.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

a

domenica 26 marzo 2017

Buona domenica


ore 10:30 - 12:30,  15:30 - 18:30
Museo Archeologico e di Arte Contemporanea
Ritratti e figure dal MAP

ore 10:30 - 12:30,  15:30 - 19:00 
Biblioteca "P. Gatti" e Pinacoteca "E. Notte"
Il Carella in Puglia.

Grotte di Montevicoli
info: 3271909148

ore  10:00-13:00,  16:00-21:00
Piazza Plebiscito
LAV: RICERCA CON #ZEROANIMALI

ore 18:30 Auditorium Comunale di Via Istria
CEGLIE SMART CINEMA
"IN GUERRA PER AMORE" 
con PIF e MIRIAM LEONE.

ore 18:30 Palasport 2006
Pallacanestro Serie C Silver
Play-Off
PetrolMenga Ceglie - Mola


ore 19:00 Teatro comunale
XXIII STAGIONE CONCERTISTICA CAELIUM
Fantastrio

-----------------------------------------

Farmacia di turno
Farmacia Messapia
Via S. Paolo Della Croce, 55/57
Telefono: 0831 093380
-----------------------------------------------

U vangele di iosce
Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.
 (Lc 1,26-38)
Clicca qui.

Nu dittèrie
A menza skasciat'
kamp'chiussè da-san'
L'anfora rotta 
vive (dura) più di quella sana.
Perchè vi poniamo più attenzione nell'uso. Il debole ha necessità di maggior cura.
Fonte: Per le parole antiche, Proverbi cegliesi

Na fotografije
Ceglie Bella? Sì

Foto  Adriana Trinchera

A terra meje

ASPARAGUS ACUTIFOLIUS



Asparagus acutifolius, alias asparago selvatico. Nell'idioma locale noto a tutti con il nome di “spràsc’n”. Appartenente alla famiglia delle Liliace, le piante - diffuse un po’ ovunque in tutte le aree incolte del bacino del Mediterraneo - custodiscono nell'intricato groviglio di spine i preziosi turioni che vengono spesso confusi con i germogli - altrettanto buoni - del pungitopo o del luppolo selvatico (Humulus lupulus). Anche il luppolo selvatico ha un nome dialettale che, nel caso di specie, è “vuttuscè’dd”. Da dove possa derivare questo termine così colorito rimane per me un mistero. Ad ogni modo “vuttuscè’dd” e “spràsc’n” ben si abbinano per preparare diverse ricette che ci racconterà l'agri-chef Valerio Tanzarella.
Angelo Giordano 




"Spràsc’n” e “vuttuscè’dd”, ovvero asparagi e luppolo selvatico. Un grande classico della cucina popolare locale che prevede il loro abbinamento con sponsali (cipolla porraia) e uova fresche. La preparazione di un simile piatto è semplice. Basta lessare le punte delle piante raccolte e cambiare un paio di volte l'acqua per togliere l'amaro. Fatto ciò, potremo utilizzare le nostre verdure per preparare semplici e squisiti risotti. Oppure soffritti con sponsali e uova fresche strapazzate. Oppure aggiungerli a frittate con cipolla rossa di Acquaviva. Molto buone anche le fettuccine all'uovo con asparagi, burro e timo.
Ma basta così.
A questo punto vi saluto. Ho nominato per tre volte le uova, due volte le uova fresche! E’ un tormentone che mi assilla da quando ero piccolo: il venditore ambulante che, poco prima delle 7 del mattino urla per strada, appunto, “uova fresche”. E' più forte di me, devo fare altrettanto. Adesso avvicino le mani alla bocca a mo’ di megafono ed urlo: "Uova fresche. Uova Fresche. Uova fresche".
Valerio Tanzarella

sabato 25 marzo 2017

I concerti del conservatorio


La LAV in piazza



RICERCA CON #ZEROANIMALI

Abbandonare gli animali è un dovere della ricerca.
Adottiamo la scienza giusta, quella che utilizza #ZEROANIMALI nei test di laboratorio.

Nessun paradosso dunque, bensì la scelta di sostenere una ricerca che mette tutti d’accordo.
Una ricerca scientificamente affidabile e dunque utile, non crudele con gli animali.
Il 25-26 marzo e 1°-2 aprile la LAV scende in piazza per chiedere al Governo di destinare il 50% dei fondi stanziati per la ricerca in ambito biomedico e sanitario per la ricerca allo sviluppo dei metodi sostitutivi.
Inoltre, nelle piazze si potranno acquistare le Uova di Pasqua della LAV per sostenere la campagna.

Ceglie Messapica (BR)
sabato 25 e domenica 26 marzo ore 9.00/13.00-16.00/21.00
Piazza Plebiscito

Info:
cell. 377.2580789
e-mail esterlocorotondo@gmail.com


Pallacanestro: Play-Off


Professione Perpetua

Professione Perpetua di Sr. M. Rosa Ricci nelle Pie Discepole del Divin Maestro.



