.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

a

sabato 30 novembre 2013

Eccezziunale veramente...

Dopo il vico dedicato a madre Teresa di Calcutta è stata dedicata l'altra sera in consiglio la villa comunale a Papa Giovanni Paolo II. Una zona delle zone più degradate di Ceglie dedicate a un papa che ha fatto la storia. Un busto sarà collocato ... Si dice che ci saranno dei lavori, promessi da un bel po', speriamo che la manifestazione d'intitolazione e di posa del busto avvenga alla fine di questi, ma forse no...   il 2 aprile giornata stabilita dal consiglio per ricordare la figura del papa, futuro santo, è vicina.

Guardate in quali condizioni sono il Calvario (riprese periodo pasquale) e la villa comunale... un po' di vergogna niente?

Il comunicato stampa






LA VIGNETTA

"... intitolare l’attuale Villa Comunale a Papa Giovanni Paolo II e di dedicare il 2 Aprile di  ogni anno una giornata in memoria, oltre a collocare nella stessa Villa un busto  raffigurante la sua figura."


Cambio...


venerdì 29 novembre 2013

La vignetta

"... finalmente, è stata individuata la strada che ci consentirà, in tempi brevi, l’acquisizione definitiva della splendida Torre del Castello Ducale."
  IL SINDACO Luigi Caroli


Assemblea aperta alla cittadinanza


Comunicato stampa del PD Ceglie Messapica

Assemblea delle iscritte e degli iscritti, aperta alla cittadinanza

Domenica 1° dicembre alle ore 17,00 presso i locali della Parrocchia Maria Immacolata in viale Don Guanella (gli stessi dove si è svolto il congresso cittadino) si terrà l’Assemblea delle iscritte e degli iscritti al Partito Democratico di Ceglie Messapica, aperta a tutta la cittadinanza.
Il congresso cittadino, con la dialettica propria di tale fase, è alle nostre spalle. È ora il momento di costruire tutti insieme un partito plurale, aperto ed inclusivo.
Una Comunità di donne e uomini in cui ciascuno si senta protagonista attivo del cambiamento. Grazie alle idee e alle esperienze di tutti gli iscritti potremo contribuire alla crescita e allo sviluppo della nostra Città, così da mandare a casa il centro-destra dannoso e inconcludente che oggi amministra Ceglie.
Il Partito Democratico che vogliamo costruire è un partito che sa ascoltare le esigenze della Città, di tutte le sue componenti; che parte dai bisogni delle persone e non da idee astratte e precostituite. Un partito che sa formulare delle proposte concrete da offrire alla cittadinanza, in dialogo costante.
L’Assemblea sarà il primo di tanti momenti di confronto al nostro interno e con l’intera cittadinanza e da cui prenderemo slancio per i futuri impegni.
È anche l’occasione per discutere delle tre mozioni in vista delle primarie per l’elezione del segretario nazionale del Partito Democratico che si terranno l’8 dicembre prossimo.
Sarà presente il segretario provinciale del partito Democratico, Maurizio Bruno. Sono stati invitati i parlamentari e i consiglieri regionali eletti in provincia di Brindisi.

Piermassimo Chirulli
Segretario Circolo PD Ceglie Messapica  

Nuovo Centro Destra in Consiglio Comunale a Ceglie


Comunicato stampa del capogruppo del Nuovo Centro Destra in Consiglio Comunale a Ceglie
Messapica FRANCESCO LOCOROTONDO

La sedute di ieri sera del Consiglio Comunale rappresenta una svolta storica nel panorama politico cegliese!!! Con la formalizzazione della costituzione del gruppo consiliare Nuovo Centro Destra composto dai consiglieri Ciro Argese,Maria Paola Casale,Piero Gallone e Francesco Locorotondo e con l'adesione politica dei gruppi consiliari Liberi e Forti,Lista Magno e Ceglie Prima Di Tutto,si concretizza una presenza politica importante che sta riscuotendo consensi a livello nazionale e regionale, in tutto il mondo dei moderati e dei riformisti,prova ne è la conferenza stampa di lunedì scorso del Presidente Massimo Ferrarese che ha visto traghettare verso il movimento politico di Angelino Alfano la maggiorparte dei moderati della provincia di Brindisi,con in primis il nostro amico e concittadino Ciro Argese già segretario dell'UDC in terra di Brindisi.
Così come a livello di Governo nazionale, anche a Ceglie le donne gli uomini del NCD sono impegnati a garantire la governabilità, nella convinzione che avventuristiche rincorse di elezioni anticipate, non farebbero altro che danneggiare pesantemente i cittadini, già alle prese con i gravissimi disagi causati dalla crisi economico-sociale, ma soprattutto nella nostra Città farebbero perdere le importanti opportunità di sviluppo nel settore turistico-storico-culturale che l’Amministrazione ha saputo costruire in questi mesi.
Per questo sosteniamo convintamente gli sforzi del Sindaco Luigi Caroli e della sua giunta, pur consapevoli delle tante difficoltà interne ed esterne alla macchina comunale, ma con la serenità di chi sta lavorando nel solo ed esclusivo interesse della cittadinanza. Non ci interessa alimentare sterili polemiche personali, avendo nel dna stampato il concetto del massimo rispetto di tutti, soprattutto di chi non la pensa come noi; proprio per questo, per il rispetto dovuto alla Istituzione di cui facciamo parte, andiamo avanti con fermezza nell’attuazione del nostro programma di governo cittadino, a partire dall’approvazione del PUG e dal rilancio del sistema produttivo locale.
Ai cittadini continueremo a garantire il massimo impegno e ogni sforzo per adeguare la macchina amministrativa alla accresciute esigenze della collettività, per pacificare e istituzionalizzare i rapporti tra le forze politiche, che non possono basarsi su presunte fedeltà o simpatia personali, ma al contrario devono partire da un concetto di bene comune che esula da ogni appartenenza e provenienza, ma deve basarsi sulla politica del “fare, dell’agire” nell’interesse della collettività.
Questo è i pensiero che è alla base di una scelta di coraggio che il NCD fa tutti i giorni, nel tentativo di rendere concreto l’ammonimento che tanti anni fa Alcide De Gasperi lanciò alla classe dirigente di questo Paese: il politico pensa alle prossime elezioni, lo statista alla prossime generazioni. Nel nostro piccolo e con modestia questo vogliamo fare insieme al Sindaco Luigi Caroli, pensare alle prossime generazioni di cegliesi. Poi la Storia giudicherà…..

