.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

lunedì 16 settembre 2019

La Coppa Messapica dei Piccoli

La Coppa Messapica dei Piccoli
21 settembre ore 9.30
Piazza Plebiscito Ceglie Messapica

In occasione della 60^ edizione della Coppa Messapica , l'ASDC GSC Orazio Lorusso organizza "La Coppa Messapica dei Piccoli", un momento ludico dove i più piccoli potranno confrontarsi su un percorso di abilità di gioco ciclismo da percorrere in piazza.
La manifestazione è riservata ai bambini dai 5 ai 15 anni  e tesserati   PG della FCI.
PARTECIPAZIONE GRATUITA.

Cosa portare? La tua bici e il caschetto e tanta, tanta voglia di divertirti.
Ti manca qualcosa? Non preoccuparti, ci pensiamo noi! 
Tu vieni e gioca con noi!!!

ISCRIZIONI:
venerdì 20 settembre dalle 15:00 alle 17:00 presso la Casa Comunale di Ceglie Messapica
sabato 21 settembre dalle 8:00 alle 9:30 in Piazza Plebiscito

info:
 3396789790 Leonardo
3208422257 Patrizia
3386355393 Giusi

Presentazione del libro "60 anni di Coppa Messapica"


Presentazione del libro
"60 anni di Coppa Messapica"
di Francesco Moro e Giusi Pignatelli
Venerdì 20 settembre ore 18.00
Castello Ducale di Ceglie Messapica

Il libro 60 anni di Coppa Messapica, redatto da Francesco Moro e Giusi Pignatelli, è una ricostruzione storica delle prime 59 edizioni della gara svoltasi con alcune interruzioni dal 1952 a Ceglie Messapica e nei paesi limitrofi (le varie edizioni hanno toccato i comuni di tre province).
La copertina è stata realizzata da Leonardo Saponaro, è un collage di articoli, materiale grafico (cartoline e copertine degli opuscoletti) e opere d'arte realizzate per la coppa messapica.
Per quanto riguarda i contenuti, il testo si compone attraverso la riproposizione degli articoli di varie testate giornalistiche locali (Gazzetta del Mezzogiorno e Quotidiano di Puglia) e nazionali (Gazzetta dello Sport, l'Unità, testate ciclistiche e sportive) riguardanti le varie edizioni della gara accostati a materiale fotografico e a contenuti aggiunti dagli autori. Poche sono le edizioni per le quali non è stato possibile rintracciare materiale. 
Questo materiale, individuato consultando biblioteche, archivi e collezione private, costituisce la prima sezione del libro.
La seconda sezione propone invece l'albo d'oro della gara (per l'albo d'oro è stata necessaria una revisione); di ogni vincitore è stata realizzata una scheda biografica e reperita una fotografia. Sono state inoltre redatte schede biografiche o inserite parti di interviste realizzate agli organizzatori della gara o loro familiari diretti. Inoltre è stata ricostruita una scheda con i vari riconoscimenti che la Coppa ha ricevuto nel corso della storia, dalle targhe CONI ai riconoscimenti FCI.

Coppa Messapica: una fucina di campioni


Coppa Messapica:
una fucina di campioni

La  Coppa  Messapica  suscita  in  me  un'ondata  di  ricordi  e  emozioni.  Dal  1952  ad  oggi  non  credo  di  averne  saltata  una  e  spesso  l'ho  seguita  da  vicino,  ospite  di  amici  di  mio  padre  nelle  auto  al  seguito.
Ogni tanto guardo con nostalgia la foto in cui, bambino di sette anni, dall'alto di una tribunetta di legno allestita per l'occasione, assistevo in prima fila con mia madre all'arrivo della prima Coppa Messapica vinta dal campano Luigi Mastroianni. In un'altra foto del 1954 ritrovo mio padre al seguito della corsa in sella della sua vespa 125 dietro alla Topolino della giuria in cui si riconoscono mio zio Rocco Carrone e Carmine Ricci, tra i pionieri della corsa. Insieme ai miei amici attendevamo con ansia la mattina della gara, che si svolgeva quasi sempre nel periodo della festa di San Rocco, per vedere da vicino nel cortile del Castello i corridori all'atto della punzonatura e poter commentare la loro provenienza e il loro curricolo. Eravamo informati su tutto. Il mitico Michele Caggiani, vincitore della seconda e terza Coppa Messapica, attirava più di tutti la nostra attenzione di ragazzini. Si discuteva delle caratteristiche dei concorrenti e delle difficoltà del percorso: la salita dell'Orimini, la salita di Montemesola e della Selva di Fasano. Premi speciali venivano attribuiti ai corridori che per primi raggiungevano queste sommità.
I forestieri venivano ospitati presso l'Opera don Guanella e il rimborso spese era di poche migliaia di lire. Anche i premi in denaro erano di poche migliaia di lire; nel 1956 il primo classificato aveva un premio di 20 mila lire e il secondo di 15 mila lire.
La corsa soprattutto nei primi anni si svolgeva prevalentemente in un percorso extracittadino attraversando la provincia di Brindisi, Taranto e Bari. La Coppa Messapica veniva assegnata alla società che aveva i migliori classificati tra i primi cinque arrivati.
La Coppa Messapica nel corso degli anni ha visto sfilare il fior fiore del ciclismo dilettantistico italiano con squadre sempre più attrezzate e ben organizzate. Tra i partecipanti come non ricordare Luigi Arienti vincitore dell'edizione del 1959 e medaglia d'oro alle Olimpiadi di Roma del 1960 nell'inseguimento a squadre, Vito Tacconi il futuro Camoscio d'Abruzzo che negli anni successivi avrebbe riempito le cronache ciclistiche italiane e che partecipò nel 1960 e fu battuto in volata dal suo capitano Sandro Cervellini. Non ci siamo fatti mancare nulla, neanche la grande Maria Canins vincitrice nel 1982 ed il campione del mondo di ciclocross Vito di Tano, vincitore dell'edizione 1986. Nell'albo d'oro hanno inciso il loro nome della nostra splendida corsa russi, ucraini, sudamericani. In tempi più recenti, nel 2017, grazie al grande lavoro di Pietro Stoppa, la Coppa Messapica ha ospitato il campionato italiano under 23, vinto da Matteo Moschetti ed il campionato italiano elite, vinto da Gianluca Milani. Un plauso va agli organizzatori con in testa Pietro Stoppa che sulle orme di Carmine Ricci, Rocco Carrone, Rocco Ciracì, Vito Pompilio, Orazio Lorusso, Ciccio Marseglia, Oronzo Ostacolo e tanti altri, con spirito di sacrificio e dedizione tengono viva questa manifestazione che è nel cuore e nel DNA di tutti noi cegliesi.