Foto Parrocchia Maria Ss. Assunta Ceglie M.ca

Le Pie Discepole del Divin Maestro
Un nome, un programma di vita: donne consacrate, totalmente dedite ad amare onorare e servire Gesù Cristo, l'unico Maestro per l'umanità di tutti i tempi e luoghi, presente e operante, ieri oggi e sempre, nell'Eucaristia e nella Chiesa.
Dal 1924 don Giacomo Alberione ha voluto, nella Famiglia Paolina da lui fondata un istituto religioso che, con la preghiera, lo stile di vita e il servizio ecclesiale, dia testimonianza del primato dell'amore di Dio e del magistero di Cristo nel Vangelo e nell'Eucarestia.
Continua qui.

Torna l’ora legale


Questa notte torna l’ora legale. Potremo quindi godere di un’ora in più di luce al giorno fino all’ultima domenica di ottobre, quando tornerà l’ora solare. 
Lo scopo dell’ora legale è quello di consentire un risparmio energetico grazie al minore utilizzo dell’illuminazione elettrica. L’ora legale non può ovviamente aumentare le ore di luce disponibili, ma solo indurre un maggior sfruttamento delle ore di luce che sono solitamente “sprecate” a causa delle abitudini di orario. Si consideri ad esempio una persona che dorma ogni giorno dalle 23 alle 7: d’estate il sole sorge ben prima delle 7, e quindi utilizzando l’ora legale è possibile sfruttare l’ora di luce dalle 6 alle 7 e ritardare di un’ora l’accensione della luce elettrica alla sera. 


venerdì 24 marzo 2017

Le uova Arcobbaleno

Il Centro Arcobbaleno da l'avvio alla vendita delle Uova Pasquali della Solidarietà abbellite dai ragazzi con passione e arricchite da un loro personale augurio. Si potranno ritirare presso la Chiesa di San Rocco a partire da oggi.
Il 2 aprile sarà prevista una vendita ufficiale.
Affrettatevi,vanno a ruba perché lavorate con il cuore...



PD su Consiglio comunale monotematico

Nota segreteria Circolo PD su Consiglio comunale monotematico sulla sanità.

La segreteria del Circolo PD di Ceglie valuta molto favorevolmente l’iniziativa dei consiglieri di opposizione per la convocazione di un Consiglio comunale monotematico sulle questioni della Sanita. Ciò si pone in netta continuità con l’impegno profuso dal PD di Ceglie a favore del Centro risvegli e di adeguata assistenza sanitaria in Città.
Vi erano precisi impegni della Regione Puglia sulla realizzazione in tempi rapidi del Centro risvegli all’interno della struttura ospedaliera e speriamo che tali impegni vengano mantenuti.
Già nei precedenti documenti (di qualche settimana fa) avevamo chiesto un dibattito nella Città su questi temi e, in special modo, in Assise comunale, anche per conoscere formalmente quali sono le informazioni in possesso del Sindaco e se la maggioranza ha già assunto delle decisioni che non sono state portate all’attenzione dell’opinione pubblica.
Il Circolo del PD di Ceglie sarà sempre in prima linea con coraggio a difesa della nostra comunità cittadina, senza che interessi di altro tipo possano condizionarne l’azione.

Consiglio comunale monotematico sulla sanità

In data odierna i gruppi consiliari di minoranza del Comune di Ceglie Messapica "Liberi e Forti" con Riccardo Manfredi e Gianluca Argentiero, "Noi Centro" con Francesco Locorotondo e Pasquale Santoro, "S.E.L." con Nicola Trinchera, "In movimento con Mita" con Pietro Mita hanno depositato presso l'ufficio protocollo dell'ente comunale richiesta per la convocazione urgente di un Consiglio Comunale monotematico al fine di analizzare la reale situazione del P.T.A. di Ceglie (ex ospedale) e della mancata attuazione del Centro Risvegli.



Incontrando

Sabato 25 Marzo 2017 dalle 16:30 alle 18:30 al MAAC /Sistema Gusto d'Arte di Ceglie Messapica secondo appuntamento delle tavole rotonde organizzate dall'Associazione culturale Gran Teatro del Click nature&food nell'ambito dell'iniziativa#GiocareConUnLibro. L'incontro è aperto ai genitori, ai docenti,agli appassionati ed ai curiosi per parlare di albi illustrati.
Sarà presentato "E poi...è primavera" di Julie Fogliano ed Erin E Stead edito da Babalibri con Federico Mancini.

