serie C Femminile - Gir. B
  VOLLEYBALL - N.P. CEGLIE
  3 - 0  
Parziali: 25-19 / 25-17 / 25-17
Classifica: Ugento 50, Maglie 48, Mesagne 43, Magic Volley 41, Aquarica 36, Collepasso 32, L.Tempesta 27, Ceglie 21, Volleyball 20, Techni Plant 15, ASD Olimpius 11, Assi Brindisi 7.
Pallavolo Serie D Maschile - PlayOff Gir. A
 GRUMO N.P. CEGLIE 
  3 - 0  
Parziali: 25-17 / 25-14 / 25-22
Classifica: Trelicium 21, Brindisi 14, Grumo 12, Ceglie 9, Nardò 4, Ecana 3. 

.