Prof. Pietro Maggiore responsabile UniTre - Ceglie Messapica

60^ Coppa Messapica - Giro della Valle d'Itria:
http://www.coppamessapica.it
https://www.facebook.com/coppamessapica/
https://www.instagram.com/coppamessapica/






domenica 15 settembre 2019

Buona domenica

ore  17:30 - 20:30
Museo Archeologico e di Arte Contemporanea

ore  17:30 - 20:30 
Biblioteca "P. Gatti" e Pinacoteca "E. Notte"

Grotte di Montevicoli
info: 0831.376123


dalle 7.00 alle 21.00 Via San Rocco e Piazza Sant’Antonio
Mercatino dell’Antiquariato, Modernariato e Collezionismo

dalle 18.00 alle 22.00 C.da Fragnite
Raccolta straordinaria Avis e Festa del Donatore
presso Macelleria Aziendale Convertino
Farmacia di turno
Farmacia Ricci
Via Francesco Bellanova, 32
Telefono: 0831-377118


venerdì 13 settembre 2019

IMU/TASI aree edificabili



SITUAZIONE ACCERTAMENTI PER OMESSA DICHIARAZIONE IMU/TASI AREE EDIFICABILI

In relazione all’operato dell’Ufficio Tributi relativamente all’emissione degli avvisi di accertamento per omessa dichiarazione IMU/TASI anni 2016-2017 per le aree edificabili, premesso che la relativa materia tributaria risulta ormai consolidata e costante negli ultimi anni e dando per scontato la correttezza dell’operato dell’Ufficio, occorre rimarcare come detti atti di accertamento abbiano, per cosi dire, colto di “sorpresa” i contribuenti cegliesi interessati, suscitando numerose situazioni di incertezza e confusione.
Detta situazione è stata originata dalla circostanza che le fattispecie relative alle aree edificabili prima dell’approvazione del PUG (2016 prima approvazione e 2017 approvazione definitiva) erano molto limitate e circoscritte.
A seguito dell’adozione del PUG e delle nuove tariffe relative al valore venale delle aree edificabili il numero dei contribuenti interessati è notevolmente aumentato, tuttavia alla maggior parte dei contribuenti interessati è sfuggito l’aspetto e i risvolti tributari connessi all’adozione del PUG, per cui non hanno ottemperato all’obbligo dichiarativo (obbligo di legge e non aumento di tasse, come più volte detto dai consiglieri di minoranza con insinuazioni false e tendenziose) con il quale avrebbero dovuto/potuto dichiarare il valore venale in comune commercio delle proprie aree edificabili tenendo conto delle specifiche caratteristiche delle stesse (situazioni particolari e vincoli) che incidono indubbiamente sul valore delle stesse.
Sono riscontrabili n. 3 tipologie di fattispecie:
  1. coloro i cui terreni rientravano tra quelli edificabili sino a dicembre 2017 e successivamente sono stati esclusi dal PUG;
  2. coloro i cui terreni sono regolarmente edificabili;
  3. coloro i cui terreni pur rientrando nel PUG presentano situazione specifiche tali da incidere sul relativo valore venale.
In relazione a dette fattispecie, su indicazione dell’A.C., l’Ufficio Tributi ritiene di procedere nel seguente modo:
  1. per la prima tipologia di fattispecie, a seguito di presentazione della relativa istanza (ricorso o istanza di rettifica in autotutela) da parte dei contribuenti sarà proposto una soluzione mediata da concordare e da applicare in maniera comune ed omogenea a tutte le fattispecie interessate;
  2. per la seconda tipologia di fattispecie i contribuenti restano tenuti a pagare il tributo omesso e la relativa sanzione in proporzione al valore venale dei rispettivi terreni;
  3. per la terza fattispecie l’ufficio, a seguito di presentazione della relativa istanza (ricorso o istanza di rettifica in autotutela) dovrà affrontare ogni singola situazione valutandola caso per caso in relazione alle peculiari caratteristiche dei terreni interessati che ne determinano il valore, caratteristiche che dovranno necessariamente essere illustrate dai proprietari interessati mediante l’istanza presentata.
Una precisazione circa la differenza tra gli strumenti a disposizione dei contribuenti e specificatamente tra ricorso ed istanza di rettifica in autotutela, il primo strumento fornisce maggiori garanzie al contribuente in quanto la presentazione del ricorso in CTP produce gli effetti del reclamo per la durata di 90 gg. sospendendo per detto periodo i termini per la costituzione in giudizio, mentre l’istanza di rettifica in autotutela non produce interruzione dei termini.
Gli uffici restano e resteranno a totale disposizione dei contribuenti interessati, con la sola e unica finalità di accompagnare alla risoluzione della problematica.

mercoledì 11 settembre 2019

La Casa della Lentezza

La Casa della Lentezza si propone “dal basso” di promuovere, e studiare con la comunità locale, soluzioni che migliorino l’utilizzo degli spazi urbani a supporto della mobilità dolce.

18 settembre, ore 17:30 / ASCOLTARE
“La vita da vicino”, incontro con Franco Arminio - paesologo, poeta -
Invito aperto al pubblico, raduno presso La Casa della Lentezza a seguire per le vie del centro storico con chiusura in Largo Ognissanti.
In caso di maltempo ci si sposterà nelle sale del Castello Ducale di Ceglie Messapica.
Apertura lavori
• saluti istituzionali ass. Antonello Laveneziana, nell’ambito delle competenze cultura/partecipazione
• intervento di Federico Massimo Ceschin, presidente di Simtur e segretario generale di Cammini d’Europa
• introduzione a cura di Vincenzo Intermite, Casa della Lentezza

19 settembre, ore 9:30 / FARE
Raduno presso La Casa della Lentezza Camminando e chiacchierando per le vie del centro storico assieme ai ragazzi del Secondo Istituto Comprensivo Statale, con soste in punti di interesse, si approfondirà il rapporto che gli studenti hanno con la mobilità lenta e gli spazi urbani.
Apertura lavori
• saluti istituzionali ass. Antonello Laveneziana, nell’ambito delle competenze cultura/partecipazione
• introduzione a cura di Maria Domenica Maggiore, Casa della Lentezza
• coordina la prof.ssa Olga Sarcinella

22 settembre, ore 10 / ANDARE
Ciclopasseggiata aperta al pubblico, da Ceglie M.ca a Villa Castelli e ritorno. Ore 9:30 raduno presso La casa della Lentezza. FIAB “Trulli e olivi secolari” Villa Castelli - attività che rientra nel #CARFREEDAY
“La mia terra” 
Una pedalata dal centro di un paese all'altro, un tracciato legato a frammenti narrativi ripresi dalla viva voce dai protagonisti a pedali, che nella loro articolazione dispiegano un “racconto corale” della propria memoria delle "vicende narrate alla carescia petr".

lunedì 9 settembre 2019

Mozione di sfiducia al Sindaco Caroli


COMUNICATO STAMPA

In data odierna i sette Consiglieri Comunali di opposizione abbiamo presentato la mozione di sfiducia al Sindaco Caroli poiché, dopo una lunga analisi, abbiamo potuto confermare e constatare che la sua gestione è oramai inadeguata e non ci sono più le condizioni politiche ed  amministrative per governare.