FEDERICO MANCINI è pedagogista, educatore ed appassionato d'illustrazione. Collezionista di libri per l'infanzia ed illustratore, promuove percorsi educativi attraverso la lettura e l'analisi di albi illustrati nell'ambito della disabilità psichica. Dal 2016 è socio dell'associazione culturale, Espressioni d' Arte , con la quale promuove l'importanza dell'arte intesa in tutte le sue forme, come valore umano e possibilità esistenziale. Pubblicazioni 2005 - Illustrazioni per "Il libro delle ninne nanne" di Ferdinando Sallustio. Premi 2016 - Mensione speciale al Premio Nazionale d'illustrazione per l'infanzia "La vallata dei libri bambini", Edizioni Sestante, Bergamo 2016 - Primo posto al Premio Internazionale d'illustrazione per l'infanzia "Immagini per sognare", Ass. La Bottega del Cigno, Noventa Padovana. 

giovedì 23 marzo 2017

Consiglio comunale

Il Consiglio Comunale si riunirà presso la Sala Consiliare della Sede Municipale (Via E. De Nicola) in seduta pubblica alle ore 13 00 del 30 Marzo 2017 in I^ Convocazione e alle ore 13 00 del giorno 31 Marzo 2017 in II^. 

Convocazione, per la trattazione del seguente O.D.G.: 
1. Mozione presentata dai Consiglieri Comunali del gruppo consiliare "Liberi e Forti" sul problema del batterio Xylella fastidiosa Prot. N.7213 del 09.03.2017; 
2. Modifica P.E.F. approvato in via provvisoria con deliberazione di Consiglio Comunale N.4 del 27.01.2017. Quantificazione ed approvazione P.E.F. 2017 definitivo; 
3. Modifica delle tariffe TARI per l'anno 2017 approvate in via provvisoria con deliberazione di Consiglio N.5 del 27.01.2017-Approvazione tariffe TARI definitive; 
4. Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale N.68 del 07.03.2017 avente ad oggetto "Variazione di Bilancio 2017/2019"; 
5. Riconoscimento legittimità del debito fuori bilancio ex art.194 del D.Lgs. n.267/2000. Sentenza n.73/17 resa dal Giudice di Pace di Brindisi nel giudizio iscritto al N.2777/2014 R.G. promosso dalla Sig.ra Martino Laura c/Comune di Ceglie Messapica; 
6. Riconoscimento legittimità del debito fuori bilancio ex art.194 del D.Lgs. n.267/2000. Sentenza n.12/16 resa dal Giudice di Pace di Brindisi nel giudizio iscritto al N.6/2014 R.G. promosso dalla Sig.ra Santacroce Immacolata c/Comune di Ceglie Messapica; 
7, Approvazione Regolamento del Consiglio Comunale dei giovani; 
8. Adozione nuovo Regolamento dell'Albo e della Consulta Comunale delle Associazioni; 
9. Adesione al Consorzio Teatro Pubblico Pugliese. Determinazioni. 

Cambiare il paese...



Un libro dedicato ai giovani, ma rivolto a tutti gli italiani. Troppi ragazzi oggi sono costretti a scappare all'estero per assicurarsi un futuro. L'Italia è frammentata e ha bisogno di ritrovare la propria identità per risolvere i problemi che la affliggono. In questo testo non si racconta solo cosa non funziona, ma per la prima volta i migliori esperti di ogni settore, con interviste inedite, offrono i loro punti di vista su come migliorare il nostro Paese. Punti di vista rivolti non solo al mondo politico, ma a tutti i cittadini. Per ché anche la singola persona, nel suo piccolo, può contribuire in maniera determinante al cambiamento. È arrivato il momento in cui il coraggio deve essere più forte della paura e la speranza più forte della rassegnazione. Perché l'alter nativa alla "fuga" dipende soltanto da noi. Con interviste e contributi inediti di: Antonio Albanese, Gaetano Azzariti, Gian Carlo Caselli, Gianni Dragoni, Dario Fo, Milena Gabanelli, Massimo Gramellini, Nicola Gratteri, J-Ax, Maurizio Landini, Luca Mercalli, Pierluigi Pardo, Roberto Saviano, Cecilia Strada, Marco Travaglio, Roberto Vecchioni. Prefazione di Nadia Toffa.

Vogliono vedere le carte...