martedì 26 novembre 2013

Le vignette

Oggi in una nota, il primo cittadino [Luigi Caroli] fa sapere che "parte da Ceglie Messapica la rivoluzione di Angelino Alfano".


Ieri 
Primavera?


CEGLIE MESSAPICA (BRINDISI) – Una maggioranza interamente schierata con il Nuovo Centrodestra di Alfano: accade a Ceglie Messapica, ma non si tratta di una transmigrazione diretta dal Pdl ma un passaggio dall’Udc e da gruppi centristi al partito del vicepremier. L’en plein del movimento di Alfano ha radici più lontane: in un ribaltone del 2013 che permise alla maggioranza pidiellina di passare quasi tutta all’Udc (che era all’opposizione) e ad altri a gruppi centristi. La decisione è sicuramente connessa con la scelta formalizzata stamani dall’ex presidente della Provincia di Brindisi, Massimo Ferrarese, vicino alle forze centriste (era fino a poco fa leader del movimento Noi Centro, legato a doppio filo con l’Udc di Casini), di aderire al nuovo progetto del centrodestra.
 Il sindaco di Ceglie, Luigi Caroli, era stato infatti eletto nel 2010 nelle file del Pdl, da cui poi era stato espulso insieme a sei consiglieri su decisione del segretario provinciale, Luigi Vitali, nel giugno 2013 in seguito al ribaltone. La giunta della cittadina del Brindisino è composta da sei assessori, per lo più tecnici, mentre la maggioranza fino a ieri era quasi tutta "centrista", all’infuori di un esponente della Dc. All’opposizione c'è il Pdl (ora Forza Italia), il Partito Democratico e Sel. Oggi in una nota, il primo cittadino fa sapere che "parte da Ceglie Messapica la rivoluzione di Angelino Alfano".
Fonte.

POCHI MESI FA


lunedì 25 novembre 2013

Regala un sorriso

L'Associazione "GIOIA", in collaborazione con il "MOVIDA CAFE'", organizza l'iniziativa "Regala un sorriso", raccolta di giocattoli usati da destinare ai minori del Centro Diurno Socio-Educativo di Ceglie Messapica. 
Per un bambino ogni giocattolo è un piccolo grande mondo di sogni. Con esso inventa storie appassionanti e vicende emozionanti. Alla peggio, smontarlo per scoprirne l'anima segreta è un modo per cominciare ad indagare, a ricercare, a svelare i minuscoli misteri quotidiani che faranno la sua vita. Ora, non sempre i bimbi ne hanno tra le mani. Capita spesso, di questi tempi magri, che le famiglie - quando sono unite, altrimenti è ancora più dura - facciano rinunce perchè innanzitutto è importante sbarcare il lunario. Così, i più piccoli devono fare a meno di questi onirici oggetti. Per rimediare a questa carenza, l'Associazione “GIOIA”, in collaborazione con il “Movida Cafè”, presenta "Regala un sorriso". 
L'iniziativa mira a raccogliere giocattoli usati e, possibilmente, in buono stato, da devolvere in beneficenza ai minori del Centro Diurno Socio-Educativo di Ceglie Messapica provenienti da famiglie con svantaggio sociale e culturale. E' bello pensare che i più piccini possano donare un sorriso ad altri piccini. 
La raccolta avverrà da domenica 1 a giovedì 19 dicembre, dalle ore 15 alle ore 16, presso il Movida Cafè, in via Bari a Ceglie Messapica.

Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne'



Il 25 novembre si celebra la 'Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne' e milioni di donne faranno sentire la loro voce in Italia e nel mondo. La violenza contro le donne resta una delle forme più gravi di violazione dei diritti umani a livello mondiale.

domenica 24 novembre 2013

Buona domenica



dalle ore 10.00-13.00 Centro Documentazione Archeologica
Info qui.

dalle ore 10.30-12.30
Galleria d'Arte Moderna Emilio Notte
Info qui.


ore 17.30 Teatro Comunale
Teatro Crest
Sposa sirena 
Il posto delle favole - VI° edizione





Edicole di turno
Piazza Plebiscito
Via Aldo Moro
Via Martina



Farmacia di turno
Farmacia Caputo
Via Umberto I, 47
Telefono: 0831-377159


Distributori carburanti
ESSO Via Ceglie - V. Castelli
AGIP ex Aviol. Via Ceglie - Francavilla



sabato 23 novembre 2013

Eccezionale scoperta archeologica a Oria


Nel corso dei lavori di ristrutturazione di alcuni ambienti dell’Episcopio di Oria, un centro messapico ubicato tra Brindisi e Taranto, la Soprintendenza archeologica di Taranto ha portato alla luce significativi resti di un imponente edificio di epoca alto-ellenistica. I risultati sono stati presentati di recente. Lo studio ha visto impegnato l’Ibam-Cnr.
Intanto a Ceglie si dice che ci siano stati dei ritrovamenti archeologici durante lavori di scavo. Tutto tace. Qualcuno sa qualcosa? Naturalmente si comprende il riserbo degli addetti ai lavori archeologici, ma l'Amministrazione è informata? 
Quante storie "pi do petre viecchje"! 