I motivi da noi esposti nella mozione sono molteplici, come il fallimento totale di un PUG che ha solo arrecato danni alla maggior parte dei cittadini sia sotto il profilo economico che amministrativo, come dimostrato nell’ultimo Consiglio Comunale. In detto Consiglio si è manifestata in maniera palesemente l’incapacità e l’arroganza del sindaco Caroli, dove lo stesso ha attaccato ed offeso i cittadini definendoli ignoranti, trovandosi in disaccordo persino con la sua maggioranza rappresentata dal gruppo di Democrazia Cegliese che ha votato l’ordine del giorno dell’intera opposizione costringendo il Sindaco ad attivarsi celermente in favore dei cittadini con una soluzione chiara e definitiva, spaccando quindi la maggioranza in due.

Tra gli altri motivi da noi evidenziati, sono di notevole importanza come l’aumento di tutte le tasse, vediamo IMU, TASI, TARI, CIMITERO, MENSA SCOLASTICA, ASILO NIDO, PARCHEGGI, ETC, facendo risultare Ceglie come una delle città con la tassazione più alta della regione Puglia; inoltre nessuna opera pubblica realizzata in più di 4 anni, nessun finanziamento intercettato e cosa ancor più grave, abbiamo dovuto assistere inermi, all’attivazione scellerata di un mutuo di € 500.000.00 per la creazione di due rotonde ed il rifacimento di alcune strade, quando ancora ad oggi il Sindaco non risponde ad un quesito posto alcuni mesi fa, ossia dove sono stati spesi circa € 1.500.000,00 incassati dalle multe.

La decisione di presentare la mozione di sfiducia a nove mesi dal voto, scaturisce dal fatto che oltre alle gravissime motivazioni amministrative ut supra rappresentate, anche politicamente la formula “dell’uomo solo al comando” viene confermata in questa seconda consiliatura perché non si è mai confrontato e mai ha coinvolto sia le opposizioni che la maggioranza stessa, sottovalutando e mai prendendo in considerazione le diverse competenze esistenti nell’intero Consiglio Comunale.
Quindi l’obiettivo comune dell’opposizione tutta è quella di mettere fine ai danni provocati dal sindaco Caroli al fine di evitare di far sprofondare ulteriormente la nostra bellissima Ceglie nel baratro.

Ceglie Messapica, lì 09/09/2019

I CONSIGLIERI COMUNALI
Domenico  Convertino, Pasquale Santoro, Argentiero Gianluca, Manfredi Riccardo, Pietro Mita, Nicola Trinchera, Rocco Marrazza.


Mozione di sfiducia al Sindaco Luigi Caroli         

Al Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Argentiero
Al Segretario Comunale dott. Domenico Ruggiero
Al Sindaco Luigi Caroli
Al Prefetto di Brindisi dott. Umberto Guidato

Oggetto :   Richiesta Consiglio Comunale ai sensi dell’art. 52 comma 2 del TUEL  –
                    Mozione di sfiducia al Sindaco Luigi Caroli   

I sottoscritti Consiglieri Comunali di Ceglie Messapica
Premesso che :
- Nell’ultimo Consiglio Comunale monotematico del 26/08/19 il sindaco ha preso impegni con la città promettendo di attivarsi immediatamente per l’annoso problema dell’IMU e TASI sui terreni edificabili, ma alla data odierna non è stato attivato nessun procedimento amministrativo
- Il 21/12/2017 è stato approvato in Consiglio Comunale il PUG risultato fallimentare ed addirittura dannoso per la quasi totalità dei cittadini cegliesi
- Ad oggi il nostro ente, dopo tutte le autonome scelte scellerate del sindaco Caroli, risulta avere tutte le tasse (imu, tasi, tari, cimitero, mensa scolastica, asilo nido, parcheggi etc.) aumentate ed inoltre fra le più alte della Regione Puglia
- Le uniche opere pubbliche che dovrebbero essere attivate dal 2015 ad oggi, potrebbero essere fatte con un mutuo assurdo di € 500.000,00, sperperando però introiti dalle multe che superano 1 milione di euro

Considerato che :
- Di fatto, il Sindaco Caroli non ha più una maggioranza poiché le scelte sono sempre autonome ed autoritarie
- La città è abbandonata a se stessa sia a livello amministrativo che politico
- Non è più concepibile permettere “all’uomo solo al comando”  di arrecare ulteriori danni alla nostra città sia sociali che economici
C H I E D O N O
dell’art. 52 comma 2 del TUEL  di approvare la presente mozione di sfiducia al Sindaco di Ceglie Messapica Luigi Caroli

I CONSIGLIERI COMUNALI
Domenico  Convertino, Pasquale Santoro, Argentiero Gianluca, Manfredi Riccardo, Pietro Mita, Nicola Trinchera, Rocco Marrazza.

Festa del donatore


Domenica 15 Settembre dalle 18:00 alle 22:00 donazione straordinaria Avis presso macelleria Convertino c.da Fragnite.
Puoi pranzare tranquillamente, ma senza esagerare. 
Anche se non donerai non puoi mancare alla FESTA DEL DONATORE. Pizzica, bombette e salsiccia. 
Ti aspettiamo, è la nostra festa.

mercoledì 4 settembre 2019

Teresa Bellanova è il nuovo ministro dell'Agricoltura



Teresa Bellanova, del Partito Democratico, è il nuovo ministro dell'Agricoltura. Classe 1958 di Ceglie Messapica in provincia di Brindisi, è stata Vice Ministro dello Sviluppo economico nei governi Gentiloni e Renzi. Inizia giovanissima come sindacalista Cgil in Puglia ed è stata in prima linea nella lotta al caporalato. Il percorso nel sindacato la porta a ricoprire diverse funzioni: coordinatrice regionale delle donne Federbraccianti in Puglia, Segretaria generale provinciale della Flai (la Federazione lavoratori dell'agroindustria), componente della Segreteria nazionale della Filtea con delega alle politiche per il Mezzogiorno. Nel 2006 si candida alle elezioni della Camera dei Deputati per i Democratici di Sinistra e, una volta eletta, assume l'incarico di componente della XI Commissione Lavoro. Attività svolta fino all'ultima legislatura.