In data 21/03/2017 abbiamo protocollato al comune la richiesta di pubblicazione sul sito istituzionale, nella sezione ambiente, dei documenti inerenti il capitolato d'appalto del servizio di gestione dei rifiuti urbani.




mercoledì 22 marzo 2017

Insieme verso un sì

È iniziata domenica 19 marzo una settimana di preghiera per le Vocazioni organizzata dalla Chiesa locale in collaborazione con le “Pie Discepole del Divin Maestro”. Ogni giorno una parrocchia o istituzione religiosa locale organizzerà un incontro. In particolare giovedì alle ore 17.30 la parrocchia Maria Immacolata svolgerà una processione Eucaristica fino alla chiesa del Sacro Cuore (Domenicane) cui seguirà una Veglia con Adorazione Eucaristica fino alle ore 12 di venerdì.
Venerdì alle ore 19.30, presso l’auditorium della parrocchia San Lorenzo, ci sarà uno spettacolo teatrale dal titolo “Un corpo mi hai preparato”, a cura del gruppo “Spiriti del sole” della parrocchia M. Immacolata di S. Vito.
La settimana si concluderà sabato 25 alle ore 11.30 in chiesa Madre con una celebrazione Eucaristica e il rito di Professione Perpetua di Sr. M. Rosa Ricci.

Info: 
don Giacomo Lombardi – cell 3911216288
sr. M. Paola Gasperini, pddm – cell 3331964930





martedì 21 marzo 2017

1, 2, 3 e 4 ... Museo di arti-mestieri...

Istituzione Museo di Arti-Mestieri, cultura contadina e delle tradizioni.

L’Associazione  Amici del Borgo Antico comunica che in data 08/03/2017 ha inoltrato formale richiesta all’Amministrazione Comunale per la concessione in uso gratuito dell’ex Carcere o Macello Comunale al fine di istituire il Museo di cui all’oggetto, finalizzato alla valorizzazione  e alla riscoperta del territorio cegliese.
Si allega la richiesta inoltrata al Comune  protocollata in pari data .
Il Consiglio Direttivo dell’Associazione



Caelium



XXIII STAGIONE CONCERTISTICA CAELIUM
Domenica 26 marzo 2017 ore 19.00 presso il teatro comunale di Ceglie messapica si esibirà il Fantastrio un gruppo composto da Giuseppe Nese, Antonio Tinelli, Gabriella Orlando, rispettivamente (flauto, clarinetto, pianoforte) in uno spettacolo dal titolo  “DANZE E FANTASIE”.

Il Programma del Concerto è vario:
Franz Doppler(1821-1883) Andante e Rondò (flauto, clarinetto, pianoforte);
GiseppeVerdi (1813-1901) / Paul-Agricole Genin (1832-1903) Fantasia sull’opera“La Traviata” (flauto, pianoforte);
Gaetano Donizetti(1797-1848) /FilippoBruno Fantasia sull’opera Poliuto
(flauto, clarinetto, pianoforte);
Camille Saint-Saens (1835-1921) Tarantella (flauto, clarinetto, pianoforte);
Bela Kovacs (1937-) Il Carnevale DI VENEZIA (clarinetto, pianoforte);
Arnold Malcom(1921-2006) Grand Fantasia (flauto, clarinetto, pianoforte)



GIUSEPPE NESE (flauto) è considerato uno dei flautisti italiani più interessanti della nuova generazione oltre a numerosi recital in Italia ed all’estero (Oman, Romania, Etiopia, Russia, Svizzera, Austria, Germania, Spagna, etc.) ha effettuato registrazioni radiotelevisive per la RAI, la Radiotelevisione Rumena, Rai International, la Radio televisione Etiopica, la radio di stato Russa. Ha eseguito gran parte del repertorio solistico con orchestra collaborando con la Filarmonica di Stato (Russia), l’Orchestra Filarmonica di Barcellona, “I Solisti di Sofia”, “I solisti Aquilani”, etc.. Goffredo Petrassi ha detto di lui “... padronanza tecnica ed efficacia esecutiva...”.Vanta prestigiose collaborazioni con i flautisti A. Persichilli e D. Milozzi, il chitarrista P. Garzia, i pianisti A. Katz, A. Soler e P. Camicia, il fagottista S. Romani, l’oboista G. Pardelli, il batterista E. Fioravanti, il gruppo “I FIATI di Roma”, il Trio Haydn, Il Trio Italiano Barocco, Quartetto Ensemble, Nuovo Trio Weber, etc. E’ direttore artistico di Ondeserene realizzando tra gli altri due Festival Jazz, il Campus Musicale Estivo Europeo e la stagione concertistica di Termoli Musica. La sua ricerca è rivolta inoltre alla didattica del flauto che lo porta ad essere regolarmente invitato a tenere corsi musicali estivi in Italia ed all’estero (Conservatorio di Novara, Conservatorio di Saratov in Russia, Conservatorio Superiore di Cadizin Spagna, Escola de TraballArtistic y corporal di Barcellona, Crotone-Musica, Bassiano Festival, Festival dell’Adriatico, etc.). Ha collaborato in qualità di assistente con Conrad Klemm e Angelo Persichilli. Incide per la Videoradio distribuzione FONOLA dischi.