Ceglie Messapica 
Nel 2011, nel corso dei lavori di ristrutturazione di alcuni ambienti dell’Episcopio di Oria, un centro messapico ubicato tra Brindisi e Taranto, la Soprintendenza Archeologica di Taranto ha portato alla luce significativi resti di un imponente edificio di epoca alto-ellenistica, tra cui quelli di un mosaico policromo a ciottoli raffigurante l’assalto di un leone a un cervide, che non trova confronti in nessun centro antico dell’Italia meridionale o della Sicilia.

Lo studio, multidisciplinare, dell’eccezionale monumento ha visto impegnati M.Teresa Giannotta e G. Quarta dell’Istituto per i Beni archeologici e monumentali del CNR, sede di Lecce, A. Cocchiaro e L. Masiello della Soprintendenza Archeologica di Taranto e M. Lombardo dell’Università del Salento. I risultati sono stati presentati al Colloquio Internazionale dell’AIEMA (Associazione Internazionale per lo Studio del Mosaico Antico) e hanno avuto una vasta eco nel corso del 52° Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, svoltosi nei giorni scorsi a Taranto.

Nel primo ellenismo nessun’altra testimonianza di orizzonte ‘coloniale’ raggiunge la finezza e l’alto livello dei mosaici a ciottoli attestati in Grecia e in Epiro, né di quelli ritrovati a Pella, capitale del regno macedone. Il mosaico di Oria, realizzato con materiali d’importazione, si inserisce, invece, pienamente in quella tradizione figurativa, trovando significativi confronti, anche per la scelta del tema iconografico, nei mosaici a ciottoli policromi di Eretria, Pella, Atene e Corinto. Sulla base dei confronti tecnico-stilistici e iconografici, è stato possibile avanzare l’ipotesi di una datazione nell’ultimo trentennio del IV secolo a.C. e di una sua realizzazione da parte di artisti di formazione greca. L’insieme dei rinvenimenti nell’area acropolica permette di ipotizzare che la realizzazione dell’ambiente mosaicato sia da inquadrare in un intervento edilizio di portata notevole, con ricorso anche a maestranze greche, databile nell’ultimo trentennio del IV sec. a.C. Tale datazione appare congruente con quanto sappiamo della vicenda storica dei rapporti tra i Messapi e i Greci, che conosce un’importante svolta positiva con il trattato di pace e amicizia stipulato poco prima del 330 a.C., al tempo della spedizione in Italia di Alessandro il Molosso, re dell’Epiro e zio di Alessandro Magno. A tale evento fanno seguito diversi decenni di prosperità e di stretti rapporti economici e culturali, ma anche di cooperazione politica dei Messapi con Taranto e i ‘Condottieri’ greci chiamati dalla città a difesa dalle aggressioni romane, Cleonimo prima e Pirro poi.

L’ intervento edilizio testimoniato dai rinvenimenti oritani, con la costruzione nell’area acropolica di Oria, di un edificio monumentale comprendente ambienti dotati di raffinati rivestimenti parietali e pavimentazioni musive, rinvia all’esistenza, nel centro messapico, di istanze socio-politiche e socio-economiche di livello elevato, dotate di rapporti e legami forti con omologhi ambienti greci e in grado di attivarli per la sua realizzazione.

Un edificio che si può proporre, seppur con cautela, di identificare come il basìleion di cui serba memoria il Geografo di età augustea Strabone, quando, nella sua descrizione della Messapia, fa menzione di Oria aggiungendo che in essa “ancora oggi si mostra la reggia (basileion) di uno dei dinasti” .

Foto Tania Pagliara

venerdì 22 novembre 2013

PIRP ... PIRP...

PIRP ... PIRP... questo nome non mi è nuovo.... PIRPANTI, birbanti ma era un progetto della precedente Amministrazione Federico, non credo vi sia costato fatica ottenere il finanziamento. Clicca qui.


L'accordo di programma prevedeva:

Riqualificazione dell’area 167 ed incremento dotazione di servizi;
Ristrutturazione Chiesa di San Demetrio;
Realizzazione di n.6 alloggi di edilizia sovvenzionata con tecniche di bioarchitettura;
Riqualificazione dell’ex mercato coperto e realizzazione di un centro per il piccolo commercio.

---------------------------------------
Non ho ricevuto e pubblico

COMUNICATO STAMPA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CEGLIE MESSAPICA


Nei giorni scorsi la Giunta Regionale pugliese ha deciso di procedere al finanziamento del completamento dei PIRP (Programmi Integrati di Riqualificazione delle Periferie). Si tratta, pertanto, di un nuovo consistente finanziamento di 1.800.000 euro destinato alla nostra città, finalizzato alla ristrutturazione degli alloggi IACP e alla realizzazione di edilizia sovvenzionata.