"Allora come oggi la rappresentanza del lavoro e la difesa dei diritti delle persone costituiscono il tratto caratteristico ed irrinunciabile del mio impegno politico e sindacale e la mia stessa dirittura di vita", scrive la Bellanova sul suo sito.

Stasera Swing...

I Contrabbandisti
Mercoledì 4 settembre 
Piazza Plebiscito ore 21.00 
Ceglie Messapica 

I Contrabbandisti durante la fuga dalle forze dell'ordine, s'imbattono in un grande musicista, mr. Vito Bellanova, che li aiuta a nascondersi nella meravigliosa cittadina di Ceglie Messapica!!!
Sarà una notte all'insegna del divertimento, per cantare, ballare e passare una serata spensierata ed eccezionale!!!

Da un incontro nato per gioco è nata la swing band che sta facendo parlare tutta la Puglia: I Contrabbandisti.
6 protagonisti, più o meno famosi, del mondo della musica. Al timone Giupy Semeraro: eclettico artista, noto per la sua partecipazione in Italia’s Got Talent e X-Factor, crooner della band. Giampiero: insegnante di giorno, pianista dall’appeal portoricano nella notte! Il maestro Tursi: clarinettista nervoso, irascibile, ma troppo bravo e divertente! Non sorride ma suona la tromba come pochi sanno fare: Frank Crescenzio. Dalle orchestre più importanti di Puglia, Angelo Cito, col suo contrabbasso, scalda i motori della gang dello swing. Maestro di arti marziali e percussioni, Alessio Santoro, alla batteria, è parte fondamentale de "I Contrabbandisti".

Reduci da esperienze teatrali, I Contrabbandisti vantano prestigiose collaborazioni, fra le quali, alcune recenti esibizioni con i maestri NICOLA NITTI (Sax) e MUZIO PETRELLA (Chitarra Hawaiana e Armonica a bocca). Il loro swing/cabaret ha coinvolto anche grandi intrattenitori come GIANNI IPPOLITO!

I 6 manigoldi, rivoluzionano il panorama delle band itineranti, proponendo una scaletta e un costume che riporta all’epoca del proibizionismo, ai bar fumosi e dalle atmosfere dark, alle danze provocanti del Lindy Hop. La gang dello swing è sempre pronta a far divertire, proponendo grandi classici dello swing, da Fred Buscaglione a Renzo Arbore, da "Un sassolino nella scarpa" a "Tu vuò fa l'americano" e tanto altro ancora...


domenica 1 settembre 2019

La Piazza, il programma della terza serata



Questa sera, domenica primo settembre, a partire dalle ore 20 la terza serata de La Piazza, la kermesse organizzata da Affaritaliani.it a Ceglie Messapica (Brindisi). Appuntamento in piazza Plebiscito.

Ospiti della terza serata: il governatore della regione Liguria e leader di Cambiamo Giovanni Toti, il governatore della regione Puglia Michele Emiliano, il sottosegretario uscente agli esteri Manlio Di Stefano (M5S), il vicecapogruppo del Partito Democratico al Senato Franco Mirabelli e il deputato di LeU Stefano Fassina. 


sabato 31 agosto 2019

La Piazza, il programma della seconda serata

Questa sera, sabato 31 agosto, a partire dalle ore 20 seconda serata de La Piazza, la kermessa organizzata da Affaritaliani.it a Ceglie Messapica (Brindisi). Appuntamento in piazza Plebiscito.
Ospiti della seconda serata de La Piazza la ministra uscente per il Sud Barbara Lezzi (M5S), la capogruppo di Forza Italia al Senato Anna Maria Bernini, il sottosegretario uscente alla Giustizia Jacopo Morrone (Lega), il deputato di Forza Italia e leader della Democrazia Cristiana Gianfranco Rotondi e l'ambasciatore Giovanni Castellaneta.


venerdì 30 agosto 2019

Il misterioso omicidio a Palazzo Pitti



Ieri a Firenze vi è stata la presentazione del nuovo videogioco "Il misterioso omicidio a Palazzo Pitti", che verrà realizzato entro la fine dell'anno dall'Associazione culturale "Tuo museo". Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, e Massimiliano Elia hanno illustrato le caratteristiche del gioco che sarà un’avventura investigativa, ambientata nelle più fastose stanze di Palazzo Pitti tra le quali la Sala Bianca, quella di Saturno (dove sono esposti molti capolavori di Raffaello, come il suo autoritratto) e quella di Prometeo (che contiene i dipinti più antichi della collezione della reggia), oltre che in uno dei più suggestivi luoghi del giardino di Boboli, la Grotta del Buontalenti. 
Massimiliano Elia, nato a Varese da genitori cegliesi, è fra i principali artefici di questo videogioco e di altri fra cui quelli per il Museo Nazionale di Napoli, che ha ottenuto un grande successo con oltre 4 milioni di download sugli store mobile iTunes e Google Play e che è entrato nella classifica dei giochi più scaricati e apprezzati in oltre 100 paesi, per il MArTA di Taranto, per il Teatro Regio di Parma e per il Festival Verdi (A Life in Music è il primo video gioco al mondo pubblicato da un teatro d'opera). 

Ceglie alla Mostra del Cinema di Venezia




Domenica 1 settembre, durante la 76° Mostra del Cinema Venezia, sarà presentato il Social Film Fund Con il Sud, promosso da Fondazione CON IL SUD e Fondazione Apulia Film Commission.
Per la prima volta cinema e terzo settore insieme in 10 progetti filmici che raccontano il Sud Italia attraverso i fenomeni sociali che lo caratterizzano.
Tra le dieci opere c'è "Aspettando la Cuccagna", per la regia di Simone Salvemini e con le musiche originali di Mirko Lodedo. 
Il documentario, prodotto da La Kinebottega in partenariato con l'Associazione Culturale Casarmonica di Ceglie e la Cooperativa Sociale Oasi Onlus di Mesagne, ha per protagonista Ceglie Messapica ed il suo "Festival dei Giochi", nel quale il gioco è visto in due modi diferenti: il primo aggregativo e coinvolgente, l’altro sotto forma di ludopatia e problema sociale.

giovedì 29 agosto 2019

La scimmia e il caporale


Venerdì 6 settembre ore 19:00 
Chiostro dei Domenicani
Ceglie Messapica

Presentazione del libro
La scimmia e il caporale
di Caterina Emili

Partecipano: Antonello Laveneziana Ass. alla cultura 
Andrea Leone (Giornalista economico, Cons. naz. Fnsi, Cons. naz. dell'Ordine dei giornalisti)
Angelo Leo (Segretario Gen. Territoriale FIOM CGIL presso CGIL)
Pietro Maggiore (Presidente  Unitre)
Modera:
Adele Galetta (Giornalista)
Sarà presente l'autrice

Una Puglia assolata e riarsa, afflitta dal caporalato, è al centro della nuova indagine di Vittore Guerrieri, l’improbabile indagatore creato dalla penna rigogliosa di Caterina Emili.