Antonio Tinelli (clarinetto)
“…sono molto impressionato dalla bellezza del suono, dalla qualità della dinamica, dal gioco dei colori timbrici, dall'espressività e dalla fantasia musicale.” [Karl Leister - clarinetto solista storico della Filarmonica di Berlino diretta da Herbert von Karajan]; “In una parola superbo” [Fanfare Magazine, USA]; "...interpretazione magistrale” [The Clarinet - USA].
Di prestigio le collaborazioni tra cui Karl Leister, Patrick Messina, Enesco Quartet (Parigi) e Giuliano Mazzoccante con il quale forma un Duo stabile. Premiato nei principali concorsi Nazionali ed Internazionali annovera una importante attività artistica svolta in Europa, Estremo Oriente e USA. Da solista ha collaborato con orchestre quali: Kiev RTV Festival Orchestra, Orchestra Milano Classica, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Orchestra Sinfonica Nazionale del Venezuela (Caracas). Ha inciso per la Iktius, DadRecords e Phoenix Classics. Acclamato dalla critica internazionale il CD in Trio con Karl Leister e Giuliano Mazzoccante, pubblicato dalla Camerata Tokyo e il CD pubblicato dalla Farelive, in qualità di direttore della Banda Militare della CRI, premiato con due medaglie d’argento ai “Global Music Awards” 2016 di Los Angeles. Le incisioni sono disponibili sui maggiori networks digitali (Spotify, Amazon, Google Play, iTunes). E' docente titolare della cattedra di clarinetto al Conservatorio di Musica "E.R.Duni" di Matera, tiene masterclasses in Europa e USA ed è direttore artistico del Concorso Internazionale di Clarinetto “Saverio Mercadante”. Antonio Tinelli è artista ufficiale Buffet-Crampon e D’Addario Woodwind International Artist. [www.antoniotinelli.com]

Maria Gabriella Orlando (pianoforte)
Si diploma in pianoforte, composizione, strumentazione, musica corale e direzione di coro sotto la guida Hector Pell, Sergio Cafaro, Teresa Procaccini, EdgarAlandia e Franco Donatoni, Arturo Sacchetti e Giuseppe Piccillo e si perfeziona presso l’Accademia Chigiana di Siena, l‘Accademia Nazionale “S. Cecilia” di Roma, la Scuola Civica di Milano, e l’Accademia Pescarese. Consegue la laurea “cum laude” in Discipline Musicali con una tesi sulle “Sonate di Domenico Scarlatti”. È vincitrice di concorsi nazionali ed internazionali e ha intrapreso da giovanissima una brillante attività di pianista sia in qualità di solista che in formazioni cameristiche tra cui ”I solisti Aquilani” e “I Virtuosi di Praga”. Ha inciso per la Epidauro Classic. Ha tenuto oltre 700 concerti in Italia ed all’estero (Spagna, Belgio, Germania, Francia, Austria, Turchia, Svizzera, Rep. Ceca, Slovenia, Montenegro). Appassionata di teatro e di letteratura, ha scritto e realizzato numerosi concerti-poetici che hanno visto la partecipazione di celebri attori del panorama teatrale e cinematografico italiano (Michele Placido, Ugo Pagliai, Paola Gassman, Sergio Rubini, Sebastiano Somma,Daniela Poggi). Attiva come compositrice, l’attuale catalogo comprende circa sessanta lavori per diversi organici, edite ed eseguite nonché opere teoriche e didattiche, antologie e raccolte per coro polifonico. Fondatore e Direttore del Coro Polifonico Gaudium di San Severo con il quale ha tenuto più di 150 concerti oltre ad effettuare diverse registrazioni discografiche. è docente di ruolo presso il Conservatorio di Musica “U. Giordano” di Foggia.

Festa dell'Annunziata


Durante il momento ricreativo saranno preparate le "cazzatedde" a cura dell'Azione Cattolica della Parrocchia Maria SS Assunta.

lunedì 20 marzo 2017

Pallacanestro

Pallacanestro Serie C Silver
16a Giornata Ritorno
PetrolMenga Ceglie - Diamond Foggia
89 - 65
Parziali: 



Con la vittoria di questa sera si chiude la regular season della Nuova Pallacanestro Ceglie 2001. Quarto posto conquistato qualche mese fa, difeso fin oggi e finalmente confermato, nonostante qualche piccola difficoltà affrontata nella seconda parte di stagione. Neopromossa sulla carta, ma mai sul campo, dove fin da subito abbiamo incusso paura a chiunque, togliendoci anche alcuni sfizi con vittorie importanti e inseguite da anni. Risultato ottenuto grazie a coach Santoro, il vice Minafra, tutti i giocatori che hanno indossato questa maglia, i due cegliesi Faggiano e Argentiero in primis, il pubblico, i tifosi e gli sponsor. Il quarto posto conquistato, se si considera la griglia play-off, ci consente di usufruire del fattore campo in gara 1, contro Mola, con eventuale gara 3 nuovamente in casa. #weareCeglie
Tommaso Biasi
Udas Cerignola 56,
N.P. Nardò 50, Ostuni 42, Ceglie 36, Manfredonia 34,
Francavilla 30, Monopoli, Mola 28, Ruvo di Puglia, Altamura, Foggia,  Cerignola 26,
Vieste BK 24, Castellaneta 23,
Martina Franca 20, Adria Bari 2.
La prossima:
    

domenica 19 marzo 2017

Le zeppole con Marisa... ieri




altre foto qui:

Parrocchia Maria Ss. Assunta Ceglie M.ca

Bravi!