In particolare nel nostro Comune sarà realizzato un importante progetto all’avanguardia nell’ambito dell’edilizia bio sostenibile. Si tratta di una ‘palazzina bio’ a basso impatto poiché rispetterà l’ambiente, sarà gradevole all’occhio e non rilascerà emissioni di anidride carbonica nell’aria.
 Saranno, quindi, delle nuove case costruite nel rispetto dell’ambiente e delle persone.
 Inoltre il nostro Comune ha ottenuto dalla Regione Puglia un finanziamento per la redazione del Piano Urbanistico Generale (PUG).
 La Giunta Regionale ha, infatti, individuato alcuni Comuni pugliesi ammessi al contributo indicando, quale criterio per l’individuazione, quei Comuni che mai, in passato, sono stati beneficiari dello stesso intervento regionale. Si tratta di sei Comuni (Bari, San Giorgio Jonico; Villa Castelli e Ceglie Messapica; Nardò e Castro) a cui sono stati destinati 13.000 euro ciascuno.
 Per l’ottenimento di tale contributo più volte ci siamo recati a Bari con il responsabile dell’Ufficio Urbanistica del nostro Comune.
 Come Amministrazione Comunale esprimiamo, pertanto, soddisfazione per questi buoni risultati ottenuti per la città Ceglie Messapica.

-------------------------------------------
Ho ricevuto e pubblico

Comunicato Stampa

CAMBIA LA MAGGIORANZA...MA IL SINDACO CAROLI NON PERDE IL VIZIO

Il centrosinistra di Ceglie esprime grande soddisfazione per il finanziamento ottenuto dalla nostra Città per la realizzazione di un progetto importante.
Dobbiamo registrare, però, che il Sindaco Caroli continua a prendersi meriti non suoi.
Ogni tanto un pizzico di “onestà” intellettuale non guasterebbe anche per rispetto di chi ha amministrato prima di lui, ottenendo un fiume finanziamenti di cui oggi la città ne sta usufruendo.
Ha annunciato in pompa magna di aver ricevuto un finanziamento di 1.800.000 Euro, 1.450.000 Euro per la realizzazione di edilizia sovvenzionata e 350.000 Euro per la ristrutturazione degli alloggi IACP.
La verità è che quel finanziamento fa parte dell'intero progetto PIRP denominato “San Demetrio” dell' importo totale di oltre 4 milioni di Euro presentato dalla passata giunta di centrosinistra nel 2007.
A differenza del Sindaco Caroli che molto probabilmente non sa di cosa si tratta noi avendo sottoscritto l'accordo di programma tra il Comune e la Regione  il 15 dicembre 2009 possiamo essere  più precisi.
Il progetto dell'edilizia sovvenzionata che prevede la realizzazione di 6 appartamenti con i criteri della bioarchitettura su un lotto di proprietà del Comune è  scaturito da un convegno voluto dall' amministrazione di centrosinistra, dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Brindisi  al quale hanno  partecipato tecnici ed esperti di fama nazionale.
Mentre è sotto gli occhi di tutti che la progettualità e la programmazione della Giunta di centrosinistra di Pietro Federico continua ancora oggi  a produrre effetti di crescita positiva per la nostra città, aspettiamo con trepidante attesa che la Giunta Caroli dopo i tanti comunicati stampa di autocompiacimento tiri fuori dal cilindro qualche idea progettuale  seria e concreta, considerato che oramai è alla fine del suo mandato.
Anche da questo si vede la grande differenza tra le due amministrazioni: il centrosinistra ottiene concreti finanziamenti per il bene dell’intera comunità cittadina; il centrodestra (nelle sue varie e mutevoli declinazioni) si appropria dell’operato degli amministratori precedenti - evidentemente più capaci - e non ha alcuna capacità progettuale ed attrattiva.
Ci viene il forte dubbio che la sfornata di continui ed il più delle volte inconcludenti comunicati stampa servono a dimostrare che il Sindaco ha proprio bisogno di assumere un vero addetto stampa nonché capo di gabinetto, per evitare continui scivoloni  come in questo caso.
Nella speranza che in futuro il Sindaco e i suoi aiutanti di campo utilizzino al meglio le risorse umane che ha a disposizione.

Ceglie M.ca lì 23/11/2013

I Consiglieri Comunali
Rocco Argentiero  Donato Gianfreda  Nicola Trinchera

Partito Democratico  Circolo di Ceglie M.ca - Piermassimo Chirulli
Sinistra Ecologia Libertà  Circolo di Ceglie M.ca - Romina Albano

Odonomastica...

In questo periodo l'odonomastica di Ceglie Messapica sembra sia molto attiva per le diverse proposte giunte dai consiglieri comunali e per le decisioni della giunta prese su vecchie richieste.
Cominciamo dall'ultima. Il consigliere Rodio chiede di dedicare l’attuale Villa Comunale a “Papa Giovanni Paolo II” visto che, tra gli altri motivi, questa Amministrazione Comunale nel Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2013-2015 prevede il restauro del Calvario ubicato nella Villa Comunale.
Vabbè va, siamo in attesa, da parecchio, del restauro del calvario, ma il resto della villa quando sarà restaurata?




Il consigliere Tommaso Argentiero ha presentato una “Mozione con proposta di denominare una Via pubblica a Padre Pantaleone Palma”. Approvata. Un altro prete nella miriade di sacerdoti a cui sono dedicate strade.


Giorni fa la Giunta ha deciso di dedicare un vico a MADRE TERESA DI CALCUTTA. Un vico! Clicca qui
Siamo italiani, un popolo di santi, navigatori (i rrivate u mare a cegghje?) e ... 


E i poeti? Siamo in attesa della dedica, promessa tempo fa, di una via all'unico poeta cegliese: Pietro Gatti.