Ancora un amore sconclusionato e ancora un terribile delitto dove la colpa è peggiore dell’assassino. Ancora una volta Vittore Guerrieri - venditore di olio e formaggi, assatanato di casinò, personaggio sottotraccia e dalla vita sconclusionata - sprofonda in una Puglia che dapprima gli appare dolcissima e poi scopre la sua faccia peggiore. Eppure pensava d’aver trovato finalmente pace a Ceglie Messapica, a pochi chilometri dal mare, terra di pietre e di olivi proprio come la sua Umbria da cui è scappato giovanissimo.
Addolorata, detta Lota, figlia degli antichi zingari di Latiano, conquista l’anima del protagonista e quasi riesce ad annientarla, in uno squallido scenario di sfruttamento dove si muovono come mangime per i pesci creature innocenti, destinate a soccombere. Vittore e il suo amico maresciallo Tamurri cercano il bandolo della matassa del caporalato, piaga secolare nei campi pugliesi, che tutto sporca e tutto travia. E neanche il cadavere della giovane Katarina, riportato alla luce da un cane in cerca del tasso, u melogn come lo chiamano nel brindisino, riesce a sparigliare le carte. Ma Vittore salva il suo cuore e si libera da una schiavitù che la sua morale, seppure squinternata, non potrebbe mai accettare.

Caterina Emili, giornalista, è stata inviata speciale di quotidiani nazionali e autrice e conduttrice di programmi radiofonici sulle reti Rai. Nata a Roma, si è laureata a Milano e dopo aver vissuto in varie città italiane ed estere attualmente vive tra l’Umbria e la Puglia. Ha pubblicato: L’autista delle slot (2012) (Premio della critica Città di Cattolica), L'innocenza di Tommasina (2014), Il ritrovamento dello zio bambino (2015), Il volo dell’eremita (2017) e L'innocenza di Tommasina (2018).

I nomi e il programma della prima serata

I nomi e il programma della prima serata
Il 30 agosto arriverà a La Piazza per spiegare che fine faranno reddito di cittadinanza e quota 100 il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon. A seguire il responsabile economico del Pd e ministro in pectore Antonio Misiani, che rivelerà in anteprima la ricetta del partito di Zingaretti per l’incombente manovra di bilancio e la sterilizzazione degli aumenti IVA. Lo stesso giorno il vicesegretario della Lega Andrea Crippa spiegherà le nuove strategie di Matteo Salvini, il leader dei Conservatori e riformisti Raffaele Fitto, in odore di candidatura al vertice della regione Puglia, anticiperà la sua ricetta anti-Emiliano e il braccio destro di Giorgia Meloni Carlo Fidanza, neoeletto a Strasburgo, parlerà della strategia sovranista nell’Europa a trazione franco-tedesca. 
Nel ruolo di discussant l’ex parlamentare e polemista Guido Crosetto, profondo conoscitore della politica, delle sue debolezze e dei suoi retroscena.
Aggiornamento
Domani, venerdì 30 agosto, dalle ore 20 alle ore 21, la leader di Fratelli d'Italia onorevole Giorgia Meloni interverrà a La Piazza (Ceglie Messapica, Brindisi, in piazza Plebiscito).

mercoledì 28 agosto 2019

Dedicato il Giardino del MAAC

Alla presenza della figlia Anna Maria, ieri sera, è stato dedicato alla memoria della poetessa ed educatrice cegliese Rita Santoro Mastantuono il giardino del Museo MAAC. L'Amministrazione si è impegnata ad avviare il lavoro per la pubblicazione dell’Opera Omnia. La pittrice Antonia Gianfreda ha donato al Museo una propria opera raffigurante la poetessa.  

SERALE IN CITTA' 
Vanno collosi
gli echi delle pantomime 
dai gorghi delle vie
 invano
la vecchia torre
sfoglia petali di rintocchi 
dalla corolla bruna
della campana
grande assente
il silenzio
ed accenna appena d'un dito 
dagli alti tornanti dei terrazzi 
anche tra i palmizi dei giardini 
a ridosso delle fontane rugose 
è metallico
il grido della sera.

Quando disertano le stelle, Rita Santoro Mastantuono




Foto Antonello Laveneziana

lunedì 26 agosto 2019

Dedicato alla memoria di Rita Santoro Mastantuono

MARTEDI’ 27 AGOSTO IL GIARDINO DEL MUSEO MAAC DIVENTERA’ GIARDINO DELLA POESIA “RITA SANTORO MASTANTUONO”: UN OMAGGIO DELLA CITTÀ ALLA COMPIANTA POETESSA CEGLIESE

Il giardino del Museo MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea), sarà dedicato alla memoria della poetessa ed educatrice cegliese Rita Santoro Mastantuono.
“L’idea di intitolare il giardino del Maac alla Poetessa Santoro Mastantuono - spiega Antonello Laveneziana, Assessore alla Cultura, alla Promozione della Bellezza e delle Eccellenze - è un omaggio che l’Amministrazione e tutta la Città vuole rivolgere alla nostra illustre concittadina recentemente scomparsa. Quella di intitolare lo spazio verde all’ingresso del Museo alla poetessa è un’idea nata, in condivisione con la figlia Anna Mastantuono Pozzessere, per rendere il giusto omaggio alla vita e alle opere artistiche della poetessa Santoro Mastantuono che amava molto la natura”.
“E’ giusto e doveroso - aggiunge il Sindaco Luigi Caroli - lasciare un segno tangibile della presenza della poetessa nella nostra Città che ricordi anche alle nuove generazioni che bisogna fare tesoro del bagaglio culturale che ci è stato lasciato, in questo caso una bellissima eredità culturale e di vita che porta la firma di Rita Santoro Mastantuono“.
Pertanto domani, martedì 27 agosto, alle ore 19.30, al termine dell’iter burocratico e organizzativo, il Giardino del Maac sarà intitolato “Giardino della Poesia Rita Santoro Mastantuono”.
E’ previsto un momento celebrativo durante il quale sarà scoperta una targa commemorativa all’ingresso del Giardino e prenderanno la parola il Sindaco Luigi Caroli, l’Assessore Antonello Laveneziana e la figlia della poetessa Anna Mastantuono Pozzessere che traccerà un breve ricordo della illustre mamma.
Inoltre si terrà un momento dedicato ad un recital poetico con alcune poesie della Mastantuono che saranno declamate da Vincenzo Suma e da due bambini.
Modererà l’evento il Consigliere Comunale Angelo Maria Perrino, Direttore di Affaritaliani.it.
Al termine del momento celebrativo la pittrice Antonia Gianfreda donerà al Museo una propria opera raffigurante Rita Santoro Mastantuono, che sarà successivamente collocata all’ingresso dei locali del museo.
La serata sarà allietata dalle magiche note del quintetto JazzMania che coronerà la manifestazione con la propria esibizione musicale.