Filumena Marturano è una commedia teatrale in tre atti scritta nel 1946 da Eduardo De Filippo e inserita dall'autore nella raccolta Cantata dei giorni dispari. Nella drammaturgia internazionale è uno dei lavori più conosciuti e più apprezzati dal pubblico e dalla critica.





Buona domenica


ore 10:30 - 12:30,  15:30 - 18:30
Museo Archeologico e di Arte Contemporanea
Ritratti e figure dal MAP

ore 10:30 - 12:30,  15:30 - 18:30 
Biblioteca "P. Gatti" e Pinacoteca "E. Notte"
Il Carella in Puglia.

Grotte di Montevicoli
info: 3271909148

ore 18:30 Palasport 2006
Pallacanestro Serie C Silver
 PetrolMenga Ceglie - Diamond Foggia


ore 20:30 Teatro comunale
Filumena Marturano
Compagnia teatrale "Nunzia Stoppa"

-----------------------------------------

Farmacia di turno
Farmacia Carparelli 
Via Cristoforo Colombo, 3/C
Telefono: 0831-388347
-----------------------------------------------

U vangele di iosce
Sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna.
 (Gv 4,5-42)
Clicca qui.

Nu dittèrie
Ci ten terr'
ten' uerr'
Chi possiede terreno
è sempre in guerra
Non hai mai un attimo di riposo. La terra dona, però, è esigente.
Fonte: Per le parole antiche, Proverbi cegliesi

Na fotografije
Ceglie Bella? Sì

Foto Rosanna Mercury Lanzillotti

A terra meje

BIETA ROSSA "CEGLIESE"



La bieta rossa cegliese, quella che compare nella foto a sinistra, in verità, non è proprio rossa (come potete vedere), né propriamente cegliese. Avendola ritrovata più volte in orti di anziani contadini cegliesi l'abbiamo definita così solo provvisoriamente. Pare che sia frutto di una selezione avvenuta nel tempo a partire da una bieta rossa spontanea. Oltre ad essere bello e buono, questo ortaggio si caratterizza per la tecnica colturale, o meglio per la sua assenza. Ancor prima di Masanobu Fukuoka, i contadini locali avevano già dato inizio alla "rivoluzione del filo di paglia". A differenza della bieta rossa comune (foto a destra), non va seminata, non va trapiantata, né tanto meno irrigata. L'unica cosa che dovete fare se volete mangiarla è raccoglierla. Questa varietà, infatti, si è così ben adattata al territorio che sarà sufficiente far andare a seme uno, al massimo due esemplari per ritrovarci in tardo autunno con l'orto infestato. E’ un po’ ciò che avviene più o meno con tutte le piante, ma l'adattamento e la rusticità di questa cultivar ne fanno praticamente un'infestante. Ora ci resta da capire se ne vale o meno la pena portarla in cucina. Quesito al quale Valerio Tanzarella darà risposta.
Angelo Giordano 

Caro Angelo, fosse solo per il colore fuxia/viola/rosso delle coste che s'insinua con fini capillari nelle foglie verdi brillanti, ne varrebbe la pena portarla a tavola. Se a questo aggiungiamo il fatto che è buona e salutare, la risposta, come potrebbero dire quelli che bazzicano i tribunali, è in re ipsa. A differenza dell'altra, cioè della bieta rossa comune (foto a destra), l'attaccatura del lembo fogliare è più alta sulle coste che rimangono un po' più sottili e allo stesso tempo leggermente più fibrose. Le foglie sono di un verde più chiaro e generalmente più piccole. Dal sapore più dolce e aromatico (che non so specificare), in cucina vince il confronto, conquistando tutti. Anche i più piccini che, quando si parla di ortaggi, sono i più critici. Il centrifugato fatto con questa bieta, un paio di gambi di sedano e un po’ di zenzero, oltre a farci tanto (ma tanto) bene, ci consentirà di preparare succhi (o base di succhi da personalizzare) a cui nessuno potrà più rinunciare. Infine, non è da sottovalutare il forte potere colorante di questa pianta.
Valerio Tanzarella

sabato 18 marzo 2017

Restaurata la teca della Madonna


Un sentito ringraziamento al Sig. Maurizio Speciale per aver fatto restaurare, in ricordo dello zio don Damiano, la teca della Madonna del Rosario di Pompei. Domenica sera dopo la messa reciteremo una preghiera tutti insieme
Parrocchia Maria Ss. Assunta Ceglie M.ca

Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei
8 maggio

La devozione alla Vergine del Rosario nella cittadina di Pompei risale all’arrivo, come amministratore dei beni della contessa Marianna Farnararo vedova De Fusco, dell’avvocato Bartolo Longo, tornato alla fede dopo un lungo periodo di crisi. Per offrire un riscatto civile e morale a popolazioni abbandonate da secoli nella loro miseria, decise di propagare la preghiera del Rosario. Per questo scopo, ricevette in dono un quadro raffigurante la Madonna in trono con Gesù Bambino sulle ginocchia, in atto di consegnare la corona del Rosario a santa Caterina da Siena e a san Domenico di Guzman. Il dipinto, inizialmente conservato nella piccola chiesa parrocchiale, fu poi trasferito nella nuova chiesa, in seguito diventata Santuario e Basilica Pontificia. Al Santuario sono annesse numerose opere caritative, tutte ideate da Bartolo Longo, che la Chiesa onora come Beato dal 1980. I giorni che vedono il maggior afflusso di pellegrini a Pompei sono l’8 maggio e la prima domenica di ottobre, quando viene solennemente recitata la Supplica alla Vergine del Santo Rosario di Pompei, composta dallo stesso Beato Bartolo Longo.

venerdì 17 marzo 2017

Domenica Sostenibile

L’Amministrazione Comunale, Assessorato alla Qualità dell’Ambiente e all’Associazionismo, alla luce dell’imminente iniziativa “La differenziata ripaga” che vedrà la premiazione degli utenti 2016 del Differentemente Point con 20.000 euro in buoni spesa (Delibera G.C. n.66 del 7 marzo 2017) e dell’ulteriore impegno di 30.000 euro per gli utenti 2017, volendo proseguire con una massiccia campagna di sensibilizzazione ambientale che interessi sempre più tutta la cittadinanza, intende realizzare due appuntamenti denominati “Domenica Sostenibile”, finalizzati alla promozione della sostenibilità ambientale e delle buone pratiche.
La particolare iniziativa è indirizzata alle associazioni della città, invitando ogni soggetto interessato ad elaborare ed inviare una idea progettuale di vario genere : visite guidate e/o passeggiate alla scoperta delle bellezze del territorio, attività sportive all’aperto, mostre, conferenze ed incontri, laboratori, mercatini o per iniziative benefiche, e tutto quanto, frutto della creatività, potrà essere riferito al tema della “Domenica Sostenibile”.
La proposta di “organizzazione partecipata” della “Domenica Sostenibile” offre la possibilità di implementare il proficuo rapporto collaborativo tra Amministrazione Comunale e Associazioni, anche nel segno delle buone pratiche ambientali, della cittadinanza attiva e della partecipazione dei cittadini.
Anche la modalità organizzativa dell’evento dimostra l’impegno dell’Amministrazione Comunale per un “governo sostenibile” del territorio.
L’iniziativa si terrà nella seconda domenica del mese di aprile e di maggio 2017 (9 aprile e 14 maggio). 
Tutti coloro che sono interessati a partecipare all’iniziativa possono inviare, a partire da mercoledì 15 marzo, una semplice disponibilità alla partecipazione, scrivendo una email direttamente all’assessore Antonello Laveneziana (assessore.laveneziana@ceglie.org) entro le ore 12.00 di lunedì 20 marzo, indicando nome e referente dell’associazione (o soggetto interessato all’evento) e descrivendo brevemente l’idea progettuale da inserire in programma.
Martedì 21 marzo, alle ore 16.00, presso la Sala Istituzionale del Comune si terrà un incontro organizzativo con tutti i soggetti che avranno manifestato la propria disponibilità ad aderire al progetto, presentando proposte concrete per la realizzazione dell’iniziativa.

giovedì 16 marzo 2017

Ceglie su una miniera d’oro

Pensa che Ceglie sia un territorio seduto su una miniera d’oro, senza esserne cosciente. “Lo vedo come un grande elefante da circo legato ad un filo di cotone e non ne è consapevole. Volesse, in un attimo, potrebbe uscire e smontare lo stesso circo”.

Io Io Faccio Così #159 – Società benefit: fare impresa per etica e ambiente è possibile!

Creata nel gennaio del 2016, la società benefit è una nuova forma d'impresa etica che pone le sue basi nei principi della sostenibilità ambientale, della decrescita e dell'impatto sociale. Abbiamo intervistato i fondatori di ExTerra, una delle prime realtà italiane di questo tipo, che opera in Puglia.