Smaltimento dell'amianto a Ceglie


Nota sull’emissione del Bando per la concessione di contributi economici per lo smaltimento di amianto- legge Regionale, nel Comune di Ceglie Messapica

 Devo ammettere che il sindaco Caroli coraggio ne ha da vendere.
Infatti, fare una conferenza stampa per presentare come loro grande risultato la possibilità di poter erogare contributi per lo smaltimento dell’amianto, vi assicuro che, per come stanno le cose, ci vuole coraggio o meglio tanta faccia tosta; e mi spiego.
Innanzitutto è bene sapere che la procedura per lo smaltimento dell’amianto è lunga e complessa.
Pertanto invito i cittadini, che hanno intenzione di usufruire di questo beneficio, di fare presto.
Era dal mese di marzo scorso che i Comuni destinatari del finanziamento della Regione Puglia avevano la possibilità di emettere i bandi per utilizzare quelle risorse economiche.
Il Comune di Ceglie, su questa possibilità di finanziamento, per mesi ha letteralmente dormito.
 Il 5 agosto scorso decidevo di suonare la sveglia e con un’interrogazione inviata al Sindaco chiedevo quali fossero i motivi che frenavano l’emissione di atti amministrativi finalizzati a invogliare i cittadini a provvedere ad eliminare dalle loro proprietà l’amianto in maniera corretta e utilizzando un contributo regionale.
Nell’interrogazione evidenziavo che il ritardo accumulato dal Comune, su questa questione, poteva rendere inefficace i successivi provvedimenti considerato che la procedura era lunga e comportava diversi adempimenti.
 Inoltre, passato il periodo estivo, molti forestieri e cittadini del luogo, proprietari di immobili, in particolare in campagna, ritornando nelle loro residenze non avrebbero avuto più l’opportunità e lo stimolo a partecipare al bando.
Ora pensano di salvare il salvabile dando la possibilità di usufruire   del contributo  chi ha provveduto a smaltire l’amianto prima dell’emissione del bando.
 Questo, a mio parere, non è possibile, anche se previsto nel regolamento approvato a settembre dal Consiglio Comunale, bisogna, invece, fare sempre riferimento a quelle che sono le finalità specifiche del bando.
Il bando non è finalizzato a erogare contributi, ma punta a far diminuire in maniera importante la quantità di amianto presente oggi sul territorio e tutti noi sappiamo benissimo quanto questo sia importante.
Io voglio sperare che molti cittadini abbiano la possibilità di liberarsi di quei materiali pericolosi che danneggiano, purtroppo molto spesso in maniera irreparabile, la nostra salute.
 E’ auspicabile che la Regione Puglia si faccia, ancora una volta, carico di quelle che sono le nostre sventure amministrative e conceda una proroga al termine per  il completamento dell’iter amministrativo di questo provvedimento.
Questo  per mettere i cittadini di Ceglie nelle stesse condizioni dei cittadini di altri comuni.
 Ad esempio il Comune di Mesagne emise l’avviso pubblico del bando il 09.maggio scorso.
 Il nostro Sindaco, invece, si gongola nel suo autocompiacimento tribale.

Ceglie Messapica 23.11.2013.                                   Tommaso Argentiero
                                                                 Consigliere Comunale “Noi con Federico”

giovedì 21 novembre 2013

IL POSTO DELLE FAVOLE


IL POSTO DELLE FAVOLE - VI° edizione
rassegna di teatro per le famiglie
DOMENICA 24 novembre - h 17.30
Teatro Comunale - Ceglie Messapica 

Sposa sirena
Crest

drammaturgia Katia Scarimbolo
scenografia, luci e regia Michelangelo Campanale
con Valentina Franchino, Salvatore Marci, Lucia Zotti

spettacolo vincitore Premio “L’uccellino azzurro” (Molfetta, 2013)

La bella sposa di un marinaio spesso assente si lascia sedurre da un giovin signore che poi l’abbandona; il marito al ritorno pensa che la donna meriti la morte, sicché la getta in mare, dove le Sirene, affascinate dalla sua bellezza, la conducono nel loro palazzo, la chiamano Schiuma e le insegnano a cantare ed incantare i marinai di passaggio che si buttano in mare a capofitto. Però Schiuma non riesce a scordare il marito, il quale una notte, compiendo l’usuale gesto dei marinai, si lancia tra le onde; le Sirene lo vogliono trasformare in corallo, ma Schiuma, innamorata ancora, ottiene una dilazione della sorte crudele e con uno stratagemma lo salva facendolo tornare solo a terra. L’uomo, pentito, non potendo vivere senza di lei, affronta la classica prova magica di coraggio pur di riavere la sposa: ruba un fiore-talismano custodito dalle sirene. L’impresa riesce e la sirena torna donna e sposa che… aspetta il suo uomo forse perito o forse ancora marinaio giramondo.  Perché le storie si ripetono e le fiabe ripetono le storie a beneficio di grandi e bambini affinché… gli errori non si continuino a ripetere.
Una fiaba complessa, di incerta derivazione: popolare o letterario/mitologica, in cui il tema dell’amore si lascia contaminare dalla materia leggera delle sirene, materia dei sogni, acquistando quella leggerezza tipica che solo le fiabe sanno donare anche ai temi dolorosi. La fiaba di una città complessa, cui vorremmo donare un po’ di quella leggerezza, per affrontare i dolorosi temi dell’oggi con il pensiero leggero del sogno che, nell’immaginare mondi diversi,  suggerisce nuova fiducia e nuovo vigore ai piccoli uomini ed alle piccole donne sempre alle prese con mostri e nemici.
“Tessuta dal tempo con la sapienza del racconto popolare e della mitologia greca, la fiaba ci parla di Filomena, una donna che un giorno il mare accolse e salvò dalla furia del marito tradito, trasformandola in sirena. Ancora oggi quella figura di sirena vibra, custodisce nelle maglie della sua vita il segreto di quella bella città che fu Taranto, e si fa specchio nel quale riflettersi e riflettere la realtà di oggi. Senza sforzo, i bastioni dell’antico castello, su cui si può sentire la voce di Filomena che aspetta suo marito di ritorno dal mare, si trasformano: dalle torri degli altiforni dell’Ilva il vento porta un lamento, una preghiera che quella città ogni notte recita, perché dal mare ancora una volta venga l’aiuto per ritrovare se stessa”.  [Michelangelo Campanale]