domenica 25 agosto 2019

Terraróss


“Terraross”
Piazza Plebiscito ore 22.30
Ceglie Messapica

Il progetto “Terraross” è un progetto musicale e di ricerca che mira a riscoprire e valorizzare quella che era la cultura di un tempo ormai perduta.Diamo voce e musica a quella che è la nostra storia,le gesta dei nostri avi…scene di vita quotidiana,il vocìo della gente tra le vie,la voce dei nostri mercanti ambulanti,l’affanno del duro lavoro nei campi,nonchè il grido delle  lotte e delle rivoluzioni.Ma non poteva di certo mancare il canto d’amore,la poesia e il fascino ormai perduto delle antiche serenate!
“Ballate e non vi stancate mai” è un po' il nostro motto perchè “uno solo è il tempo,uno solo è il ritmo che ci riconduce dal battito della vita,del cuore al battito della terra.E lo sentite nei tamburelli che scandiscono un tempo che non ha tempo.Ritmo da cui una sensuale e frenetica danza prende vita .Danza che sa di dolore,frustrazione nonchè di liberazione e rinascita.Una sola parola:musica!la nostra musica.figlia dell’amore e della passione per la propria terra…e la nostra terra è rossa!Musica…..la nostra musica che profuma di Sud,che attraversa i campi d’ulivo,i vigneti, le piantagioni di tabacco,musica che dalle alte cime del Gargano,viaggia attraverso la Murgia per toccare il Salento e per poi infine arrivare al mare. il nostro cammino dalla Puglia arriva anche  in Campania passando dalla Basilicata portando con sè sonorità diverse, paesaggi  e profumi differenti ma che con naturalezza si lasciano contaminare fino ad una perfetta fusione perchè sono terre vicine, figlie della stessa radice,terre sorelle!”
Nata dall’idea di Dominique Antonacci e Giuseppe De Santo,Terraròss,è oggi una realtà musicale e culturale importante tanto da aver indotto le istituzioni locali della Provincia di Taranto  a nominarli”Gruppo Ufficiale di Terra Jonica”!
Tengono innumeroveli concerti nelle piazze d’Italia, in Campania, Basilicata, Sicilia,Lazio, Abruzzo, Friuli, Piemonte,Umbria,Lombardia e in prevalenza in Puglia.


sabato 24 agosto 2019

Consiglio Comunale

Il Consiglio Comunale si riunirà presso la Sala Consiliare della Sede Municipale (Via E. De Nicola) in seduta pubblica alle ore 12,00 del giorno 26 Agosto 2019 in I^ Convocazione e alle ore 12,00 del giorno 27 Agosto 2019  in II^ Convocazione per la trattazione del seguente O.d.g.:


  • Richiesta Consiglio Comunale IMU e TASI terreni edificabili - Prot. Com.le n.22992 del 05.08.2019.

venerdì 23 agosto 2019

4° Archeotrekking al tramonto


4° Archeotrekking al tramonto
Giovedì 29 agosto 2019 ore 16:00
MAAC- Museo Archeologico e di Arte Contemporanea
Via Enrico de Nicola, Ceglie Messapica

L’archeotrekking, giunto a Ceglie alla quarta edizione, è una proposta di turismo lento consistente in percorsi a piedi che toccano i  luoghi di interesse e le bellezze naturalistiche del territorio.
Attraverso una sana passeggiata si ha la possibilità di vivere un  momento di crescita sia culturale che esperienziale.
Il trekking è praticabile da tutti senza necessità di particolari equipaggiamenti. Con un abbigliamento confortevole e un paio di scarpe comode può parteciparvi chiunque, anche i meno allenati.
Un appuntamento imperdibile per tonificare  il fisico e la mente vivendo un esperienza unica immersi tra natura e storia.

Programma: 
Ore 16:00 raduno presso il  MAAC (museo archeologico e di arte contemporanea) in via E. De Nicola.

Percorso: 6.5 km, durata circa 3,5 ore
Adatto a tutti
Anche gli animali sono ammessi

Percorso:
MAAC MUSEO
RIONE MAMMACARA: percorso lungo il caratteristico rione cittadino ottocentesco
CHIESA DI SANT'ANNA
CHIESA DI SAN ROCCO
TEATRO COMUNALE
GROTTE DI MONTEVICOLI: Lasciata la città si giungerà in località Montevicoli dove sarà possibile visitare le suggestive grotte.
PAUSA STRETCHING a cura del Team Leo e della Palestra Infinity;
RIPARTENZA
CONTRADA MONTEVECCHIO: dopo la pausa ci dirigeremo in contrada Monteveccchio per poi ritornare verso Ceglie passando attraverso la “via della Vasca”. 
PARETONE MESSAPICO: giunti nuovamente in città si potrà ammirare uno dei tratti conservati del paretone messapico prima di fare rientro verso il centro storico.
CHIESA DI SAN GIOACCHINO
PIAZZA PLEBISCITO  
ATRIO CASTELLO DUCALE 

RINFRESCO FINALE
Tutti i partecipanti riceveranno acqua, frutta e una cartolina ricordo.
La partecipazione è gratuita.

Info: tel. 3385968209 – 3387940024
E’ gradita la prenotazione

giovedì 22 agosto 2019

Musica nei vicoli



“MUSICA NEI VICOLI”
CEGLIE MESSAPICA DAL 22 AL 25 AGOSTO

L’evento è stato patrocinato dalla Città di Ceglie Messapica ed organizzato dall’associazione Smile di Manuel Manfuso.

A seguire, il programma con orari e postazioni:

● GIOVEDI 22 AGOSTO
• ore 20.30:
Si esibiranno nel centro storico gli “M&L acoustic duo” Michele Santoro e Laura Donatone che ripercorreranno le vie della musica acustica per sax e chitarra, passando dallo Swing al Jazz, fino alla Bossa Nova, in replica il sabato 24 agosto; altro duo strumentale i “Wamboo-p” che vede l’unione dei suoni caldi e melodici dell’handpan con il groove ritmato della batteria e percussioni spaziando dal melodico, mistico, sperimentale passando dall’house all’elettroacustico.
In Piazza s. Antonio troverete i “Moon's Ground” una band composta da giovani amanti della musica che con le loro canzoni cercano di raccontare storie di vita vissuta e sentimenti comuni a tutti noi.