Valerio Tanzarella è il referente del gruppo della decrescita felice per la zona del brindisino e tarantino. È anche socio della neocostituita società benefit ExTerra insieme a Angelo Giordano, a sua volta rappresentate di Civiltà Contadina per la Puglia. Come spesso capita, chi è attivo nei territori, è coinvolto in tanti e diversi progetti, in base ai propri interessi.


Così iniziamo con Valerio a scoprire qual è la situazione del movimento della decrescita nel suo territorio. “Cerchiamo di attivarci per diffondere i valori della decrescita”. Le difficoltà non mancano, anche se “la sensibilità sta aumentando su certe tematiche”. Nei limiti della frammentazione del territorio, “riusciamo a incontrarci e organizzare attività”.




Il volo dell'eremita

Vittore Guerrieri, umbro di nascita, vive da ormai dieci anni in provincia di Brindisi, a Ceglie Messapica. È nato a Marsciano, in provincia di Perugia, ma è scappato giovanissimo da quel fazzoletto di entroterra, e ora a quasi cinquant’anni vive vendendo in tutta Italia i prodotti locali e in special modo olio e formaggi. La sua è una vita decisamente ordinaria, non c’è che dire, ma come un sasso lanciato in una pozza di acqua stagnante una telefonata sembra stravolgere in maniera inaspettata la sua quotidianità. È un’agenzia immobiliare della sua terra d’origine, pare che ci siano dei compratori neozelandesi interessati alla sua casa umbra, che sarà anche incastonata in un borgo delizioso, ma rimane pur sempre un mucchio di pietre impilate una sopra l’altra. L’offerta è consistente e vantaggiosa, ma c’è un problema: la madre di Vittore gli ha lasciato quattro quinti della casa, mentre la restante parte è di proprietà di suo zio Silvano, un parente di cui non ricorda più nemmeno le fattezze. In vista del sopralluogo a Marsciano per concludere la compravendita e trattare con lo zio, si offrono due simpatici quanto diversi compagni di viaggio: l’amico Mario, mangiatore e bevitore senza freni, e il Professore, uomo dotto che però non ha mai varcato i confini della Puglia e vorrebbe mettere alla prova le sue infinite conoscenze. Tutto sembra solo una formalità, non resta che accomodare la questione con Silvano Guerrieri con qualche migliaio di euro e vendere tutto ai neozelandesi, ma una volta in Umbria si scopre che lo zio è stato ucciso durante una rapina subita in casa da parte di una banda di rumeni. L’erede con cui dovrà vedersela Vittore è quindi suo cugino, Volendo Guerrieri, un eremita con il suo stesso naso lungo e lo stesso fisico dinoccolato, un uomo strano, indecifrabile e soprattutto introvabile…

Caterina Emili, giornalista, inviata di quotidiani nazionali e conduttrice di programmi radiofonici Rai, ha già pubblicato con la casa editrice salentina Besa L’autista delle slot. Pur essendo nativa di Roma, oggi l‘autrice vive facendo la spola fra Umbria e Puglia, esattamente come il protagonista di questo romanzo. Quello di Vittore e dei suoi amici è un viaggio che ha il sapore del grottesco, un qualcosa a metà strada fra l’impresa eroica (andare fuori regione e tornare con un bel gruzzolo, almeno nell’ottica dei suoi paesani) e il percorso accidentato e impossibile da finire. La casa da vendere è solo il pretesto per avviare il meccanismo dell’azione, quello che fa la parte del leone nell’intreccio è invece l’incontro. Vittore, infatti, parte da Ceglie per andare nella sua terra d’origine, e inevitabilmente viene colpito dal ricordo della madre, degli anni dell’infanzia, ma anche da una serie di personaggi meritevoli di essere citati, su tutti il prete spretato Antoniu Noika e il cugino Volendo, dal nome strano impostogli dal padre ignorante e libertino, un eremita perennemente alla ricerca di solitudine e pace, perché non riesce a pregare o a mangiare davanti agli altri. Sono questi due temi centrali attorno a cui ruota il libro della Emili: il cibo e la fede, la sacralità del mangiare e la trivialità di ciò che invece riguarda una Chiesa spesso lontana dal divino. A personaggi come Vittore, Mario e Noica, mangiatori di professione che fanno dell’eccesso alimentare uno stile di vita, si contrappongono il Professore e Volendo, asceticamente salutisti tanto da vivere mangiando pochissimo e quasi nulla, e uniti anche da una cultura enorme. Su queste basi interessanti si innesta una vicenda ai limiti del farsesco, che cammina sempre pericolosamente sulla linea di demarcazione fra comico e tragico e che viene impreziosita dall’uso nei dialoghi del dialetto di Ceglie.

.