mercoledì 20 novembre 2013

Spittirrate

Piove, piove e si sa che quando piove tanto, come è successo nei giorni scorsi, le cisterne "spitterrano" e riversano il loro contenuto fuori. Sarà successa la stessa cosa alla cisterna del comune? Perchè oggi dall'albo pretorio, la cisterna delle delibere, sono spittirrate tre delibere che da tanto tempo forse giacevano nel fondo: la prima Determina n. 454 del 11-07-2013, la seconda Determina n. 509 del 05-08-201 e la terza Determina n. 515 del 05-08-2013.

Ohibò, c'è qualcosa che non va!!!!!


Pug Gervasi


Ricevo e pubblico

Comunicato stampa Arch. Emanuela Gervasi
________________________

OGGETTO:  Ceglie Messapica Comune pugliese ammesso al contributo per la redazione dello strumento urbanistico (PUG)

Ho appreso con orgoglio e fierezza, questa mattina, che il Comune di Ceglie Messapica è risultato idoneo a ricevere il contributo economico da parte della Regione Puglia per la redazione del Piano Urbanistico Generale (PUG). 
Come è noto, ho seguito personalmente tutto l'iter procedimentale e l' esito è stato, ancora una volta, positivo. Di ciò ne gioverà il comune ma soprattutto la comunità cegliese. 
La richiesta è datata 21/09/2012 quando ero Assessore all' Urbanistica del Comune di Ceglie ed è di oggi la notizia, pubblicata sul sito regionale, della destinazione di 13.000 euro a favore del nostro comune. Si aggiunge allora un altro tassello importante del lavoro svolto in passato nel settore urbanistico e ancora un interrogativo sulla meritocrazia come criterio nello scenario politico cegliese odierno.

Ceglie Messapica, 20.11.2013

Annunciazione, annunciazione...

Annunciazione, annunciazione...

Sono settimane ormai che viene annunciata la prossima apertura del Punto Ecologico - Differentemente Point di Ceglie Messapica (PE), ubicato in Ceglie Messapica alla via Maresciallo Maggiore, 3. Potranno essere conferiti esclusivamente: Carta e Cartone; Vetro; Plastica; Lattine in alluminio o banda stagnata; Imballaggi compositi (tetrapak). Alla fruizione del PE saranno ammesse le sole utenze domestiche mediante la presentazione di una tessera magnetica (ECOCARD) necessaria a gestire le premialità da riconoscere agli utenti in funzione dei quantitativi di rifiuti differenziati conferiti. Il PE, per il primo periodo di apertura, osserverà i seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 09:00 alle ore 12:00; martedì, giovedì e sabato, dalle ore 16:00 alle ore 19:00.
Domande.
Quando sarà aperto?
Il regolamento premiale è pronto? In parole povere, quanto verranno valutati i rifiuti conferiti? Si riceveranno buoni spesa? Ci sono gli accordi con le aziende?
Speriamo che il regolamento premiale non sia uguale a quello brindisino dove per ottenere 20 centesimi in buoni spesa i cittadini dovrebbero raccogliere 100 kg di vetro o umido e per ottenerne 50 cents dovrebbero recuperarne 100 Kg di metalli o carta o plastica.
Mah se il premio è questo ...

P.S. Quando sarà attivata, come da annunciazione in consiglio comunale, nel centro raccolta materiali un'area di scambio degli oggetti che potrebbero essere ancora utili per altri cittadini prima di essere consegnati definitivamente in discarica?

Incontro




Il 23 novembre 2013 alle ore 18:30
presso l'Auditorium Chiesa San Demetrio nel centro storico
FORZA ITALIA
Incontra la città

martedì 19 novembre 2013

Sequestro

Questa mattina secondo fonti attendibili, le forze dell' ordine hanno  sequestrato dei documenti e un computer negli uffici del Comune di Ceglie M.ca e domani ...
Clicca qui.

Richiesta di revoca della Delibera


Al Sindaco
     Rag. Luigi Caroli
- Al Responsabile dell’Area Finanziaria
     Ing. Sciannameo Giuseppe
- Al Segretario Generale
     Dott. Ruggiero Domenico
 - Al Collegio dei Revisori
 - Al Presidente del Consiglio Comunale
     Rag. Giovanni Argentiero
                                   Comune di Ceglie Messapica

Oggetto: Richiesta di revoca della Delibera n. 217 del 12.11.2013 “ Variazione n1 Bilancio di Previsione 2013. Istituzione nuovi capitoli- Comune di Ceglie Messapica.