• Ore 22.30:
in Piazza Plebiscito si esibiranno i Vega 80 e il loro travolgente tributo musicale alla dance degli anni Ottanta, riproposta in chiave elettro-live, che vi riporteranno indietro al “Tempo delle Mele” e ai ritmi di “Flashdance”, passando dal rock internazionale alle hit che hanno fatto ballare anche l'Italia.

● VENERDÌ 23 AGOSTO
 •Ore 20.30:
Nel centro storico si esibiranno il duo “Tankarp” arpa elettrica e tankdrum, che vi coinvolgerà in tutti i sensi reinterpretando i grandi successi degli anni 80 e 90, musiche da film e brani celtici con le sonorità orientali. Altro duo della serata i “Papillon de nuit “violoncello/voce che vi condurrà, attraverso i più bei brani della musica internazionale spaziando dal pop al rock, dal jazz al blues in una chiave unica
In Piazza s. Antonio l’immancabile e coinvolgente pizzica con “Le radici del sud” genere che non ha bisogno di presentazioni e che è apprezzatissimo sia nel nostro territorio che in tutta Italia.

• Ore 22.30:
In Piazza Plebiscito, la seconda serata si parte a tutta energia con i “Banana Republic”, cinque musicisti un po’ folli che amano divertirsi e far divertire suonando tutta quella musica che negli anni ha fatto ballare, innamorare ed emozionare.

● SABATO 24 AGOSTO
• Ore 20.30:
il centro storico ospiterà nuovamente il duo “M&L acoustic duo” presenti nella prima serata e gli “Acoustic loop duo” un progetto musicale che fonde voce, chitarra e Loop Station nella reinterpretazione in chiave acustica di grandi successi italiani ed internazionali. Piazza S.Antonio sarà la postazione degli “Orecchiette swing” una ricetta musicale che unisce lo spirito vintage dello swing e la Puglia, in un’atmosfera deliziosa e originale tutta italiana

• ore 22.30:
In Piazza Plebiscito si esibirà la cover band dei “Queennuendo” per rivivere i meravigliosi anni Ottanta con la magia dei Queen e delle loro canzoni di successo che il pubblico non potrà non cantare a squarciagola.

● DOMENICA 25 AGOSTO
• ore 20:30:
Ci sarà la replica dei “Papillon de nuit” e i “Tankarp” nel centro storico, mentre in Piazza s. Antonio si esibiranno gli “Almanegra” per rivivere le emozioni delle canzoni del grande Pino Daniele.

• ore 22.30:
In Piazza Plebiscito una seconda serata al ritmo di pizzica con i “Terraross”, ma non solo: la band combina in maniera originale le sonorità della pizzica, della tarantella, della tammurriata e il folk, proponendo uno spettacolo attraverso la musica, la danza e l'intrattenimento comico.

mercoledì 21 agosto 2019

Artisti cegliesi

 “LA CEGLIESITA’ COME ARTE” : GIOVEDI’ 22 AGOSTO, IN PIAZZA PLEBISCITO, LA CITTA’ DI CEGLIE MESSAPICA RENDE OMAGGIO AGLI ARTISTI 
CON  IL PREMIO “ARTISTA CEGLIESE” 2019

Giovedì 22 agosto, a partire dalle ore 20.00, in Piazza Plebiscito, nel cuore della città, si terrà l’evento “La Cegliesità come Arte”, una speciale serata di omaggio agli artisti cegliesi.
Si tratta di una manifestazione ideata e curata dal Consigliere Comunale Angelo Maria Perrino, Direttore di Affaritaliani.it, e dall’Assessorato alla Cultura. L’evento che segue di pochi giorni la serata dedicata ai “Cegliesi Benemeriti” e ai “Nuovi Cegliesi” sarà occasione per rendere omaggio a diversi artisti cegliesi che nel corso del 2019 si sono distinti in varie categorie artistiche.
Durante la serata a nome della città di Ceglie Messapica sarà assegnato il premio “Artista Cegliese” 2019 a :
Gianluca Leuzzi (regista noto nel panorama nazionale che ha diretto, tra le alte cose, “Untraditional”, una serie TV creata da Fabio Volo e “Like me”, una serie TV per Disney Channel), Barty Colucci (attore, imitatore, conduttore in diverse relata radiofoniche e televisive nazionali), Damiano Leo (poeta e scrittore), Pino Santoro (poeta, scultore, pittore ed attore), Antonia Gianfreda (pittrice che ha partecipato a rassegne e concorsi a carattere nazionale), Francesco Cardone (pittore che ha partecipato a rassegne e concorsi a carattere nazionale), Valentina Elia (attrice specializzata nel teatro muto e del mimo), Enrico Messina (attore, autore teatrale e responsabile della Residenza Teatrale di Ceglie Messapica), Tonia Bellanova (ballerina e fondatrice di una storica scuola di danza), Luisa Sardelli (ballerina fondatrice di una storica scuola di danza), Mirko Lodedo (musicista e compositore), Mauro Francioso (musicista e compositore), Davide Chiarelli (musicista percussionista), Luca Bellanova (musicista chitarrista specializzato presso la “Saint Louis College of Music” di Roma), Davide Epicoco (musicista e cantaurore), Gaetano Di Thiene Scatigna Minghetti (storico, docente e scrittore), Vincenzo Gasparro (docente e scrittore).
Sarà inoltre attribuito il “Premio alla Carriera – Artista Cegliese” a Paolo Cavallo, cantante che si è affermato nel panorama nazionale nei primi anni '60 esibendosi anche con Mina, Bobby Solo, ecc., ed autore di un ultimo successo intitolato “Ceglie Mia”.
Infine sarà attribuito un “Premio alla Memoria – Artista Cegliese” a Paolo Nisi, giovane scrittore amatoriale scomparso prematuramente che, attraverso i suoi scritti, ha raccontato l’amore e la passione per la città di Ceglie Messapica.
Il momento della consegna del premio (un’opera originale dell’artista locale Emilio Postorino) con alcune brevi interviste ai premiati, che hanno assicurato la loro presenza, sarà condotto dal direttore Angelo Maria Perrino.
Come omaggio a tutti i premiati, al termine della premiazione, si esibirà in Piazza Plebiscito il gruppo musicale “Vega 80” in occasione del Festival “Musica nei Vicoli”.