Premesso che:

- il Consiglio Comunale di Ceglie Messapica, in data 16.10.2013 con Delibera n. 71, approvava il Bilancio di Previsione dell’esercizio 2013 ed i relativi allegati ai sensi di legge, incluso il Bilancio Pluriennale 2013- 2015 e la RelazionePrevisionale e Programmatica;
- la Giunta Comunale in data 12.11.2013, dopo solo 27 giorni, con Delibera n. 217 approvava la Variazione n. 1 del Bilancio di Previsione 2013;
- la Variazione n.1 determinava nuove entrate e conseguenti nuove uscite pari a euro 1.105.345,59;
- la Variazione n. 1 determinava l’utilizzo di euro 800.000, 00 dal Capitolo “Avanzo di Amministrazione- Fondi vincolati” e l’istituzione di due nuovi capitoli di spesa
- la Giunta Comunale con la Delibera n. 217, dichiarata immediatamente esecutiva ai sensi dell’art. 134 comma 4, del d.lgs. 267/2000, giustificava la Variazione n. 1 al Bilancio di Previsione 2013 con la necessità di adeguare alcune previsioni di entrata e di spesa della parte corrente rispetto ad esigenze di gestione sopravvenute nel corso dei primi mesi dell’esercizio finanziario ed alle variazioni relative ai trasferimenti correnti da parte dello Stato e per aumentare alcuni capitoli di entrate in conseguenza di maggiori entrate verificatesi nel corso della gestione;
- la Giunta Comunale con la Delibera di Variazione n. 1 non dava alcuna motivazione e non faceva alcun riferimento sulla necessità di utilizzare 800.000,00 euro dell’Avanzo di Amministrazione e sulla volontà di istituire, se non nel titolo dell’atto amministrativo, nuovi capitoli;
- la Giunta Comunale solo nell’allegato “A” della Delibera di Variazione n.1 del Bilancio di Previsione 2013 inseriva due nuovi capitoli di spesa per un importo totale di 800.000,00 euro per manutenzione strade - rotatorie e per la manutenzione del campo sportivo, impegno di spesa pari all’importo del prelevamento dal capitolo“Avanzo di Amministrazione- Fondi vincolati”;
- nell’allegato “B”  il Responsabile del  servizio accerta che “l’utilizzo dell’Avanzo di amministrazione avrà effetti solo nel 2014-2015”, pertanto nessuna motivazione d’urgenza”
- la Delibera n. 217 del 12.11.2013, “ Variazione n. 1 del Bilancio di Previsione 2013” manca del parere del Collegio dei Revisori del Comune di Ceglie Messapica.
Continua qui.


Tommaso Argentiero
                                                          Consigliere Comunale Ceglie Messapica 
"Noi con Federico”


Piove ... e le fogne...

Attenzione pericolo.
In via Pasquale (non Pietro) Gatti (quasi) quando piove immancabilmente la fogna ha qualche problema.




lunedì 18 novembre 2013

PREMIO UMANESIMO DELLA PIETRA PER LA STORIA.


Sabato 16 novembre 2013 alle ore 19.00 nella Sala Consiliare del Comune di Martina Franca il professor Vito Antonio Leuzzi, direttore dell’Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, è stato proclamato vincitore della sedicesima edizione del PREMIO UMANESIMO DELLA PIETRA PER LA STORIA.

Negli anni scorsi il Premio è stato assegnato a: COSIMO DAMIANO FONSECA (1998), ANGELO MASSAFRA (1999), PASQUALE CORSI (2000), FRANCESCO MARIA DE ROBERTIS (2001), GIOSUÈ MUSCA (2002), ROSARIO JURLARO (2003), PINA BELLI D’ELIA (2004), RAFFAELE LICINIO (2005), GIORGIO OTRANTO (2006), CLARA GELAO (2007), ROBERTO CAPRARA (2008), COSIMO D’ANGELA (2009), ANDREAS KIESEWETTER (2010), MARIO SPEDICATO (2011) e GIOIA BERTELLI (2012).

Le finalità dell’iniziativa sono state sintetizzate da Francesco Dimichele e da Domenico Blasi, rispettivamente segretario e direttore del Gruppo Umanesimo della Pietra.Il curriculum vitae et studiorum del professor Leuzzi è stato illustrato dal notaio Arcangelo Rinaldi, presidente dell’Ufficio di Segreteria del Premio, mentre il professor Cosimo Damiano Fonseca, accademico dei Lincei e socio onorario del Gruppo Umanesimo della Pietra, ha tracciato il profilo scientifico dell’attività svolta dal premiato.

Il Premio è riservato a uno studioso vivente che nel corso della sua attività di ricerca abbia dato un notevole contributo alla conoscenza e alla divulgazione della storia di Puglia nei diversi campi d’indagine. Non si tratta, pertanto, di un concorso di saggistica ma del riconoscimento alla carriera di uno studioso, individuato dall’iniziativa esclusiva dei componenti di una Giuria popolare, che per quest’edizione comprendeva centottantacinque personalità della cultura pugliese e no.

Nello studio notarile Rinaldi di Martina Franca il 12 ottobre u.s. si è provveduto allo spoglio delle schede di votazione, autonomamente inviate dai giurati, le quali recavano duecentosedicipreferenze, suddivise fra numerosi studiosi. Il maggior numero di voti è stato ottenuto dal professor Vito Antonio Leuzzi, che ha accettato il Premio, consistente nella proclamazione ufficiale del vincitore in una pubblica cerimonia.

Al professor Leuzzi in ricordo della manifestazione il commendator Giuseppe Bellucci, socio del Gruppo Umanesimo della Pietra, ha donato un suo multiplo d’arte in bronzo dal titolo La voce della Storia. Il Premio, che è sostenuto da Artebaria Edizioni e da Il Giardino degli Aranci di Martina Franca, s’onora anche quest’anno del patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Martina Franca.

L’Ufficio di Segreteria del Premio, presieduto dal notaio Arcangelo Rinaldi, è composto per il 2013 da Cristina Comasia Ancona, Franco Aquaro, Pietro Bello, Giuseppe Bellucci, Domenico Blasi, Annapaola Digiuseppe, Riccardo Ippolito, Giovanni Liuzzi, Carlo Rinaldi e da Francesco Dimichele (segretario).

Agli intervenuti alla cerimonia è stata consegnata la pubblicazione celebrativa del Premio Umanesimo della Pietra per la Storia - Edizione 2012, curata da Annapaola Digiuseppe.

Radici


Il 21 novembre, in occasione della giornata Nazionale dell'albero, alle ore 20,00 il Centro Artistico Culturale “La Casaccia” di Francavilla Fontana (Br), inaugurerà la Collettiva d'arte RADICI. Ad esporre saranno: Pietro Andriulo, Stefano Basile, Marisa Carlucci, Francesco Cleopazzo, Andrea Contaldi, Massimo de Gironimo, Grazia di Punzio, Cosimo di Summa, Arcangelo Faggiano, Rocco Gallone, Fausto Garofoli, Ada Gioia, Mario Imperio, Serena Leo, Michele Lerna, Giuseppe Lombardi, Rita Maiani, Francesco Passaro, Rocco Santoro, Egidio Saracino, E. Gennaro Solferino, Sabrina Spina, Deborah Taurisano, Tommaso Tedesco, Gabriella Viapiana e Maria Urso. 
La Giornata Nazionale dell’Albero nasce con l'obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull'importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano per la tutela della biodiversità, il contrasto ai cambiamenti climatici e la prevenzione del dissesto idrogeologico.
La mostra amplia i temi della giornata e sottolinea gli aspetti legati alla presenza dell'albero nella nostra cultura, nella vita quotidiana e nell'arte.

La mostra sarà aperta sino al 2 dicembre e sarà visitabile dal lunedì al sabato dalle 17,30 alle 20,30, la domenica dalle 10,30 alle 12,30. Come sempre ingresso gratuito.


domenica 17 novembre 2013

Oggi: Scarpe senza donne

Il video con intervista






Buona domenica



dalle ore 10.00-13.00 Centro Documentazione Archeologica
Info qui.

dalle ore 10.30-12.30
Galleria d'Arte Moderna Emilio Notte
Info qui.


dalle ore 9.00-12.00 Piazza Plebiscito 
Scarpe senza donne
Associazione Gioia


ore 16.00 Auditorium San Lorenzo
Film ''Fast & Furious 6'' 



ore 20.00 Palazzetto dello sport 
NPC CEGLIE - B.A.T. ACQUAVIVA
Pallacanestro Promozione





Edicole di turno
Piazza S. Antonio
Via Roma
Via Mercadante
Via S. Lorenzo



Farmacia di turno
Farmacia Ricci Francesco
Corso Garibaldi, 18
Telefono: 0831-377118


Distributori carburanti
AGIP L.go Amendola




------------------------------------------------------

A CONFRONTO CON LE AUTRICI 

Associazione Gioia
Chiesa san Demetrio
Giusi Miccoli - Maura Vitale





sabato 16 novembre 2013

Master of Food Birra


Master of Food Birra
18-19-25-26 novembre 2013
presso Ristorante Botrus, Va Muri,26 Ceglie di Messapica (Br)


Quattro serate per avvicinarsi al mondo della birra, una delle bevande alcoliche più antiche che l'uomo conosca, che affonda le radici nella nascita stessa delle grandi civiltà. Scopriremo, in modo divertente ma serio, che le birre sono molto di più dell'idea stereotipata del binomio pizza e bicchiere di bionda. Parleremo di materie prime, di tecniche produttive, di storia, di stili e geografia, senza trascurare le modalità di conservazione, di servizio, la scelta dei bicchieri e gli abbinamenti. Durante il Master of Food assaggeremo assieme una ventina di birre, italiane e non, che ci aiuteranno ad intuire le storie di uomini, di territori, di cultura, di tradizioni che sono immerse in ogni bicchiere.

Prima lezione
Presentazione del Master of Food, le caratteristiche e la geografia delle materie prime, con manipolazione e assaggio di acque, malti e luppoli. Introduzione alla degustazione, con assaggio guidato di 5 birre.

Seconda lezione
La produzione del mosto, la fermentazione, le tipologie di confezionamento, la filtrazione, la pastorizzazione, la rifermentazione in bottiglia. Degustazione di 5 birre.

Visita birrificio
Tra la seconda e la terza serata è prevista una visita in un birrificio artigianale, scelto dalla Condotta e dal docente.

Terza lezione
La cultura e la geografia della birra, le grandi famiglie birrarie: Lager (Germania, Repubblica Ceca, ...) e Ale (Belgio, Regno Unito, ...). L'analisi del legame tra la birra e il territorio con un approfondimento sulla situazione italiana. Degustazione di 5 birre.

Quarta lezione
La fermentazione spontanea, l'ancestrale e meraviglioso mondo dei lambic. Indicazioni sulla conservazione delle birre, sul loro servizio (temperatura, bicchieri e tecnica) e sui loro abbinamenti. Le birre più alcoliche, da invecchiamento, o che fanno stile a sé. Degustazione di 5 o 6 birre.

Clicca qui per maggiori info.

.