Pagine di Stelle


Festival "Pagine di Stelle"
Mercoledì 21 agosto ore 19.30
Giardino Museo MAAC Ceglie Messapica
Ermelinda Prete - "Pourtoi"
Alessandra Macchitella - "Santa"
Vincenzo De Marco - "Rivolto a Sud"
Modera Rosa Elenia Stravato
Saluti Ass. Antonello Laveneziana


"Pourtoi” è una storia che vi lascerà senza fiato, una storia che vi appassionerà e vi terrà incollati alle sue pagine. Una storia che comincia nel centro di Parigi, nel salotto di rue Saint-Honoré al n°374 di Marie-Thérèse Geoffrin, una di quelle intellettuali che all’epoca sovvenzionò, spiritualmente e materialmente, una parte della costosa pubblicazione dell’Encyclopédie di Diderot e D’Alembert. Un racconto storico fantastico nato dalla meravigliosa penna di Ermelinda Prete.
Ermelinda Prete è nata il 21 marzo 1983, si è laureata in lettere moderne presso l’Università degli studi di Bari e specializzata in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale presso la medesima facoltà. Attualmente iscritta alla specialistica in filologia moderna. È performer, mediatrice culturale, autrice teatrale e docente di corsi di scrittura creativa per malati di Alzheimer. Dal 2012 collabora con il Gazzettino della Valle D’Itria. Ha già pubblicato l’opera poetica Strepiti e silenzi (2010), Lupo editore. Aphonia (2012), Favia editore. Il veleno è nella coda (2014), Favia editore, Cui bono (2015), Giacovelli Editore


Santa e Luana sono due gemelle, l'una l'alter ego dell'altra. La prima è una ragazza scaltra, con un corpo da fata, desiderosa di successo; l'altra è una giovane volenterosa, dimessa, disillusa, che prova con fatica a farsi strada nel difficile mondo del giornalismo. A intrecciare le vite delle due donne arriva Paolo, riparatore di oggetti malandati, e di persone. Allora si scopre che niente era come immaginato e che Santa-Luana si portano dentro un grande segreto...
Il romanzo della giornalista Alessandra Macchitella procede su un doppio binario, quello delle vite delle due protagoniste, oscillando tra il romance, il genere introspettivo e il giallo. Una storia di amori, dolori, desiderio di riscatto, che affascina e disorienta il lettore sin dalle prime pagine, fino a catturarlo del tutto.
Alessandra Macchitella giornalista pubblicista, vincitrice del premio giornalistico Tommaso Francavilla (2017). Ha pubblicato poesie e racconti per antologie a cura di Edit@ (2015, 2017 e 2018). Autrice del saggio Donne tra le righe. Lettere da una Taranto ottocentesca (Scorpione Editrice, anno 2014) e del saggio Sesso e corpo. La colpa di essere donna, per la “Rivista di Scienze Sociali”, quadrimestrale a carattere scientifico (2013). Autrice di “Inchiostro di Puglia” con il racconto Il quaderno di Florinda (Caracò Editore, 2015).  Il suo blog: www.chegenerediblog.wordpress.com.



In "Rivolto a Sud", l'operaio, l'uomo e lo scrittore si fondono in una sola persona che si affaccia sul mondo, allungando il suo sguardo anche oltre i confini della fabbrica e del suo territorio. Questo libro, frutto del mix maleodorante e profumato del nostro presente, è un pugno allo stomaco ma allo stesso tempo una carezza sul viso. Uno sguardo, spesso critico, sulle brutture del mondo ma anche sulle sue innumerevoli bellezze, sull'attualità e sul prossimo futuro, denso di incognite e speranze. Perché, attraverso i sogni, il cambiamento è ancora possibile.
Vincenzo De Marco nasce a Grottaglie (Ta) nel 1976. Operaio dell’Ilva dal 2000 è poeta e scrittore, vincitore di moltissimi concorsi. Ha pubblicato, sempre con Les Flaneurs la silloge “Il Mostro. Versi di rabbia e d’amore” (2017) e un racconto contenuto nella raccolta “Macerie” (2016).




martedì 20 agosto 2019

Arisa... in città


Arisa si esibirà in piazza Plebiscito il 20 agosto 2019 alle ore 21.00. 
Ingresso libero fino ad esaurimento del numero massimo della capienza della location.

lunedì 19 agosto 2019

Il Gruppo Speleologico Martinese torna a esplorare le Alpi Albanesi.


Al via “Shtares 2019”. Il Gruppo Speleologico Martinese torna a esplorare le Alpi Albanesi.

Partirà domenica 18 agosto, “Shtares 2019”  la spedizione esplorativa in Albania organizzata dal Gruppo Speleologico Martinese  (GSM), che vedrà la partecipazione di 24 speleologi provenienti da tutta Italia.
Questa è la quinta estate consecutiva che i martinesi passano sulle Alpi Albanesi, precisamente nel  Parco Nazionale Nikaj-Mërtur. 
Dopo una prima spedizione perlustrativa nel 2014 con il Gruppo Faentino, sono nati i progetti Curraj (2015 e 2016) e Shtares ’17 e ‘18, in collaborazione tra GSM, Gruppo Speleologico Faentino, La Venta e Gruppo Speleologico Bolognese e Unione Spelelogica Bolognese, sotto l’egida della Società Speleologia Italiana.
«L’anno scorso – ha commentato il capo spedizione Donatella Leserri– mentre si continuava l’esplorazione della grotta Shpella Shtares, s’è provato a fare una risalita di quasi 200 metri, con l'obiettivo di entrare in un “finestrone” ben visibile sul costone della montagna. Lungo la risalita alpina, si sono individuati altre 2 cavità, la prima chiamata “Grotta del Solitario” e la seconda “Condotta del Rifugio” e infine, a distanza di qualche giorno, si è entrati nella terza:“Shpella e Dallandysheve” (Grotta delle Rondini). Quest’anno si continuerà l’esplorazione.»
La spedizione, sostenuta in parte da due sponsor Uku Pacha Outdoor Sports e Berwich Comfortable Pants, durerà fino al 1° settembre e vedrà tutti i componenti impegnati nella prosecuzione delle ricerche.
«L’interesse anche quest’anno sarà incentrato principalmente sulla continuazione dell'esplorazione della Shpella Shtares – ha dichiarato il responsabile scientifico Claudio Pastore- anche se proseguiremo nell’approfondimento della “Grotta delle Rondini”. Già dall’anno scorso l’imponente circolazione d’aria ci aveva convinto a ritornarci e già dal primo giorno disponibile proveremo a forzare anche questa cavità e a proseguire le nostre ricerche. Come per tutte le nostre spedizioni produrremo materiale foto-video, rilievi e documentazione scritta che arricchiranno la narrazione di questo angolo del paese delle Aquile, affinché altri speleologi, al di fuori di questa spedizione, possano continuare i lavori d’esplorazione e di conoscenza del territorio. Infine, saranno condotte ricerche biospeleologiche, campionamenti di roccia, monitoraggio della temperatura e misurazione del vento all’interno delle grotte».